Mutui: la domanda crolla del 23% secondo i dati del Crif | Geometra.info

Mutui: la domanda crolla del 23% secondo i dati del Crif

wpid-9998_nuovamutui.jpg
image_pdf

Il crollo della domanda per i mutui è a due cifre anche secondo i dati diffusi dal sistema d’informazioni creditizie del Crif, l’Eurisc. In settembre 2011, ha rilevato il Crif, il calo è stato del 23% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Enrico Lodi, direttore Generale Credit Bureau Services del Crif, definisce lo scenario come preoccupante, viste anche le proiezioni per fine anno. Se nei periodi precedenti alla crisi, infatti, i mutui erogati raggiungevano le 700.000 unità, in gennaio sfioreranno le 570.000, con prestiti a importi bassissimi (136.000 E contro i 139.000 E degli anni scorsi).

Nessuna variazione di prezzi nel mercato immobiliare e spread alti (2%), ai livelli dei tempi d’introduzione dell’euro: queste due delle cause del calo dei mutui e delle aspettative delle famiglie italiane. Acquisti e investimenti rinviati e come i mutui, anche i prestiti hanno subito un crollo.

L’ultima speranza è che una leggera scossa al mercato arrivi dall’annunciata bozza del Decreto Sviluppo, dove pare si prospettino aiuti da parte dello Stato, che dovrebbe fare da garante presso gli istituti di credito per le giovani coppie senza un contratto di lavoro a tempo indeterminato che vogliano acquistare la prima casa.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Mutui: la domanda crolla del 23% secondo i dati del Crif Geometra.info