Ddl stabilità: le novità per l'edilizia | Geometra.info

Ddl stabilità: le novità per l'edilizia

wpid-6190_cantiere.jpg
image_pdf

Il Senato ha approvato la legge di stabilità 2011, non apportando alcuna modifica rispetto al testo uscito dalla Camera, e il Bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2011 e per il triennio 2011-2013. Le Risorse stanziate ammontano a circa 5,7 miliardi di euro livello di cassa e a 6,1 miliardi a livello di competenza.

Tra le principali misure che riguardano l’edilizia, è stata confermata la proroga per il 2011 della detrazione fiscale del 55% sulle spese sostenute per le ristrutturazioni volte al risparmio energetico – infissi, caldaie e condizionatori a basso consumo, pennelli solari -. La detrazione Irpef viene però spalmata su dieci anni per cifre di pari importo, anziché cinque come avviene attualmente, mentre non subiscono variazioni i tetti di spesa, le percentuali di detrazione e gli interventi ammessi.

È stata modificata la disciplina dell’applicabilità dell’Iva sulle cessioni di fabbricati a uso abitativo effettuate dalle imprese costruttrici o di ristrutturazione degli stessi, con l’estensione da 4 a 5 anni dall’ultimazione dei lavori del termine per l’applicabilità dell’imposta sul valore aggiunto.

Per il 2012 la legge finanziaria assegna all’edilizia sanitaria pubblica una quota dei fondi Fas pari a 1,5 miliardi di euro. Restano ferme le quote per la ripartizione in base alle quali l’85% delle risorse deve essere assegnato al Sud e il restante 15% suddiviso tra Centro e Nord Italia.

A seguito delle richieste avanzate dal settore delle costruzioni, è stato approvato un allentamento del patto di stabilità interno per i comuni è stato. Il Ddl ha istituito un fondo da 60 milioni di euro per il 2011 per il pagamento degli interessi passivi maturati dai comuni a causa del ritardato pagamento dei fornitori. Nel 2011 gli effetti negativi sull’indebitamento netto non possono superare i 480 milioni.

Altre norme del testo riguardano la proroga degli ammortizzatori sociali in deroga, la detassazione del salario di produttività, il leasing immobiliare, la realizzazione della nuova linea ferroviaria Torino-Lione, il credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo affidate dalle imprese a università o enti pubblici, l’affidamento di compiti alle società per gli studi di settore ai fini dell’attuazione del federalismo fiscale.

di O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ddl stabilità: le novità per l'edilizia Geometra.info