In Liguria il controllo del territorio si fa dal satellite | Geometra.info

In Liguria il controllo del territorio si fa dal satellite

wpid-3983_.jpg
image_pdf

In Liguria si inaugura la nuova una rete di sei stazioni GNSS (Global Navigation Satellite System) da utilizzare per attività topografiche e per l’aggiornamento di basi cartografiche e catastali. Le stazioni permanenti sono ricevitori di segnali satellitari collegati tra loro in grado di fornire una rete di appoggio per il lavoro degli operatori in possesso di strumenti portatili. La nuova tecnologia satellitare rappresenta un’innovazione per gli enti del territorio regionale che si occupano di rilievi cartografici e controlli sul territorio , un’opportunità e una semplificazione per il lavoro di geometri, ingegneri, architetti, progettisti. Il progetto ha coinvolto diversi enti sul territorio che hanno collaborato mettendo a disposizione la loro attività e le strutture logistiche. Fra i partner della Regione Liguria, l’Istituto Geografico Militare, le Province di Genova e Savona, i comuni di Bajardo, in provincia di Imperia e Beverino, nello Spezzino, l’Istituto Tecnico Superiore in memoria dei morti per la Patria di Chiavari, gli Istituti Secondari Superiori ”Giovanni Falcone” di Loano e quello di Cairo Montenotte, Datasiel Spa, la Facoltà di Ingegneria dell’Università’ di Genova, Il Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni dell’Ambiente e del territorio DICAT, Geotop srl. La nuova rete regionale GNSS sarà presentata il prossimo 21 gennaio, al palazzo della Borsa a Genova. Interverranno l’assessore alle Finanze e all’Informatica Giovani Battista Pittaluga, il dirigente dei Servizi informativi e telematici della Regione Liguria Lucia Pasetti, i partner, la responsabile del sistema informativo regionale Anna Cerrato.

Copyright © - Riproduzione riservata
In Liguria il controllo del territorio si fa dal satellite Geometra.info