Valutazione immobiliare: pubblicati i nuovi standard europei | Geometra.info

Valutazione immobiliare: pubblicati i nuovi standard europei

TEGoVA, la Federazione europea delle associazioni di valutatori immobiliari, ha pubblicato la nuova release del 'blue book' che definisce e aggiorna gli standard europei per la valutazione immobiliare

estimo_valutazione_immobiliare
image_pdf

Dal 1° giugno 2016 saranno operativi i nuovi standard di valutazione immobiliare europei: i nuovi standard (scarica qui il testo integrale in inglese) sono stati illustrati a Bruxelles durante l’ultima Conferenza Europea e Assemblea Generale del TEGoVA,  la Federazione europea delle associazioni di valutatori immobiliari che rappresenta 70mila professionisti, 64 full members in 32 Paesi e che dal 1980 si occupa di pubblicare per il mercato europeo gli standard di valutazione.

Per la categoria dei Geometri Italiani è intervenuto all’Assemblea Generale e alla Conferenza Europea dei Valutatori il Vice Presidente CNGeGL Antonio Benvenuti.

“Gli standard EVS2016 saranno al più presto tradotti e resi disponibili da CNGeGL ai professionisti che ne possono così beneficiare nel loro lavoro quotidiano. Fra i parametri di valutazione attualmente sul mercato sono i più consoni al ruolo del valutatore immobiliare, in considerazione della loro specificità totalmente basata sugli immobili. A ciò si aggiunge il riconoscimento della Banca Centrale Europea, che ha scelto lo standard EVS quale preferito nell’Asset Quality Revue per l’ispezione nelle banche: ulteriore elemento che ne conferma l’importanza. Per questa ragione – precisa Benvenuti – come CNGeGL proseguono le nostre attività di rilascio della qualificazione europea REV (Recognition European Valuer) del TEGoVA quale strumento per identificare un valutatore qualificato, attività svolta in esclusiva con gli altri membri italiani del TEGoVA per l’Italia dal 2015”.

I nuovi standard di valutazione sono descritti nella nuova release dell’Evs, European Valutations Standard, da sempre denominato “Blue Book”. Il testo si divide in quattro parti:

  1. parametri di valutazione e relative linee guida
  2. codici europei: in particolare codice etico e condotta del professionista abilitato alla valutazione degli immobili
  3. legislazione europea del mercato immobiliare e della valutazione
  4. documenti tecnici: valutazione automatica (AVM), metodologia estimativa, misurazione del valore equo (fair valuer)

I parametri in oggetto sono gli unici che riguardano in modo esclusivo la valutazione del settore immobiliare e rappresentano il risultato di un articolato lavoro di gruppo, composto dai membri che fanno parte dell’associazione. Gli standard europei sono stati richiamati nella recente direttiva dei mutui (17/2014) recepita dal Governo Italiano (il relativo dlgs é in corso di pubblicazione sulla prossima Gazzetta Ufficiale) e considerati come best practicees dalla Banca Centrale Europea nella procedura di Asset Quality Revue. Un chiaro segnale che indica l’autorevolezza raggiunta dagli standard europei nel corso degli anni.

Leggi anche: Valutazione: dal 2015 certificazione europa Tegova per i geometri italiani

I contenuti principali del European Valutations Standard – Blue Book TEGoVA

Parte 1: valutazione europeo di normalizzazione e di orientamento Note

SVE continua a fornire cinque standard. Tutti sono stati raffinati e rinforzati oltre quelli pubblicati nel 2012. A titolo di esempio:

  • EVS 1, valore di mercato, viene ampliato per includere una definizione di mercato affitto, derivato da e coerente con la sua definizione di valore di mercato
  • EVS 2, valutazione basi diverse al valore di mercato, estende il commento relativo al Finanziamento ipotecario Value (MLV), che spiega l’approccio concettuale del valore a rischio per gestire l’esposizione al rischio degli istituti di credito, tenendo conto dei requisiti di sicurezza speciali
  • EVS 3, il qualificato Estimatore, amplia i requisiti che determinano che il perito sia, e di essere visto per essere, non solo competente ad agire, ma anche indipendenti, e senza i potenziali conflitti d’interesse non che sono o del possibile e che possono essere prevista al momento in cui vengono accettate le istruzioni
  • EVS 4, il processo di valutazione, integra e modifica la guida pubblicata maggio 2013 relativa ai termini di impegno
  • EVS 5, Segnalazione di Valutazione, cita il regolamento sui requisiti patrimoniali dell’Unione Europea 575/2013, che definisce sia valore di mercato e valore Finanziamento ipotecario, in linea con le definizioni di cui al SVE e fornisce anche il commento su situazioni in cui le opinioni di “valore in più termine “sono richiesti.

Note di orientamento (in precedenza denominato Applicazioni) fanno seguito alle norme. Essi sono stati rinforzati per fornire un’analisi dettagliata e spiegazione delle questioni chiave e approcci da seguire. Ad esempio, EVGN 4, Valutazione della assicurabile valore e danni è stata ampliata e comprende un Informazioni sulla carta aggiornata relativa ai danni assicurati pubblicato nel maggio del 2013.

Ci sono due nuove aree tematiche coperte dalla Guidance:

  • EVGN 9, TEGoVA commerciale prestito Specification. Questa specifica è stato pubblicato inizialmente nel mese di ottobre 2014, progettato per essere utilizzato da periti che forniscono valutazioni di prestiti garantiti ai finanziatori che sono membri della Federazione Europea Mortgage (EMF).
  • EVGN 10, Valutazione: Rispetto SVE. Questo GN fornisce chiarimenti su quelle valutazioni che saranno compatibili, e spiega le ragioni principali per cui la valutazione non avrebbe bisogno di rispettare o sarebbe partito dai requisiti TEGoVA.

Parte 2: Codici europei

Per quanto riguarda i codici europei, due codici aggiornati ed estesi sono forniti, Codice etico e di condotta, e il Codice europeo di misura vale a dire gli Valuers europee.

Parte 3: Unione Europea Legislazione e proprietà di Valutazione

Introdotto nell’edizione 2102, una sezione completa è dedicata al corpo del diritto comunitario impatto immobiliare e stima con molti aggiornamenti per tener conto dei progressi delle politiche immobiliari europei nel corso degli ultimi anni. Sulla base di osservazioni pervenute dal 2012, questa sezione è di particolare valore per accademici, ricercatori, funzionari e consulenti coinvolti negli aspetti immobiliari della politica dell’UE.

Parte 4: documenti tecnici

Otto Informazioni Papers (tra l’altro) sono inclusi all’interno della parte 4. Nuove aree tematiche includono valutazioni in recidiva di proprietà fini fiscali, modelli di valutazione automatici (AVM) e metodologia di valutazione. Le carte rimanenti sono stati aggiornati e rinfrescato.

EVS 2016 non affronta tutti i problemi specifici del paese. capitoli Paese sono pubblicati su questo specifichi i dettagli delle legislazioni e prassi nazionali di valutazione che sono rilevanti per quel paese sito. Questa ottava edizione delle norme di valutazione europea sostituisce la precedente, con effetto dal 1° giugno 2016.

Il documento integrale del TEGoVA (in inglese) è disponibile a questo link.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Valutazione immobiliare: pubblicati i nuovi standard europei Geometra.info