Imu: ‘esonero' per l'85% dei proprietari con la franchigia a 600 euro | Geometra.info

Imu: ‘esonero’ per l’85% dei proprietari con la franchigia a 600 euro

wpid-17705_imu.jpg
image_pdf

Se fosse confermata l’introduzione di una franchigia pari a 600 euro, l’85,1% dei contribuenti non pagherebbe l’Imu sull’abitazione principale: questa decisione farebbe “perdere” alle casse dei Comuni italiani 2,1 miliardi di euro.

A fare i conti è l’Ufficio studi della CGIA di Mestre che, a seguito delle indiscrezioni di questi ultimi giorni, ha stimato in 15.262.800 (pari all’85,1%) il numero dei proprietari di prima casa che con l’introduzione di questa misura sarebbe esonerato dal pagamento dell’imposta.

Diversamente, non sfuggirebbero al versamento dell’Imu sull’abitazione principale 2.663.900 proprietari (pari al 14,9% del totale contribuenti) che sarebbero tenuti a pagare complessivamente 1,89 miliardi di euro.

Se, invece, si optasse per l’aumento della detrazione – e non la franchigia – dagli attuali 200 a 600 euro, vi sarebbe un risparmio anche per quei 2.663.900 di proprietari non toccati dai benefici dell’opzione “franchigia”: di conseguenza, il mancato gettito salirebbe così a 3,3 miliardi.

Cosa ne pensa il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi? “Ipotizzando che prevalga l’opzione dell’introduzione di una franchigia di 600 euro, faccio davvero fatica a pensare che tra gli 810 miliardi di spesa pubblica previsti per il 2013 non si riescano a trovare 2 miliardi di euro di copertura finanziaria per i bilanci comunali e un altro miliardo per evitare l’aumento dell’Iva previsto dal 1° ottobre. Grazie all’uscita dalla procedura di infrazione per deficit eccessivo, nel 2014 potrebbero essere trovati facilmente quei 6 miliardi di euro necessari per evitare l’aumento dell’Iva e per esonerare quasi tutti dal pagamento dell’Imu sulla prima casa.”

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Imu: ‘esonero’ per l’85% dei proprietari con la franchigia a 600 euro Geometra.info