Mercato immobiliare: niente ripresa nel 2013 | Geometra.info

Mercato immobiliare: niente ripresa nel 2013

wpid-13771_tecnocasamercatoimmobiliare.jpg
image_pdf

Per il mercato immobiliare il 2013 riserverà poche novità sul fronte della ripresa, specie se non vi saranno cambiamenti significativi nello scenario economico, “in grado di restituire fiducia e ridurre l’incertezza che tanto incide su una decisione di acquisto importante come quella della casa”. Lo sostiene l’Ufficio studi del Gruppo Tecnocasa, che ha pubblicato le ipotesi di previsione sul mercato immobiliare dell’anno appena iniziato.

Il trend generale del 2012, che ha riguardato tanto le grandi città quanto l’hinterland e le province più piccole, è stato caratterizzato dal calo delle transazioni e dalla riduzione dei prezzi, seppur quest’ultima in misura proporzionalmente più contenuta rispetto al crollo delle compravendite. Le cause sono note: difficoltà d’accesso ai mutui, incertezza sul piano dell’occupazione e Imu, in una combinazione letale per il mercato immobiliare che ha avuto gli effetti più pesanti in particolare sulle fasce più giovani.

Le stime di Tecnocasa non rivelano sostanziali novità rispetto a questo trend, con la previsione di un’ulteriore discesa dei prezzi, tra -5% e -3%. Se nei centri delle grandi città (Roma e Milano) è prevista una tenuta, è più difficile che ciò accada nelle zone periferiche e popolari, al punto che – sottolinea il Gruppo – “sarà la qualità abitativa a fare la differenza”.

Discorso a parte per l’hinterland delle grandi città: qui oltre al problema dell’accesso al credito, si somma la difficoltà della collocazione dei nuovi appartamenti, sia per il costo elevato, sia per la scarsità di acquirenti. L’ipotesi è quindi che le nuove case potranno subire un sensibile ribassamento dei prezzi. Confermato anche il ribasso per le province, seppur in misura più contenuta.

L’analisi di Tecnocasa si conclude con una nota moderatamente positiva: secondo il Gruppo il ribasso dei prezzi nel 2012 e nel 2013 “potrà consentire a coloro che hanno il capitale o che potranno ottenere un mutuo la possibilità di acquistare a prezzi molto vantaggiosi”. Difficile immaginare una corsa all’investimento immobiliare, frenata dall’aumento della prudenza nell’acquisto. Più probabile che chi possieda più immobili decida di alienarne alcuni, a causa dell’aggravio fiscale.

Il mercato delle locazioni” conclude Tecnocasa, “continuerà ad assorbire la domanda di coloro che non riescono ad acquistare e le richieste saranno in aumento. Ci sarà anche una buona offerta sul territorio di immobili in affitto che potrebbe aumentare anche in seguito all’Imu. I canoni di locazione non dovrebbero registrare incrementi”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Mercato immobiliare: niente ripresa nel 2013 Geometra.info