Sanatoria su case abusive in Sicilia: una possibilità “avvilente” per Simoncini | Geometra.info

Sanatoria su case abusive in Sicilia: una possibilità “avvilente” per Simoncini

L'intervento dell'ing. Sandro Simoncini, presidente di Sogeea, società che studia le pratiche di condono edilizio in Italia, sulla sanatoria che sarà votata nei prossimi giorni dall'assemblea regionale siciliana

sanatoria_sicilia
image_pdf

In Sicilia, solo prendendo in considerazione i capoluoghi di provincia e gli altri Comuni con oltre 20mila abitanti, risulta che gli amministratori siciliani devono ancora smaltire 220.000 domande di condono edilizio relative alle tre leggi nazionali del 1985, 1994 e 2003. Su questa base sarebbe “avvilente e anacronistica” la possibilità che il Parlamento della regione Sicilia vari una sanatoria per le abitazioni costruite a meno di 150 metri dal mare.

Ad affermarlo è l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA, intervenuto a proposito dell’annuncio di una votazione al parlamento siciliano di un emendamento alla legge sull’edilizia che riammetterebbe al condono tutte le case costruite entro i 150 metri dalla costa tra il 1976 e il 1985. Un tema su cui è intervenuto in modo molto forte anche il ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti, affermando l’intenzione di impugnare ogni condono eventuale di fronte alla Corte Costituzionale.

Per Simoncini “sarebbe un provvedimento folle sotto il profilo normativo, uno schiaffo a tutti i cittadini che rispettano le regole e l’ennesima prova che in Italia si può costruire in spregio della legge e del buon senso con la sicurezza di non doverne affrontare le conseguenze”.

Simoncini parte dai dati sulle domanda ancora inevase di condono rilevati dal dossier elaborato sul tema dal Centro studi Sogeea (leggi di più qui).
Non c’è dubbio che in molti casi, si è preferito evitare di lavorare le pratiche per non essere costretti a dare i dinieghi e dover procedere, di conseguenza, alle demolizioni. Un malcostume che si aggiunge al danno erariale per oneri concessori, oblazioni, diritti di istruttoria e di segreteria e risarcimenti per danno ambientali che potrebbero essere riscossi portando a termine la lavorazione delle istanze”, afferma Simoncini.

La situazione che si sta verificando è sintomatica dello scempio perpetrato nei confronti del territorio italiano – prosegue Simoncini -. L’ultima analisi fatta dall’Ispra sullo stato delle nostre coste è impietosa: il 20% del suolo compreso fra 0 e 300 metri dal mare è impermeabilizzato e ormai irrimediabilmente perso. Tra l’altro, nel caso di Licata, non stiamo parlando di abitazioni di fortuna costruite per dare un tetto a famiglie in difficoltà, ma di secondo o terze case realizzate per trascorrervi le vacanze: un fatto inaccettabile non solo dal punto di vista legale, ma anche etico”.
Ci si vuole fare beffe dello Stato e degli amministratori locali, che in forza di provvedimenti giudiziari dovrebbero procedere senza indugi alle demolizioni, ma anche di tutti gli italiani che si comportano secondo le regole. Va anche sottolineato che a presentare uno degli emendamenti in cui si propone la sanatoria è stato un ex sindaco di Trapani, città che a distanza di più di trent’anni dalla prima legge sul condono deve ancora lavorare 3.500 istanze, più di un terzo di tutte quelle presentate, e incassare oltre 13 milioni di euro. Non certo un esempio di efficienza amministrativa”, conclude l’ingegnere.

Copyright © - Riproduzione riservata
Sanatoria su case abusive in Sicilia: una possibilità “avvilente” per Simoncini Geometra.info