Il mutuatario a Milano e a Roma: l'identikit | Geometra.info

Il mutuatario a Milano e a Roma: l’identikit

wpid-23239_quandoconvienefaresurrogamutuo.jpg
image_pdf

L’identikit del mutuatario arriva dallUfficio studi del Gruppo Tecnocasa che ha analizzato le caratteristiche di chi richiede un mutuo e quelle del prodotto più richiesto nel 2013 a Milano e a Roma,prendendo in esame le operazioni di sottoscrizione di un finanziamento ipotecario attraverso le agenzie Kìron ed Epicas.

Area di provenienza

Nelle due città vengono finanziati in maniera nettamente preponderante i cittadini italiani, che rappresentano quasi il 93% a Milano e il 97% a Roma. Emergono lievi differenze nella composizione dei mutuatari non italiani, in quanto i cittadini europei rappresentano il 4,4% dei mutuatari a Milano e il 2% a Roma.

Età anagrafica

A livello nazionale l’età media di chi, nel 2013, ha sottoscritto un mutuo è 38,7 anni, con valori tendenzialmente più bassi nel Nord Italia e più alti al Sud e nelle Isole. L’età di chi richiede un finanziamento a Roma è leggermente superiore alla media (39,2 anni), mentre a Milano si accede al finanziamento in età più giovane (36,3 anni).

La tendenza ad accedere al mutuo in età più giovane si manifesta in modo più evidente nella tabella seguente, in cui si mettono a confronto le fasce di età del mutuatario nelle due grandi città. A Milano quasi la metà del campione ha un’età compresa tra 18 e 34 anni, mentre a Roma la stessa fascia incide per il 38%. I valori sono pressoché identici per la fascia 35-44 anni: 37,4% a Milano e 38,5% a Roma. La tendenza è opposta con l’aumentare dell’età: a Milano poco meno del 15% ha almeno 45 anni (e solo lo 0,4% è over 65), mentre a Roma costoro rappresentano circa il 23%.

Professione

Come ampiamente ipotizzabile, gli istituti di credito tendono a finanziare maggiormente i soggetti che hanno redditi certi. Milano e Roma non fanno eccezione, in quanto i lavoratori a tempo indeterminato rappresentano circa otto mutuatari su dieci (l’81,2% a Milano e il 78,6% a Roma). Chi ha un lavoro flessibile (tempo determinato, libero professionista/autonomo) viene finanziato in misura leggermente maggiore a Milano, dove tale caratteristica incide per il 12% (a Roma, invece, rappresenta il 9,7%).

Finalità dell’operazione

L’acquisto della prima casa è, come logico aspettarsi, la motivazione principale per la quale si fa ricorso al mutuo. Milano e Roma non fanno eccezione in tal senso: nel capoluogo lombardo l’incidenza è del 94%, nella Capitale si tocca il 96,3%.

Tipologia di mutuo

Nella Capitale è stata registrata una maggiore incidenza per il tasso variabile con cap, mentre a Milano è il tasso variabile puro ad essere stato maggiormente utilizzato. Lapercentuale di chi ha sottoscritto un mutuo a tasso fisso è più alta a Roma (20,7%, a fronte del 12% di Milano); tendenza opposta per la tipologia a rata costante, che pesa il 26,5% a Milano e l’11,7% a Roma.

Dall’analisi condotta dall’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, su base dati Kìron ed Epicas, emerge come più della metà dei mutuatari a Milano e Roma abbia optato per un tasso variabile, approfittando della convenienza delle rate ma assumendosi il rischio di un futuro aumento dei tassi (eventualmente proteggendosi con un tetto massimo, sopportando comunque una maggiorazione del costo prodotto).

Durata del mutuo

Sul territorio nazionale, nel 2013 la durata media del mutuo è stata di poco superiore a 24 anni. Milano e Roma si discostano leggermente dalla media nazionale, in quanto nella prima città i mutui durano mediamente 25,4 anni, mentre nella Capitale 24,7 anni.

Importo del mutuo

Nel corso del 2013 l’importo medio di mutuo erogato sul territorio nazionale è stato pari a circa 109.900 euro. Milano e Roma fanno registrare un importo medio di mutuo nettamente superiore alla media nazionale. Milano viene finanziata mediamente con poco più di 125.000 euro, mentre Roma con quasi 128.000 euro.

Segmentando il campione per fasce di erogato, si nota come a Milano e Roma vengano finanziati maggiormente mutui di importo medio, compresi tra 100 e 150.000 euro. La percentuale è di poco superiore al 40% in entrambe le città, ma si evidenziano lievi differenze sugli importi delle altre classi: mutui di valore inferiore a 100.000 euro si erogano maggiormente a Milano, quelli oltre 150.000 euro a Roma.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il mutuatario a Milano e a Roma: l’identikit Geometra.info