Incrementa la vendita per nuda proprieta': nel 2011 +10% | Geometra.info

Incrementa la vendita per nuda proprieta’: nel 2011 +10%

wpid-10221_nuovanudaprop.jpg
image_pdf

Dal portale Immobiliare.it giungono i dati riguardanti le compravendite di nuda proprietà, una tipologia di acquisto che ha visto crescere, nel 2011 soprattutto, le proprie potenzialità. Le cause dell’incremento del 10% di vendite di nude proprietà possono essere spiegate attraverso la crisi economica e le sue ripercussioni sull’economia.

La nuda proprietà è un’operazione che consente di risparmiare sul prezzo d’acquisto riservata a chi non ha necessità di abitare immediatamente nell’immobile, in quanto si acquista solo la proprietà dell’immobile ma non l’usufrutto, che rimane del venditore finché questi è in vita. Questo tipo di operazione si rivela dunque un’opportunità di business per chi confida negli investimenti nel mattone, infatti, grazie ad essa si può, infatti, ridurre il prezzo di vendita della casa dal 5% fino al 40-50% rispetto alle quotazioni di mercato. Naturalmente, lo sconto è inversamente proporzionale all’età di chi vende. Vanno rilevati, inoltre, gli importanti vantaggi fiscali che la nuda proprietà comporta: dalla possibilità di richiedere le agevolazioni prima casa, alla più bassa base imponibile su cui applicare le imposte. Di contro, occorre attendere degli anni, fino alla morte dell’usufruttuario, per disporre concretamente dell’immobile.

Fino a poco tempo fa, vendere la nuda proprietà permetteva ai genitori di passare la propria casa ai figli risparmiando sulle tasse, ma come conferma Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Gruppo Immobiliare.it , “Oggi chi decide di vendere la nuda proprietà è spinto soprattutto dalla crisi economica. Chi acquista, dal canto suo, continua a trovare nel mattone un bene di rifugio, risparmiando notevolmente rispetto al valore di mercato dell’immobile.”

Dall’analisi di Immobiliare.it, si risale anche ad una sorta di identikit del venditore, che di solito è una persona anziana, residente in una città del Centro Nord in un immobile di livello medio-alto. Per quanto riguarda l’età, chi vende di solito ha superato i 60 anni: i più giovani hanno 65 anni, ma moltissimi sono gli ultra-ottantenni o addirittura gli ultra novantenni.  Inoltre, le quattro regioni, Lazio (addirittura con il 41% degli annunci totali), Lombardia (14%), Toscana (12%), Liguria (11%), Piemonte (9%) ed Emilia Romagna (5%), rappresentano, insieme, ben i due terzi del totale dell’offerta nazionale. Le percentuali più alte provengono dalle metropoli, dove il costo della vita è più alto, infatti, il 36% di tutti gli annunci di vendita per nuda proprietà giunge da Roma, il 9% da Milano.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Incrementa la vendita per nuda proprieta’: nel 2011 +10% Geometra.info