Pianificazione urbanistica: come va considerata la modifica del PRG? | Geometra.info

Pianificazione urbanistica: come va considerata la modifica del PRG?

La modifica del Piano regolatore, che prevede indici di fabbricazione più favorevoli, si considera per le sole aree libere e non per quelle già utilizzate a scopo edificatorio

prg e indice di fabbricazione
image_pdf

L’eventuale modificazione del piano regolatore, che prevede nuovi e più favorevoli indici di fabbricazione, può interessare, nell’ambito della zona del territorio considerata dalla pianificazione urbanistica, solo le aree libere, escludendo tutte le aree comunque già utilizzate a scopo edificatorio, anche se le stesse si presentino “fisicamente” libere da immobili.

Al contrario, le variazioni in senso restrittivo, invece, degli indici si impongono alle aree per le quali, pur essendo in precedenza previsti indici più favorevoli, non siano state ancora utilizzate a fini edificatori.

In buona sostanza è quanto affermato dal Consiglio di Stato con la sentenza del 20 luglio 2017, n. 3573, da scaricare gratuitamente al termine dell’articolo.

Le previsioni del Piano regolatore generale servono a conformare l’edificazione futura e non anche le costruzioni esistenti al momento dell’entrata in vigore del Piano o di una sua variante.

Un’area edificabile già interamente considerata in occasione del rilascio di una concessione edilizia, agli effetti della volumetria realizzabile, non può essere considerata come area libera, neppure parzialmente, ai fini del rilascio di una seconda concessione nella perdurante esistenza del primo edificio, irrilevanti appalesandosi le vicende inerenti alla proprietà dei terreni.

In ipotesi di realizzazione di un manufatto edilizio la cui volumetria è calcolata sulla base anche di un’area asservita o accorpata, l’intera estensione interessata deve essere considerata utilizzata ai fini edificatori, con l’effetto che anche l’area asservita o accorpata non è più edificabile, anche se è oggetto di un frazionamento o di alienazione separata dall’area su cui insiste il manufatto.

Copyright © - Riproduzione riservata
Pianificazione urbanistica: come va considerata la modifica del PRG? Geometra.info