Dove è la coda? | Geometra.info

Dove è la coda?

wpid-6228_traffico.jpg
image_pdf

L’Osservatorio Tom Tom ha stilato una particolare classifica delle dieci strade più trafficate d’Italia. Il primo premio va alla Sicilia con viale della Regione Siciliana, una circonvallazione nata dal piano regolatore del ‘62 per alleggerire il traffico delle auto e consentire un rapido attraversamento di Palermo. Adesso e’ bloccata 84 ore alla settimana, dodici ore al giorno di coda perenne, sabato e domenica compresi, seguita da via Francesco Cigna a Torino, un chilometro e mezzo di ruote bloccate ogni giorno: 81 ore alla settimana di sofferenza per chi vuole dirigersi dal centro verso l’aeroporto. La terza classificata è via Vittorio Veneto a Cassano d’Adda alle porte di Milano. A seguire altre strade di Milano che sono via Lunigiana, nella circonvallazione nord di Milano, via Porpora (zona stazione Centrale) e via Pontaccio (zona Brera). Il capoluogo lombardo è infatti uno dei più presenti nella “classifica della vergogna”, soprattutto se si considera quanto proprio in queste zone i trasporti pubblici sembrano funzionare meglio.

A Roma invece le strade da evitare sono due: via Salaria e via Veneto. Ancora: a Livorno viale Giosue’ Carducci; a Morbegno, in provincia di Sondrio, via Stelvio. Valutando infine il complesso degli ingorghi cittadini, Milano la spunta con il 29,8 per cento. Poi c’e’ Roma, 27,6 per cento di strade perennemente flagellate dal traffico e dagli ingorghi. Napoli e’ appena terza, con 27,5. per cento. Le cause? Troppe e non mancano il parcheggio in doppia fila e i veicoli fermi sulla corsia di marcia.

Una classifica che certo non fa onore all’organizzazione stradale delle città italiane e che smentisce soprattutto l’antico binomio traffico-sud. Una situazione che forse conviene tenere sotto-controllo anche perché causa di stress fisici, mancata produttività ma soprattutto danni ambientali.

Copyright © - Riproduzione riservata
Dove è la coda? Geometra.info