Qual e' la citta' italiana piu' smart? | Geometra.info

Qual e’ la citta’ italiana piu’ smart?

wpid-23214_smartcitymce.jpg
image_pdf

Anche nell’edizione 2014 dello Smart City Index, realizzato da Between, è Bologna la città che risulta più avanti nel percorso per diventare smart, seguita da Torino e Milano. In generale, la forte accelerazione riscontrata nell’ultimo anno in alcune dinamiche innovative – la banda ultralarga, gli open data, le app – ha allargato il divario tra le città grandi e medie, già interessate da questi fenomeni, e le città piccole, generalmente ancora al palo.

Più in dettaglio, le aree metropolitane si confermano anche quest’anno tra le prime posizioni con 6 città nelle prime 10. Tuttavia, la maggior parte delle aree metropolitane del Sud non riesce a tenere il passo rimanendo nelle retrovie. Al contrario, le città medie rinforzano la loro posizione con 20 città nelle prime 30 posizioni; Trento è la città media più in alto nel ranking (4°) mentre Pisa, Verona, Parma e Brescia sono le altre città medie della top 10. Le città piccole occupano, invece, gli ultimi posti del ranking. Si distinguono solo 5 città – Lodi, Siena, Cremona, Pavia e Mantova – presenti in prima fascia.

Ma come evolvono i driver della smart city? Null’ultimo anno si è riscontrata una forte accelerazione di alcune dinamiche innovative tra quelle identificate nel 2013. Ad esempio, cresce la banda ultra larga fissa e mobile: i capoluoghi coperti da Vdsl risultano, infatti, triplicati e quelli in cui è stato avviato l’Lte aumentati di 9 volte. Nella sanità, grazie allo sviluppo sul territorio di nuove piattaforme regionali di pagamento, vi è un forte incremento del pagamento on line del ticket.

Nell’area e-government, invece, accelerano gli open data: i Comuni che li pubblicano sui propri portali risultano più che raddoppiati mentre il numero di data set sono quintuplicati. Cresce anche la diffusione dei servizi x-sharing – car sharing, car pooling e bike sharing: rispetto al 2013 aumenta del 37% il numero di comuni capoluogo che mettono a disposizione dei cittadini almeno uno di questi servizi. Nell’ambito della mobilità, si sviluppano travel planner e app, con un incremento del 50% di capoluoghi con travel planner e del 120% di capoluoghi con app ufficiali del trasporto pubblico. Per quanto riguarda il numero di impianti per la produzione di energie rinnovabili, cresce del 45% il fotovoltaico e dell’81% il numero di impianti a bioenergie attivi sul territorio nazionale.

Questa seconda edizione dello Smart City Index si è sviluppata seguendo l’evoluzione delle innovazioni: sono state aggiunte all’analisi tre nuove aree tematiche – smart culture & travel, smart urban security, smart justice – e sei nuove sotto-aree – wi-fi, energie alternative, smart grid, giustizia digitale, sicurezza urbana e digital security -. Più in dettaglio, l’indice è costituito da una componente “digital” e da una componente “green”. Mettendo in correlazione i due aspetti, le diverse città mostrano uno sviluppo equilibrato, anche se con qualche disequilibrio più o meno marcato.

Ad esempio, un gruppo di città presenta valori molto elevati nelle aree “green” e molto più bassi nelle aree “digital”, decisamente sotto la media. Bolzano è il caso più eclatante: la città è al 27° posto nel ranking totale e risulta prima nelle aree “green” e 78esima nelle aree “digital”. Anche altre città presentano uno sbilanciamento a favore delle tematiche “green”: Lecce – 10° posto nel “green” e 61° nel “digital” -, Sondrio – rispettivamente 13° e 53° -, Aosta – 12° e 72° -, Salerno – 28° e 107° -, Avellino – 36° e 115° -.

Sull’altro versante troviamo, invece, città con punteggi molto più elevati nel “digital”. I casi di più forte sbilanciamento sono Monza – 11° nel “digital” e 68° nel “green” -, Vicenza – 15° e 73° -, Mantova – 23° e 81° -, Como – 25° e 80° – e Lecco – 42° e 100° -. Queste città mostrano un’elevata attenzione all’innovazione digitale, ma devono ancora introdurre innovazioni legate allo sviluppo sostenibile.

Copyright © - Riproduzione riservata
Qual e’ la citta’ italiana piu’ smart? Geometra.info