Disponibili le Linee Guida per la Certificazione energetica degli edifici | Geometra.info

Disponibili le Linee Guida per la Certificazione energetica degli edifici

wpid-2991_certificazioneenergetica.jpg
image_pdf

Pubblicato l’atteso decreto contenete le Linee Guida nazionali per la Certificazione energetica degli edifici. In questo modo si rende  operativo l’elemento chiave della direttiva 2002/91/CE del Parlamento europeo, riguardante la certificazione energetica nell’edilizia.

Così, dal 25 luglio, quando sarà entrata in vigore  la legge,  le unità immobiliari oggetto di compravendita, quelle di nuova costruzione e quelle soggette a ristrutturazione e quelle date in locazione dovranno essere dotate di ACE-Attestato di Certificazione Energetica redatto secondo le indicazioni contenute negli Allegati dal Decreto.

Le linee guida non sostituiranno le leggi regionali, ma saranno applicate dalle regioni e province autonome che non hanno ancora legiferato in materia, mentre le regioni e le province che hanno già emesso i propri decreti devono attuare un ravvicinamento graduale degli stessi alle nuove linee guida, e fare in modo che essi siano coerenti con i provvedimenti contenuti nell’art. 4 che descrive quali siano gli elementi essenziali del sistema di certificazione energetica degli edifici.

Sono indicati come elementi essenziali del sistema di certificazione energetica degli edifici:

  • L’efficienza energetica dell’edificio. Sono previste 7 classi che vanno dalla A+ alla G in base ai consumi in termini di kWh/annui al m²;
  • I valori vigenti a norma di legge;
  • I valori di riferimento;
  • Le norme tecniche di riferimento,europee o nazionali;
  • Le metodologie di calcolo della prestazione energetica degli edifici.

Sono inoltre elementi essenziali del sistema di certificazione la qualificazione e l’indipendenza dei soggetti preposti alla certificazione energetica.  Il certificato, dunque a  differenza dell’attestato, il certificato dovrà essere prodotto da un professionista indipendente rispetto alla progettazione o alla direzione lavori.

Inoltre:

  • Per gli edifici con dimensioni inferiori ai 3.000 mq sono previsti calcoli semplificati;
  • Sarà possibile certificare in serie gli appartamenti con le medesime caratteristiche;
  • È prevista la possibilità dell’autocertificazione per la classe G.

Infine, nelle disposizioni finali nell’art.6, si legge che gli attestati di certificazione hanno una validità temporale massima di dieci anni e gli attestati emessi finora, invece, rimangono validi un anno dall’entrata in vigore delle Linee guida, quindi fino a luglio 2010.

Gli attestati di certificazione dovranno essere aggiornati ad ogni intervento migliorativo della prestazione energetica a seguito di:

  • Interventi di riqualificazione che riguardino almeno il 25% della superficie esterna dell’immobile;
  • Interventi di riqualificazione degli impianti di climatizzazione e di produzione di acqua calda sanitaria che prevedono l’istallazione di sistemi di produzione con rendimenti più alti di almeno 5 punti percentuali rispetto ai sistemi preesistenti;
  • Interventi di ristrutturazione impiantistica o di sostituzione di componenti o apparecchi che, fermo restando il rispetto delle norme vigenti, possa ridurre la prestazione energetica dell’edificio.

Sul nostro sito è disponibile il testo del decreto.

 

Scarica le linee guida

Copyright © - Riproduzione riservata
Disponibili le Linee Guida per la Certificazione energetica degli edifici Geometra.info