Per salvare Pompei arriva un mega progetto tedesco | Geometra.info

Per salvare Pompei arriva un mega progetto tedesco

wpid-18243_.jpg
image_pdf

Nell’ambito di “Pompeii Sustainable Preservation”, progetto di ricerca e restauro lanciato da un consorzio scientifico internazionale, i ricercatori della Technische Universität di Monaco di Baviera (TUM) e dell’Istituto Fraunhofer di Stoccarda trascorreranno i prossimi dieci anni studiando soluzioni a lungo termine per salvare dalla rovina il sito patrimonio mondiale dell’Unesco.

Gli interventi messi in atto a Pompei dalla Repubblica Italiana e dall’Unione europea nell’ambito del “Grande Progetto Pompei” verranno completati e ampliati attraverso questo progetto a lungo termine, promosso anche da Iccrom, il centro internazionale di studi per la conservazione ed il restauro dei beni culturali.

Il piano delle attività, che partiranno nell’estate del 2014, è stato sviluppato su dieci anni e, nel corso di questo periodo, richiederà circa 10 milioni di euro al fine di realizzare i lavori previsti secondo gli standard di qualità ed eccellenza necessari.

I ricercatori – esperti in varie discipline, insieme a restauratori e archeologi – si concentreranno inizialmente su un’insula, un isolato di Pompei. “Il primo passo sarà il drenaggio, seguito da nuovi tipi di strutture di protezione. Ma questo è solo l’inizio – ha spiegato il professor Erwin Emmerling del TUM –“. Al centro del progetto, l’impiego di tecniche innovative, strumenti e metodi di ultima generazione per un restauro radicale, dai giardini alle coperture, al fine di garantire condizioni di conservazione ottimali nel tempo.

L’antica città sarà esaminato accuratamente anche attraverso fotografie aeree e le analisi sismiche forniranno indicazioni su come il monumento sarà influenzato dalle scosse di futuri terremoti. Ingegneri civili e strutturisti coordineranno le attività in questo ambito. Infine, alcune aree di Pompei verranno selezionate per essere sottoposte a una riprogettazione paesaggistica.

Il programma coinvolge anche la School of geography and environment dell’Università di Oxford, il Dipartimento di storia antica della Ludwig Maximilians Universität Munchen (Lmu Munchen), il Deutsches Archäologisches Institut (Dai) di Roma e l’Università di Pisa.

{GALLERY}

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Per salvare Pompei arriva un mega progetto tedesco Geometra.info