Scavi e fondazioni: quali norme osservare in materia di sicurezza? | Geometra.info

Scavi e fondazioni: quali norme osservare in materia di sicurezza?

Alla sicurezza degli scavi e fondazioni e' dedicata la sezione III del capo II del Titolo IV del Testo unico sicurezza sul lavoro sui cantieri temporanei o mobili

wpid-25620_scavifondazione.jpg
image_pdf

Agli scavi e fondazioni è dedicata la sezione III del capo II del Titolo IV del TUSL (D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81), dedicato ai cantieri temporanei o mobili. In particolare, gli articoli dal 118 al 121 affrontano singoli specifici aspetti della materia:

– splateamento e sbancamento (art. 118);

– pozzi, scavi e cunicoli (art. 119);

– deposito dei materiali in prossimità degli scavi (art. 120);

– presenza di gas negli scavi (art. 121).

L’art. 118 traccia dunque le grandi linee sull’argomento, giacché le attività di splateamento e sbancamento rappresentano la parte preponderante (il “grosso”, come si suol dire) delle attività di scavo. Diversa, anche se connessa, la situazione regolata dall’art. 119, rubricato “pozzi, scavi e cunicoli”. Dal canto suo, l’art. 120 vieta in linea di massima il deposito di materiali presso il ciglio degli scavi, prescrivendo “adeguante puntellature” nel caso in cui tali depositi siano necessari per le condizioni di lavoro. 

Di tutt’altra natura sono le disposizioni dettate dall’art. 121, il quale, si occupa di presenza negli scavi di “gas o vapori tossici, asfissianti, infiammabili o esplosivi”, i quali possono essere sia di origine geologica, sia di origine civile o industriale, vale a dire infiltratisi da siti produttivi adiacenti o anche soltanto da semplici condutture transitanti in prossimità del cantiere.

LEGGI DI PIU’ SULLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLO SPECIALE DI INGEGNERI.INFO

L’autore


Roberto Codebo’

Avvocato e giornalista pubblicista. Inizia la sua carriera professionale specializzandosi in consulenze in materia di gare e appalti pubblici. Passa poi ad articoli, corsi e altre quotidiane pubblicazioni in materia di salute e sicurezza dei lavoratori, attività che si colloca al centro rispetto a professione forense e attività giornalistiche vere e proprie. Tra queste ultime spicca oggi la rubrica “Fuori udienza” per Zipnews.it dedicata all’attualità giudiziaria e non solo, punta di diamante di un’attività di inviato legata non soltanto alla cronaca giudiziaria, ma anche ai reportage di viaggio – sempre su Zipnews.it, firma la rubrica “Globetrotter” – e alle corrispondenze sportive.

Riferimenti Editoriali


Il Testo Unico sicurezza sul lavoro commentato con la giurisprudenza

L’applicazione del Tu sicurezza sul lavoro comporta obblighi e responsabilità per chi ha compiti e ruoli di rilievo in azienda o sul cantiere: professionista, rspp, aspp, datore di lavoro – È essenziale allora conoscere le decisioni prese dalla magistratura su casi concreti in tema di sicurezza. Il volume, aggiornato al mese di aprile con la sentenza delle Sezioni Unite pronunciata il 24 aprile 2014 nel processo ThyssenKrupp, è dunque uno strumento pratico per gli operatori della sicurezza che cercano orientamenti e risposte a questioni concrete. L’autore ha selezionato la giurisprudenza della Corte di Cassazione in tema di sicurezza del lavoro, sintetizzando casi pratici e relative decisioni con un linguaggio chiaro e attento alle esigenze dei tecnici.

Autore:   •   Editore: Ipsoa – Indicitalia   •   Anno:

Vai all’approfondimento tematico

Copyright © - Riproduzione riservata
Scavi e fondazioni: quali norme osservare in materia di sicurezza? Geometra.info