Variazioni e costanti post manovra bis al Decreto Sviluppo | Geometra.info

Variazioni e costanti post manovra bis al Decreto Sviluppo

wpid-1934_costruzioniindustriali.jpg
image_pdf

Anche Scia e Dia sono soggette a modifiche in seguito alla manovra bis, secondo il d.l. n.138 del 13 agosto 2011. La Segnalazione certificata di inizio attività (Scia) e la Denuncia e dichiarazione di inizio attività (Dia), infatti, devono riferirsi ad attività liberalizzate.

Più precisamente, secondo l’articolo 6 comma 1, del decreto, si stabilisce che “la segnalazione certificata di inizio attività, la denuncia e la dichiarazione di inizio attività si riferiscono ad attività liberalizzate e non costituiscono provvedimenti taciti direttamente impugnabili”.

Entro 30 giorni dall’inizio dei lavori, gli interessati devono sollecitare una verifica da parte delle Amministrazioni, così come prevede il Decreto Sviluppo. Citando il d.l. “gli interessati – si legge al nuovo comma 6-ter – possono sollecitare l’esercizio delle verifiche spettanti all’amministrazione e, in caso di inerzia, esperire l’azione di cui all’art. 31, commi 1, 2 e 3 del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104”.

La manovra bis ha introdotto, come misure favorevoli allo sviluppo e liberalizzazione, la cancellazione del Sistri e l’abrogazione di restrizioni all’accesso e all’esercizio professionali, innalzando di 4 punti percentuali l’aliquota Ires per le società energetiche, rinnovabili incluse.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Variazioni e costanti post manovra bis al Decreto Sviluppo Geometra.info