Patto di stabilità: arriva il bonus per 1.400 comuni | Geometra.info

Patto di stabilità: arriva il bonus per 1.400 comuni

wpid-9010_comuni.jpg
image_pdf

Il dpcm 23 marzo 2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 120 del 25 maggio, ripartisce fra le Province e i Comuni con oltre 5.000 abitanti i 480 milioni di euro messi a disposizione per alleggerire il peso del Patto di stabilità interno 2011.

Una quota significativa del bonus va a Milano, con l’obiettivo di accelerare la realizzazione degli interventi connessi all’Expo 2015. Complessivamente arrivano nel capoluogo lombardo 130 milioni di euro, con 110 milioni destinati a palazzo Marino e gli altri 20 alla Provincia. Per gli altri Comuni il bonus è fissato a quota 310 milioni, mentre alle restanti Province arriveranno 40 milioni di euro.

Per agevolare i piccoli Comuni, è prevista l’applicazione di un coefficiente crescente in funzione della dimensione demografica di ciascun ente (5,4% per quelli con popolazione inferiore a 10.000 abitanti, 7% per quelli compresi fra 10.000 e 200.000 abitanti, 10,5% per gli altri). Il risultato è uno sconto a favore di circa 1.400 enti, perlopiù medi o medio-piccoli (l’unico grande Comune nella lista dei beneficiari è Torino), con riduzioni dell’obiettivo che in alcuni casi limite come Loreggia, in Provincia di Padova, dove abbattono di circa il 90% l’obiettivo originario.

Per le Province si considera, invece, l’incidenza percentuale della riduzione dei trasferimenti sulla media delle spese correnti 2006-2008: laddove tale rapporto sia superiore al 7%, esse riducono il proprio obiettivo di un importo pari alla somma dei valori ottenuti moltiplicando la popolazione per 1,963 e la superficie territoriale per 248 e il risultato va poi diviso per mille per esprimere i dati in migliaia di euro.

Il dpcm chiarisce infine che le entrate straordinarie originate dalla cessione di azioni o quote di società operanti nel settore dei servizi pubblici locali, nonché quelle derivanti dalla distribuzione dei dividendi determinati da operazioni straordinarie di tali società, qualora quotate in mercati regolamentati, e le risorse relative alla vendita del patrimonio immobiliare sono considerate ai fini della verifica del rispetto del Patto.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Patto di stabilità: arriva il bonus per 1.400 comuni Geometra.info