Il riordino degli istituti tecnici e professionali | Geometra.info

Il riordino degli istituti tecnici e professionali

wpid-1123_riformascuola.jpg
image_pdf

Il 28 maggio 2009 il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera a due Regolamenti che riformano, rispettivamente, gli istituti tecnici e quelli professionali. “Iscriversi ai nuovi istituti tecnici e professionali consentirà ai giovani maggiori opportunità occupazionali e una riduzione dei tempi di transizione tra scuola, formazione e lavoro” ha affermato il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini nel corso della conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri.
Dopo 78 anni dall’ultimo riordino datato 1931, il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera a 2 Regolamenti che riformano gli istituti tecnici e gli istituti professionali. Le norme introdotte con i nuovi Regolamenti riorganizzano e potenziano questi istituti a partire dall’anno scolastico 2010-2011 come scuole dell’innovazione.
Il ministro ha poi aggiunto “il rilancio della cultura tecnica e professionale è la migliore risposta della scuola alla crisi, perché favorisce la formazione del capitale umano necessario per il rilancio del made in Italy e perché consente una pluralità di scelte formative integrate con la formazione professionale regionale, in contrasto con i rischi di dispersione scolastica”.
I nuovi regolamenti vanno in continuità con il già annunciato scopo di rilanciare e potenziare la formazione tecnica e professionale – ha ribadito il ministro – che ha già dato importanti risultati come un aumento del numero degli iscritti già per il prossimo anno, soprattutto nelle regioni con maggiore presenza industriale.
Recenti indagini dimostrano che esiste una domanda di tecnici che è esattamente il doppio dell’offerta (300.000 tecnici richiesti dalle imprese contro i 140.000 attualmente offerti).

Copyright © - Riproduzione riservata
Il riordino degli istituti tecnici e professionali Geometra.info