Nessun silenzio assenso per il permesso di costruire se manca l'asseverazione | Geometra.info

Nessun silenzio assenso per il permesso di costruire se manca l’asseverazione

Se manca l'asseverazione del progettista abilitato non si forma il silenzio assenso sulla domanda di rilascio del permesso di costruire. Lo stabilisce il TAR

pdc e asseverazione
image_pdf

Non si forma il silenzio assenso su una domanda di rilascio di un permesso di costruire, ai sensi dell’art. 20, comma 1, del D.P.R. 380/01, nel caso di assenza della dichiarazione del progettista abilitato che asseveri la conformità del progetto agli strumenti urbanistici e alle norme vigenti. Lo stabilisce il T.a.r. Campania con sentenza 9 luglio 2015, n. 3650.
Il T.A.R. napoletano ritiene che non si formi il silenzio assenso su una domanda di rilascio di un permesso di costruire in assenza della dichiarazione del progettista abilitato che asseveri la conformità del progetto agli strumenti urbanistici e alle norme vigenti.
In particolare, la sentenza in esame osserva che in base all’art. 20, comma 1, del D.P.R. 380/01, la domanda per il rilascio del permesso di costruire deve essere accompagnata «da una dichiarazione del progettista abilitato che asseveri la conformità del progetto agli strumenti urbanistici approvati ed adottati, ai regolamenti edilizi vigenti, e alle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia e, in particolare, alle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie nel caso in cui la verifica in ordine a tale conformità non comporti valutazioni tecnico-discrezionali, alle norme relative all’efficienza energetica».
La veridicità dell’asseverazione è presidiata dall’irrogazione di sanzioni penali e disciplinari in caso di mendacio che responsabilizzano l’interessato, concorrendo a definire un equilibrio tra le esigenze della semplificazione amministrativa e la necessità di prevenire il pericolo di una più facile proliferazione degli interventi edilizi contrari alla strumentazione urbanistica ed alle altre normative di settore.
La completa assenza di qualsiasi asseverazione del genere da parte del progettista abilitato esclude in radice la possibilità della formazione di un titolo abilitativo tacito sulla domanda della società istante, assorbendo ogni questione sulla compatibilità tra il regime semplificato dell’art. 20 del D.P.R. n. 380/01 e la legislazione regionale.
Nel caso di specie il silenzio assenso non poteva essersi fermato in quanto non risulta che l’istanza di permesso di costruire fosse corredata dalla dichiarazione di un tecnico abilitato.
La sentenza in esame inoltre affronta una tematica legata alla normativa regionale della Campania indicando che in questa regione l’istituto del silenzio assenso non può trovare applicazione in presenza delle leggi regionali n.19 del 28 novembre 2001 e n. 10 del 18 novembre 2004, che disciplinano l’esercizio dell’intervento sostitutivo da parte dell’amministrazione competente, il cui tenore letterale porta a qualificare il comportamento inerte tenuto dal comune, non come assenso, ma come mero inadempimento (T.A.R. Campania, Napoli, sez. II, 11 ottobre 2013, n. 4559).

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Nessun silenzio assenso per il permesso di costruire se manca l’asseverazione Geometra.info