Sitar, il catasto dei beni archeologici di Roma e' online | Geometra.info

Sitar, il catasto dei beni archeologici di Roma e’ online

wpid-16036_catastositar.jpg
image_pdf

La Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma ha annunciato la nascita del Sitar, il “catasto archeologico” on-line che mostra in versione digitale tutto il patrimonio archeologico di Roma, attraverso la conoscenza dettagliata degli scavi e degli studi condotti nel Centro storico e nel Suburbio. Sitar, acronimo di Sistema Informativo Territoriale Archeologico di Roma, è il frutto di un’iniziativa promossa dal Mibac e dalla Soprintendenza e realizzata in collaborazione con Enea e Garr, la rete italiana dell’Università e della Ricerca.

Il sistema documenta e rappresenta, per ogni scavo e per ogni monumento nel sistema, i dati reali, l’interpretazione del ritrovamento, il suo inserimento nel paesaggio antico e soprattutto la contestualizzazione rispetto alla città e al territorio odierno. Nella pratica, per qualsiasi manufatto emerso grazie agli scavi archeologici vengono presentate le dimensioni attuali e quelle originarie, il periodo di fondazione e impianto, l’intervallo cronologico di vita funzionale e di utilizzo, l’epoca di abbandono, le fasi del degrado, fino al contesto urbanistico attuale in cui è collocato e ‘vive’ il bene archeologico. Il sistema inoltre offre notizie amministrative e descrizione del tipo di indagine effettuata, fondi impiegati, durata dei lavori e tecnici coinvolti. Corredano la descrizione fotografie e relazioni scientifiche.

Le mappe interattive della piattaforma Sitar, costantemente fruibili via web attraverso accessi differenziati rilasciati dalla Soprintendenza, contengono dati su tutti i dispositivi di tutela archeologica e paesaggistica e i dati giuridici associati: un elemento, questo che rende lo strumento particolarmente utile anche a tutti i progettisti che hanno a che fare con interventi di trasformazione del territorio capitolino.

Il progetto ha richiesto sei anni di lavoro tra progettazione e collaudo. Al momento sono presenti circa 10.000 records già informatizzati, localizzati nei Municipi I, IV, X, XI, XV e XVIII, oltre al ricco archivio cartografico digitale. È in corso, inoltre, il completamento della rappresentazione del Centro storico, per il quale sono già disponibili nel sistema più di 5.800 records, tra indagini e ritrovamenti. Le informazioni disponibili emergono grazie al lavoro di dieci giovani archeologi che sono stati impegnati nella riorganizzazione dei dati provenienti dagli scavi eseguiti in passato sotto la responsabilità della Soprintendenza archeologica di Roma.

Per permettere il progressivo accrescimento e un costante aggiornamento tecnologico il Sitar è stato progettato su standard minimi e strumenti open-source che ne riducono i costi di gestione e ne aumentano le potenzialità di replicazione presso altre Soprintendenze ed Enti pubblici territoriali. È stato inoltre ideato un sistema di compilazione via web di schede informative appositamente predisposte per gli archeologi impegnati sui nuovi cantieri di scavo.

“In una città che quotidianamente richiede indagini nel sottosuolo, per interventi edilizi o stradali, per le infrastrutture di distribuzione dell’acqua, del gas e dell’elettricità, il Sitar diventa uno strumento di consultazione in grado di restituire in tempo reale i dati indispensabili per la pianificazione territoriale e urbanistica” spiega Mirella Serlorenzi, funzionario archeologo della Soprintendenza, ideatrice e responsabile del sistema informativo territoriale. Aggiungendo che dal sistema ci si augura che diventi “mediatore tra quella cultura più propriamente archeologica e la società civile che dovrebbe essere più coinvolta e partecipe nella gestione del territorio, in modo da rendere più diffusa la consapevolezza che la valorizzazione del nostro patrimonio culturale rappresenta il valore aggiunto per sostenere un equilibrato sviluppo sociale culturale e economico”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Sitar, il catasto dei beni archeologici di Roma e’ online Geometra.info