Fatturazione elettronica: normativa, incentivi e strumenti | Geometra.info

Fatturazione elettronica: normativa, incentivi e strumenti

Un focus aggiornato sul meccanismo della Fatturazione elettronica, che dal 1° gennaio 2017 è stata estesa anche ai rapporti tra privati

Fatturazione_elettronica
image_pdf

Fatturazione elettronica
Con la Finanziaria del 2008 si è iniziato a sentir parlare di Fatturazione Elettronica, tale quadro normativo impone che ogni fattura relativa ai rapporti commerciali con la PA debba essere emessa, trasmessa, ricevuta e conservata in formato elettronico attraverso il Sistema di Interscambio (di seguito SDL), istituito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e gestito da Sogei S.p.A. (come stabilito dal Decreto del 7 marzo 2008), che espleta il ruolo operativo di “snodo” per il transito dei flussi di documenti contabili tra fornitori (operatori economici) e le Pubbliche Amministrazioni e permette attività di monitoraggio e controllo delle finanze pubbliche.

Le principali tappe normative sono state:
6 giugno 2014, data di entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica verso i Ministeri, le Agenzie fiscali e e gli Enti previdenziali. I fornitori degli Enti Statali sono obbligati ad emettere le proprie fatture nel formato elettronico previsto dal quadro normativo vigente. A decorrere dal termine di tre mesi dalla data di entrata in vigore del nuovo regolamento le PA non possono più accettare nè procedere al pagamento di fatture che non siano state emesse e trasmesse in formato elettronico.
31 marzo 2015 tutte le Pubbliche Amministrazioni, compresi gli Enti Locali, non possono accettare fatture emesse o trasmesse in forma cartacea con il conseguente divieto di procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, fino all’invio in forma elettronica delle fatture.
La trasmissione delle fatture deve avvenire attraverso l’invio di un file specifico (in formato xml), contenente le indicazioni sul soggetto trasmittente, l’identificativo fiscale, il progressivo di invio e il numero di trasmissione e l’amministrazione destinataria (identificata con un apposito codice IPA).
Il nuovo regolamento sulla fatturazione elettronica PA prevede l’apposizione del riferimento temporale e della firma digitale del soggetto emittente al fine di garantire alla fattura integrità, attestazione della data ed autenticità dell’origine.

Il file FatturaPA generato, dopo l’apposizione della firma digitale e del riferimento temporale, deve essere inviato o tramite PEC o via web direttamente ad un Sistema di Interscambio (SDI) dedicato.
1° gennaio 2017 la fatturazione elettronica, con il Decreto Legislativo n. 127/2015, è stata estesa anche tra privati, i quali potranno emettere la fattura elettronica in base alle indicazioni contenute in tale legge, che disciplina le regole per la trasmissione telematica delle operazioni soggette all’imposta sul valore aggiunto.
Il formato FatturaPA, utilizzato per la formazione e trasmissione delle fatture elettroniche verso le Pubbliche Amministrazioni, è stato adeguato per permettere, a partire dal 1° gennaio 2017, anche la fatturazione elettronica tra privati sempre attraverso il Sistema di Interscambio (Sdl) e secondo un unico tracciato XML come previsto dal D.Lgs. n. 127/2015. La Fattura B2B ha le medesime caratteristiche tecniche della FatturaPA.
– Il contenuto è rappresentato da un file XML (eXtensible Markup Language, tale formato è l’unico accettato dal Sistema di Interscambio;
– L’autenticità dell’origine e l’integrità del contenuto sono garantite tramite l’apposizione della firma elettronica qualificata di chi emette la fattura;
– La trasmissione è veicolata tramite l’inserimento nel campo “CodiceDestinatario” l’identificativo di 7 cifre del destinatario se questi è iscritto all’anagrafica del Sistema di Interscambio (Sdl), altrimenti inserire il codice 0000000 e valorizzare il campo “PECDestinatario” con l’indirizzo PEC del destinatario.

