Blue economy: 100 innovazioni per 100 milioni di posti di lavoro in 10 anni | Geometra.info

Blue economy: 100 innovazioni per 100 milioni di posti di lavoro in 10 anni

wpid-8300_pauli.jpg
image_pdf

Si chiama ”Blue economy” ed è la teoria formulata dall’economista e imprenditore Gunter Pauli e racchiusa nell’omonimo libro presentato in questi giorni al pubblico e al mondo della scienza, dell’industria, dell’imprenditoria e della finanza, in occasione della Aurelio Peccei Lecture 2011 organizzata dal WWF Italia e dalla Fondazione Aurelio Peccei (Club di Roma) in collaborazione con UniCredit.

“Un sistema perfetto come quello della natura è il punto di partenza per nuove opportunità imprenditoriali che potranno dare al mondo un modello economico nuovo, in grado di garantire risorse, benessere ed equità, perché alla portata di tutti – ha detto Gunter Pauli -. Invece di rimandare a quando i politici raggiungeranno un accordo, dobbiamo realizzare oggi e condividere in tutto il mondo le opportunità che la natura liberamente ci fornisce. L’impegno e la partecipazione dei cittadini è ciò che cambierà le regole del gioco e che influenzerà un vero mutamento”.

La natura come esempio quindi, non a caso l’edizione italiana è stata curata da Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF Italia, per Edizioni Ambiente.

“La blue economy è una rivoluzione culturale – ha detto Gianfranco Bologna, direttore scientifico del WWF Italia – che da un senso nuovo alla inestimabile ricchezza della natura, non solo dispensatrice dei servizi naturali indispensabili alla nostra vita, ma anche “maestra” di soluzioni tecnologiche e imprenditoriali nuove che ci aiuteranno ad avere un futuro più prospero e sostenibile. Una rivoluzione alla portata di tutti, che dal basso potrà cambiare il mondo ”.

Una rivoluzione che si basa su 100 innovazioni, alcune delle quali già realizzate, che ispirandosi ai meccanismi naturali possono aprire la strada ad un sistema economico nuovo e piu’ sostenibile. Con il risultato di ottenere 100 milioni di posti di lavoro in 10 anni” e offrire ”una via d’uscita dalla crisi economica.

Qualche esempio? Imitare il cuore della balena, che pompa sangue per 80 anni con appena 6 volt, il manto bicolore della zebra che crea micro-correnti in grado di regolare la temperatura, o i sistemi di raccolta dell’acqua dei coleotteri nel deserto del Namib e ancora, produrre cellulari senza batteria che si caricano con il calore del corpo e le vibrazioni della voce, coltivare funghi sui fondi di caffè, sostituire le lame in metallo dei rasoi “usa e getta” con fili di seta.

Copyright © - Riproduzione riservata
Blue economy: 100 innovazioni per 100 milioni di posti di lavoro in 10 anni Geometra.info