Lombardia, cancellate le Aler: nasce l'Agenzia lombarda pubblica edilizia | Geometra.info

Lombardia, cancellate le Aler: nasce l’Agenzia lombarda pubblica edilizia

wpid-15417_regionelombardia.jpg
image_pdf

In Lombardia prende il via la riforma del sistema Erp, Edilizia residenziale pubblica. La Giunta regionale ha infatti approvato un progetto di legge che cancella le attuali 13 agenzie e i rispettivi 13 Consigli di amministrazione, e dà vita in sostituzione a un unico organismo, denominato “Alpe”, Agenzia lombarda pubblica edilizia. È una riforma “quasi storica” ha dichiarato il Presidente della Regione Roberto Maroni, rilevando che si sta andando verso un cambiamento profondo “sia nella forma organizzativa, sia nella filosofia di intervento sul tema dell’edilizia residenziale pubblica”.

La riforma mantiene comunque i presìdi territoriali, che rimarranno e troveranno sede all’interno degli Ster: “Ci rivolgiamo a una fascia della popolazione che richiede un’attenzione particolare – ha sottolineato Paola Bulbarelli, assessore alla Casa, Housing sociale e Pari opportunità -, quindi la presenza locale non verrà modificata. L’Alpe sarà gestita da un unico Consiglio di indirizzo e vigilanza, dal quale deriveranno le linee guida per tutti gli uffici distaccati sul territorio”. Il cittadino pertanto si rivolgerà allo Ster, i cosiddetti “pirellini” che assumono il ruolo di ‘front office’ della Regione. Anche il Consiglio di indirizzo e vigilanza è costituito in modo tale, ha evidenziato Maroni, “da garantire un’adeguata rappresentatività delle realtà territoriali della Lombardia. E garantisce il necessario raccordo con i Comuni e gli altri enti pubblici e privati, che svolgono attività inerenti l’edilizia residenziale pubblica e quella privata sociale”.

In Regione spiegano che dalla riorganizzazione ci si aspetta un risparmio di circa 3,8 milioni di euro, principalmente derivati dalla riduzione dei Cda (da 169 “poltrone” a 8). Le risorse recuperate, spiega Maroni, “verranno reimmesse nel circuito dell’edilizia residenziale pubblica, per favorire l’obiettivo strategico della Giunta, ossia migliorare e potenziare il sistema”, ricordando che le Aler lombarde soffrono di un “disavanzo di circa 30 milioni di euro, che diventano il doppio se conteggiamo anche l’Imu”.

La fase di transizione fra l’attuale e il nuovo sistema, prevede la nomina di alcuni commissari. Chi e quanti saranno, verrà definito entro il 7 giugno, data termine della prorogatio decisa allo scadere dei Cda Aler, tenendo conto della densità della presenza di immobili Erp nei vari territori della regione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Lombardia, cancellate le Aler: nasce l’Agenzia lombarda pubblica edilizia Geometra.info