Ecologia digitale | Geometra.info

Ecologia digitale

wpid-8684_nuovadiigitaleg.jpg
image_pdf

Si è svolto il 20 aprile a Roma, presso il Palazzo dell’informazione in piazza Mastai, sede dell’agenzia di stampa Adnkronos un convegno sull’ecologia digitale, dal titolo ”Ecologia digitale, per Roma metropoli tecnologica e sostenibile”, organizzato dall’Associazione Clorofilla.

Articolato in cinque sessioni: “Le tecnologie per conoscere e comunicare“, “Le tecnologie per una mobilità sostenibile“, “Apps per smartphone green&social“, “Le tecnologie per l’ambiente urbano“, “Le tecnologie per semplificare i servizi” e “Green economy, i rifiuti elettronici: da problema ad opportunità“, il convegno è stata un’occasione per comprendere e analizzare quali siano le le conseguenze pratiche nella vita quotidiana, in termini di risparmio o miglioramento dei servizi, prodotte dallo sviluppo tecnologico.

Durante l’evento sono anche stati presentati i dati raccolti da AzzeroCO2, dati che cercavano allo stesso tempo di proporre utili soluzioni per ridurre le emissioni di CO2. Un esempio? Promuovendo il lavoro da casa, perche’ percorrere ogni giorno in automobile 30 km per andare e tornare dall’ufficio ”costano” all’atmosfera ben 7,2 kg di CO2, con lo scooter 3,6 Kg equivalenti e 1,5Kg se scegliamo l’autobus. Tutto cambia con il telelavoro: l’impatto per 8 ore di lavoro è di 1,44 Kg di Co2 equivalenti.

In un’ottica di crescita e sviluppo delle innovazione, svolge un ruolo importante la metropoli, ”perché rappresenta il luogo dove si produce ricchezza”, commenta Nicola Zingaretti, presidente della Provincia di Roma intervenendo al convegno sull’ecologia digitale. Secondo Zingaretti, ”si possono fare tante cose per vivere meglio ma bisogna imporre un nuovo modello di sviluppo”.

Impegno in questo senso ribadito anche dall’assessore all’ambiente del Comune di Roma Marco Visconti:”Abbiamo lavorato molto in questa direzione, – ha detto – ad esempio sulla mobilita’ elettrica, dove pero’ le stazioni di ricarica debbono essere alimentate da energia fotovoltaica, oppure sulla digitalizzazione del protocollo dal 2012 comunale per snellire la macchina burocratica”, ma, ha ammesso, ”bisogna fare di piu”’.

Al momento infatti, i punti di forza della capitale, riguardano l’info mobilità. Applicazioni come atacmobile, luce verde, wi move e realtraffic, sono molto apprezzate dai cittadini. Ma la capitale resta indietro sulle altre categorie. Roma si colloca a metà classifica per la diffusione di Hotspot pubblici per wi fi e anche sulla penetrazione della banda larga, dopo vari annunci, si sono verificati dei blocchi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ecologia digitale Geometra.info