Incentivi e semplificazioni per il contribuente che esercita l’opzione
L’articolo 1 comma 3 del D.Lgs. n. 127/2015 concede la facoltà per il contribuente – relativamente al periodo di imposta 2017 e per i quattro anni successivi – di esercitare l’opzione per la trasmissione telematica dei dati di tutte le fatture (emesse e ricevute), anche mediante la fatturazione elettronica B2B tramite Sistema di Interscambio (SDI).
Elenchiamo, di seguito, i vantaggi a favore del contribuente che opziona la fatturazione elettronica B2B tramite il Sistema di Interscambio:
– Abolizione dell’obbligo di comunicare telematicamente i dati delle fatture emesse e ricevute, comprese le bollette doganali, nonchè i dati delle relative variazioni, cosiddetto “spesometro trimestrale” (introdotto dall’art. 4 del Decreto legge 22 ottobre 2016, n. 193);
– Procedura prioritaria per i rimborsi IVA (ex art. 30 del D.P.R. n. 633/1972), entro tre mesi dalla presentazione delle dichiarazione annuale, anche in assenza dei requisiti di cui all’art. 30, secondo comma, lettere a), b), c), d), ed e);
– Riduzione degli adempimenti per i contribuenti mediante nuove modalità semplificate per i controlli fiscali che, secondo la previsione del DMEF 4 agosto 2016 potranno essere eseguiti anche da remoto;
Riduzione di due anni dei termini di accertamento, in relazione all’accertamento IVA.
Abolizione dell’obbligo di comunicazione relativa agli acquisti intracomunitari di beni e alle prestazioni di servizi ricevute da soggetti stabiliti in un altro Stato membro dell’Unione europea (abolizione già prevista, a decorrere dal 1° gennaio 2017, dall’articolo 4 del D.L. n. 193/2016);
Abolizione dell’obbligo di comunicazione relativa ai contratti stipulati da società di leasing e dagli operatori commerciali che svolgono attività di locazione e noleggio (abolizione già prevista, a decorrere dal 1° gennaio 2017, dall’articolo 4 del D.L. n. 193/2016);
– Abolizione dell’obbligo di comunicazione “Black List” (abolizione già prevista, a decorrere dal 1° gennaio 2017, dall’articolo 4 del D.L. n. 193/2016);
Abolizione dell’obbligo di comunicazione relativa agli acquisti di beni da San Marino con assolvimento dell’IVA mediante auto-fatturazione ex articolo 16 D.M. del 24 dicembre 1993 (abolizione già prevista, a decorrere dal 1° gennaio 2017, dall’articolo 4 del D.L. n. 193/2016).

L’art. 4 del D.Lgs. n. 127/2015 stabilisce, altresì, un’ulteriore riduzione degli adempimenti amministrativi e contabili, ma solo per determinare categorie di soggetti, individuate dal Decreto MEF del 4 agosto 2016, quali:
– Gli esercenti arti e professioni: quindi per coloro che svolgono in via abituale, anche se non esclusiva, in forma individuale o in forma associata, attività di lavoro autonomo diverse da quelle di impresa e di lavoro dipendente;
– Le imprese ammesse al regime di contabilità semplificata, ex articolo 18 del D.P.R. n. 600/1973;
– Tutte le imprese ma limitatamente all’anno di inizio dell’attività e ai due anni successivi.

Il Servizio di Fatturazione elettronica Namirial sempre più completo
Namirial S.p.A. svolge il ruolo di Intermediario, ovvero colui che invia o riceve i file Fattura Elettronica per conto dei soggetti passivi di Iva.
Parimenti al processo FatturaPA, anche per la fatturazione elettronica tra privati sarà possibile usufruire dei servizi di intermediazione da parte di soggetto terzi Intermediari.
I soggetti passivi di iva che intendono fruire della fatturazione B2B devono:
– Generare la Fattura Elettronica secondo le specifiche delle regole tecniche
– Firmare digitalmente la fattura elettronica
– Inviare la FatturaPA allo Sdl tramite i canali previsti
– Gestire i messaggi ricevuti dallo Sdl (notifiche/ricevute)
– Conservare a norma le FatturePA ed i messaggi

Il Servizio Fatturazione elettronica Namirial S.p.A. permette di:
– Inserire i dati di fatturazione (generazione automatica della Fattura Elettronica in formato XML) o alternativamente effettuare l’upload della Fattura in formato XML.
Una volta compilata/caricata la fattura elettronica, Namirial in qualità di intermediario si preoccuperà di:
– Firmare digitalmente la fattura
– Trasmettere il documento al Sistema di Interscambio
– Gestire e conservare le notifiche
– Conservare le fatture elettroniche inviate allo Sdl
E’ un servizio semplice, rapido, completo e conforme alla normativa di riferimento.

Scopri tutti i dettagli su www.fatturazioneelettronica.eu

Copyright © - Riproduzione riservata
Fatturazione elettronica: normativa, incentivi e strumenti Geometra.info