Tutte le detrazioni Iva su beni e servizi acquistati dal professionista | Geometra.info

Tutte le detrazioni Iva su beni e servizi acquistati dal professionista

Se è relativa a un’operazione inerente all’attività svolta e non rientra nei casi di indetraibilità oggettiva, l'Iva è detraibile dal professionista. Facciamo il punto

Accountant at work
image_pdf

L’IVA è detraibile (detrarre significa andare a ridurre l’IVA a debito dovuta sulle operazioni effettuate) se è relativa a un’operazione inerente all’attività svolta, se viene esercitato correttamente il diritto alla detrazione e se l’operazione non rientra nei casi di indetraibilità oggettiva con riferimento a determinati beni ovvero servizi.

Come anticipato, condizione determinante il diritto alla detrazione dell’imposta è innanzitutto quella dell’inerenza dell’operazione all’attività del soggetto (impresa, arte e professione). La detrazione deve cioè riguardare l’IVA assolta o dovuta dal contribuente per operazioni pertinenti o rilevanti rispetto alla sua attività imprenditoriale o professionale. Va da sé che, ad esempio, un ingegnere potrà detrarre l’IVA afferente l’acquisto di un tavolo da disegno per progettazioni.

Tabella: indetraibilità IVA parziale o totale per acquisti di determinati beni o servizi (significa che anche se le spese sono inerenti, l’IVA sugli acquisti di tali beni/servizi non potrà essere detratta dal professionista al 100% bensì solo parzialmente o per nulla)

Descrizione beni o servizi % indetraibilità Esclusioni
Spese per omaggi e rappresentanza 100% E’ possibile la detrazione IVA se l’acquisto dell’omaggio è inferiore ad euro 50,00
Autoveicoli, spese di manutenzione, carburanti e lubrificanti (*) 60%
Telefoni cellulari (sia l’acquisto che il traffico) (**) 50%
(*) L’Iva relativa all’acquisto e alle spese di gestione di autoveicoli è detraibile nella misura in cui gli stessi vengano utilizzati nell’esercizio della professione. Tuttavia, se si utilizza una percentuale superiore al 40% è ipotizzabile che l’Amministrazione finanziaria possa effettuare controlli in merito.
(**) L’Iva relativa all’acquisto e alle spese di gestione dei telefonini è detraibile nella misura in cui gli stessi vengano utilizzati nell’esercizio della professione. Tuttavia, se si utilizza una percentuale superiore al 50% è ipotizzabile che l’Amministrazione finanziaria possa effettuare controlli in merito.

N.B.: per quanto attiene agli acquisti di prestazioni alberghiere e somministrazione di alimenti e bevande, a decorrere dal 1° settembre 2008 se “inerenti”, è possibile detrarre l’IVA al 100%.

Si rileva, inoltre, che il diritto alla detrazione IVA può essere esercitato durante un certo arco temporale, definito dall’art. 19, comma 1, D.P.R. n. 633/1972. Più precisamente, l’art. 19, comma 1, secondo periodo, individua il momento “iniziale” dal quale può essere esercitata la detrazione dell’IVA e il momento “finale” in cui tale diritto scade.
– il momento “iniziale” coincide col momento in cui l’IVA diviene esigibile per l’Erario in capo al cedente i beni o al prestatore del servizio;
– il momento “finale” è dato dal termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa al 2° anno successivo a quello in cui il diritto medesimo è sorto . Così ad esempio, per un acquisto di beni effettuato nel 2016 (beni ricevuti nel 2016), il diritto alla detrazione (sorto nel 2016), potrà essere esercitato dall’acquirente, al più tardi nella dichiarazione annuale relativa all’anno 2018 (secondo anno successivo) da presentare nel 2019.

Per detrarre l’IVA è necessario, inoltre, che la stessa sia stata addebitata in fattura a titolo di rivalsa, a carico del soggetto che ha acquistato il bene o ha ricevuto il servizio. Il diritto alla detrazione è esercitabile indipendentemente dall’effettivo versamento all’Erario del tributo da parte del cedente e dal pagamento a quest’ultimo di pari importo, da parte del cessionario (Cass. 23 aprile 1993, n. 4767).

Il diritto alla detrazione dell’imposta da parte del cessionario o committente, è strettamente correlato al momento in cui nasce nel cedente o prestatore il corrispondente obbligo di versamento. È, infatti, stabilito che il diritto alla detrazione “sorge” nel momento in cui l’imposta “diviene esigibile”, cioè, generalmente nel momento in cui l’operazione si considera effettuata.

È bene precisare che il diritto alla detrazione è escluso se viene esercitato in modo fraudolento o abusivo o, comunque illegittimo, ad esempio a seguito di operazioni inesistenti o non inerenti (risoluzione 5 gennaio 1982, n. 334298; Cass. 10 giugno 2005, n. 12353).

immagine 1

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Tutte le detrazioni Iva su beni e servizi acquistati dal professionista Geometra.info