I geometri sempre più digitali: 3 su 4 ha i 'bit' come alleato | Geometra.info

I geometri sempre più digitali: 3 su 4 ha i ‘bit’ come alleato

Tra droni, Gis e Bim sempre più geometri basano la loro attività su strumenti simbolo dell'era digitale. Il punto in un convegno a Milano

geometra_digitale
image_pdf

Tre geometri su quattro esercitano la loro professione ‘in chiave digitale’: se è vero che la tecnologia ha infatti sempre affiancato i professionisti nelle loro complesse misure e valutazioni, oggi per la maggior parte di essi gli strumenti digitali costituiscono un nuovo, fondamentale alleato per il proprio business.

E il quadro è in continua evoluzione, come confermano le adesioni a Geoweb, la piattaforma del Consiglio nazionale geometri e Sogei Spa che eroga servizi IT per la conservatoria, l’accesso e la consultazione di banche dati, le ispezioni ipotecarie, la sovrapposizioni degli estratti di mappa alle ortofoto. In 15 anni le adesioni hanno raggiunto quota 35mila, ossia oltre un terzo dei 107mila geometri iscritti all’Albo.

 

Questi numeri sono stati favoriti sicuramente da adempimenti normativi entrati in vigore negli ultimi mesi, come l’obbligatorietà della trasmissione telematica degli aggiornamenti catastali (giugno 2015), il deposito delle relazioni, la gestione del fascicolo e dei pagamenti per i CTU nel Processo Civile Telematico (aprile 2014), la fatturazione elettronica verso la PA (giugno 2014). Sono solo alcuni esempi di elevato impatto ma è subito chiaro quanto il digitale non servirà ai geometri italiani per aumentare solo la produttività e per migliorare le efficienze, bensì per impostare nuovi modi di relazionarsi con la clientela, pubblica e privata, e per stringere alleanze con i partner con i quali offrire nuove consulenze, in grado di fidelizzare un portfolio sempre più ampio di soggetti fruitori.

Il tema è stato trattato in un convegno organizzato dal Consiglio nazionale geometri lo scorso 27 ottobre 2015. “Riflettere sui cambiamenti in atto” spiega Maurizio Savoncelli, Presidente del Consiglio, “è il primo passo per divenire parte attiva di un processo destinato a modificare radicalmente il mondo delle costruzioni: molte imprese di settore sono consapevoli che investire nell’innovazione tecnologica è necessario per essere competitivi sui mercati. E’ un processo che apre a nuove opportunità di lavoro che noi professionisti dobbiamo essere pronti a cogliere sviluppando competenze ad hoc e, soprattutto, reti di condivisione del sapere”.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
I geometri sempre più digitali: 3 su 4 ha i ‘bit’ come alleato Geometra.info