Imu e Tasi: 'patrimoniale straordinaria' per gli italiani | Geometra.info

Imu e Tasi: ‘patrimoniale straordinaria’ per gli italiani

wpid-21834_TASSE.jpg
image_pdf

Il passaggio dall’Ici all’Imu – con il contestuale aumento dei moltiplicatori catastali – ha generato a carico di famiglie e imprese l’effetto di una patrimoniale straordinaria di 355 miliardi di euro, causando una massiccia caduta, oltre che del numero di compravendite, anche dei valori degli immobili. E con l’introduzione della Tasi, a partire da quest’anno, sugli italiani graverà una patrimoniale pari al 25% del Pil.

Sono questi i principali dati che emergono da uno studio presentato oggi dalla Confedilizia nel corso di una conferenza stampa alla quale ha partecipato, con il presidente Corrado Sforza Fogliani, il prof. Francesco Forte, emerito di Scienza delle finanze, autore della ricerca.

Lo studio dimostra anche come in connessione alla caduta del mercato immobiliare si sia verificato un grave effetto recessivo e una massiccia perdita di occupazione. Gli investimenti si sono ridotti di 14 miliardi, quasi un punto di Pil, e, essendo molto alto il loro effetto di moltiplicatore della domanda, si può dire che ciò ha fatto perdere 1 punto e mezzo di Pil in un biennio, mentre la caduta di 400mila addetti nell’occupazione diretta e indotta ha generato una disoccupazione del 50% di quella totale del medesimo periodo.

Le conclusioni della ricerca sono amare. La crisi in Europa che ha generato caduta del Pil, disoccupazione, deficit di bilancio, crisi debitorie private e pubbliche e gravosi processi di aggiustamento, che ora rendono difficile la ripresa, è stata innescata dallo scoppio della bolla finanziaria che aveva provocato negli Usa un artificioso gonfiamento del settore immobiliare e dei titoli connessi e si è propagata con analoghe crisi in Irlanda, Regno Unito, Spagna, Portogallo, Grecia. L’Italia ne aveva subìto il contraccolpo ma sino al 2011 aveva avuto una tenuta dell’occupazione e del Pil superiore alla media del Sud dell’Europa dovuta al fatto che non aveva avuto la crisi del settore immobiliare.

Le banche italiane avevano molto debito pubblico, ma non avevano sofferenze nel credito edilizio, con le famiglie e il patrimonio immobiliare privato che garantivano l’economia pubblica. Con l‘Imu e ora con la Tasi, il Governo – anche per via della pressione dei Comuni – ha creato la crisi da cui l’economia di mercato era scampata.

Copyright © - Riproduzione riservata
Imu e Tasi: ‘patrimoniale straordinaria’ per gli italiani Geometra.info