La motivazione per effettuare una variante al piano regolatore generale | Geometra.info

La motivazione per effettuare una variante al piano regolatore generale

wpid-454_pianoregolatore.jpg
image_pdf

Massima

La variante di un piano regolatore generale, che conferisce nuova destinazione ad aree che risultavano già urbanisticamente classificate, necessita di apposita motivazione solo nel caso in cui queste classificazioni siano assistite da specifiche aspettative in capo ai rispettivi titolari, cioè da individuate situazioni giuridiche concrete. In caso di perdita di efficacia della lottizzazione per scadenza del termine decennale, ai soggetti estranei alla proprietà delle aree interessate non può essere riconosciuto alcun peculiare affidamento all’intangibilità della precedente destinazione urbanistica, anche in caso di aree prima destinate a standard (Conferma della sentenza del T.a.r. Lombardia – Brescia, n. 118/2005).

 Scarica la sentenza in versione integrale

Copyright © - Riproduzione riservata
La motivazione per effettuare una variante al piano regolatore generale Geometra.info