Formazione Aspp e Rspp: senza aggiornamento non si può esercitare | Geometra.info

Formazione Aspp e Rspp: senza aggiornamento non si può esercitare

Un Interpello del ministero del Lavoro chiarisce le conseguenze dell’inosservanza dei tempi previsti per il percorso di aggiornamento

sicurezza sul lavoro
image_pdf

La Commissione Interpelli ha risposto con l’Interpello n. 15 del 2015 alla Regione Marche, che poneva la questione “se, relativamente ai corsi di aggiornamento per addetti e responsabili del servizio prevenzione e protezione (Aspp e Rspp), nel caso di riconoscimento di crediti professionali e formativi pregressi, la mancata frequenza entro il 14 febbraio 2008 di almeno il 20% delle ore previste dal percorso di aggiornamento per uno specifico macro-settore, ma con completamento nel quadriennio successivo dell’intero percorso formativo previsto (compreso il recupero delle ore non effettuate nel primo anno di aggiornamento), implichi l’annullamento del percorso formativo globale o costituisca unicamente una impossibilità temporanea ad esercitare la funzione di Rspp per il solo periodo di inadempienza”.

La questione ha valenza generale anche se è riferita nello specifico a quanto disposto dai vari Accordi Stato-Regioni sulla formazione di Aspp e Rspp. In particolare, l’Accordo Stato-Regioni del 25 luglio 2012 chiarisce il caso di coloro che, potendo usufruire dell’esonero dalla frequenza del Modulo B sulla base del riconoscimento di crediti professionali pregressi, non hanno adempiuto all’obbligo di aggiornamento nei tempi previsti dal punto 2.3 dell’Accordo Stato-Regioni del 5 ottobre 2006, cioè dal 14 febbraio 2007 al 14 febbraio 2012, con almeno il 20% del monte ore complessivo d’aggiornamento relativo ai macro-settori di appartenenza, svolto entro il 14 febbraio 2008.

Secondo l’Accordo Stato-Regioni del 25 luglio 2012, l’Aspp o il Rspp inadempiente perde la propria “operatività” e quindi, pur mantenendo il requisito derivato dalla regolare frequenza ai corsi, non è in grado di poter esercitare i propri compiti fintanto che non venga completato l’aggiornamento per il monte ore mancante, riferito al quinquennio appena concluso.

Quindi, la mancata frequenza ad almeno il 20% delle ore previste dal percorso di aggiornamento per uno specifico macro-settore entro il 14 febbraio 2008, comporta l’impossibilità, da parte del Rspp o dell’Aspp di poter esercitare i propri compiti solo fino all’avvenuto completamento del 20% delle ore previste.

Approfondimento

La formazione del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione
(dall’Accordo 25 luglio 2012 tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano)
I requisiti per Addetti e Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione relativamente alla formazione sono disciplinati dai commi 2, 3 e 5 dell’articolo 32 del D.Lgs. n. 81/2008, mentre per l’aggiornamento il riferimento è il comma 6 dello stesso articolo, che stabilisce che: “I responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione sono tenuti a frequentare corsi di aggiornamento secondo gli indirizzi definiti nell’Accordo Stato-regioni sancito il 26 gennaio 2006”.
L’Accordo del 26 gennaio 2006, relativamente all’aggiornamento, oltre a stabilirne la periodicità quinquennale precisa che:”i corsi di aggiornamento, che potranno essere effettuati anche con modalità di formazione a distanza, dovranno comunque far riferimento ai contenuti dei moduli del rispettivo percorso formativo, con particolare riguardo:
a) al settore produttivo di riferimento;
b) alle novità normative nel frattempo eventualmente intervenute in materia;
c) alle innovazioni nel campo delle misure di prevenzione”.

L’accordo regolamenta anche la durata dei corsi di aggiornamento fissata, per quanto riguarda i Rspp, in 60 ore per i macro-settori di attività Ateco 3, 4, 5 e 7 ed in 40 ore per i macro-settori di attività Ateco n. 1, 2, 6, 8 e 9 mentre, per quanto riguarda gli Aspp l’aggiornamento prevede una durata di 28 ore per tutti i macro-settori di attività Ateco.

Sulla data di decorrenza del quinquennio è intervenuto anche il successivo accordo del 5 ottobre 2006. In tale accordo, al punto 2.6, viene precisato che per Aspp e Rspp che avevano usufruito dell’esonero dalla frequenza del Modulo B sulla base del riconoscimento di crediti professionali pregressi (Tabella A4 e Tabella A5 allegate all’Accordo del 26 gennaio 2006) “l’obbligo di aggiornamento legato all’esonero decorre dal 14 febbraio 2007 e deve essere completato entro il 14 febbraio 2012”.

L’Accordo rileva che molti Aspp e Rspp non sono riusciti a completare l’aggiornamento entro il 14 febbraio 2012 che rappresenta, di fatto, la prima scadenza, in ordine cronologico, dell’obbligo di aggiornamento e riguarda i soli esonerati previsti nell’accordo del 26 gennaio 2006.

Tale situazione si potrà comunque manifestare anche in futuro ogni qualvolta un Aspp o Rspp non dovesse riuscire a completare l’aggiornamento nei 5 anni previsti e si ritiene pertanto necessario fornire alcune prime indicazioni operative finalizzate a disciplinare i casi di mancato assolvimento del predetto obbligo di aggiornamento, da ritenersi valide in attesa della revisione dell’accordo del 26 gennaio 2006, così come previsto al punto 2.7 dello stesso.

Relativamente al modulo B, sia nell’accordo che nelle successive linee interpretative, è specificato che: “Il credito ottenuto con la frequenza al modulo B è valido per cinque anni. Alla scadenza dei cinque anni scatta l’obbligo di aggiornamento”.

Pertanto, si ritiene che l’Aspp o il Rspp che non adempia l’obbligo di aggiornamento nei tempi previsti, perda la propria “operatività”. Ciò significa che, pur mantenendo il requisito derivato dalla regolare frequenza ai corsi, egli non è in grado di poter esercitare i propri compiti fintanto che non venga completato l’aggiornamento per il monte ore mancante, riferito al quinquennio appena concluso.

Il completamento dell’aggiornamento consente, pertanto, di riacquisire la fruibilità del credito relativo al modulo B consentendo, contemporaneamente, a Aspp e Rspp di recuperare la propria “operatività”.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Formazione Aspp e Rspp: senza aggiornamento non si può esercitare Geometra.info