Il G8 Ambiente apre nel segno dell'ecocompatibilità | Geometra.info

Il G8 Ambiente apre nel segno dell’ecocompatibilità

wpid-370_castellomaniace.jpg
image_pdf

Sedie e tavoli di cartone riciclato e documentazioni in formato elettronico per risparmiare carta. Il G8 dell’Ambiente che si apre oggi a Siracusa vuole essere il più possibile ecocompatibile. Per questo la sala stampa allestita presto il Castello di Maniace è arredata con “Mesa, Sigama e Beta” la sedia, il tavolo e la libreria realizzate con 800 chili di carta riciclata (equivalente al riciclo di 4.000 quotidiani), prodotte dall’azienda italiana Kubedesign, secondo cui il risparmio è di 1,2 tonnellate di biossido di carbonio.

I circa 350 giornalisti accreditati lavoreranno quindi in una “sala stampa di cartone”, voluta dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare che per i tre giorni del vertice ha voluto mettere in campo l’innovazione dell’eco-design nazionale. Attenzione alla natura ottenuto anche grazie a 1.000 block notes e 1.000 cartelline – rigorosamente in carta e cartone riciclato – distribuiti a tutti i giornalisti e a tutte le delegazioni grazie alla collaborazione con il COMIECO (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica). Per limitare il consueto uso di carta, i giornalisti troveranno il materiale in formato elettronico in un server dedicato, direttamente collegato con i computer della sala stampa e accessibile anche dai portatili personali. Infine anche raccolta differenziata: all’interno dell’area che ospiterà i lavori, vi saranno a disposizione centinaia di “uova” destinate proprio alla raccolta differenziata dei rifiuti prodotti, messe a disposizione dal CONAI. Fuori dal Castello di Maniace, traffico chiuso alle automobili: a disposizione dei partecipanti al G8 piccole macchine elettriche, camioncini elettrici e biciclette.

Fonte: Agi

Copyright © - Riproduzione riservata
Il G8 Ambiente apre nel segno dell’ecocompatibilità Geometra.info