Il blocco Thermokappa per isolare 'senza cappotto' | Geometra.info

Il blocco Thermokappa per isolare ‘senza cappotto’

wpid-4276_NEWmezzeThermok.jpg
image_pdf

Grazie a una tecnologia all’avanguardia, a Rimini è stato realizzato un edificio residenziale a elevate prestazioni termiche ed energetiche senza l’ausilio di un sistema di isolamento a cappotto o di un termointonaco. Il cantiere di cui si parla, situato nella frazione Corpolò, sorge su un lotto di oltre 1.200 metri quadrati ed è finalizzato alla realizzazione di uno stabile di quattro piani fuori terra (piano terra + 3 piani). Il progetto dell’ingegnere Eolo Abati prevedeva la realizzazione, in una nuova area urbanizzata del comune di Rimini, di un edificio a elevato risparmio energetico conseguito attraverso l’applicazione di un sistema di isolamento a cappotto sulle superfici esterne del manufatto.

L’incarico per la realizzazione dell’edificio è stato affidato alla Fabbricare di Rimini. L’impresa ha avviato il cantiere e ha proceduto a un’attenta e accurata analisi del progetto e alla selezione dei materiali da costruzione. Proprio in questa fase, confrontando varie proposte e le caratteristiche prestazionali di diversi materiali presenti sul mercato edile, la scelta è caduta sul blocco ThermoKappa di Danesi, ritenuto una soluzione ottimale per conseguire buone prestazioni termiche senza ricorrere all’applicazione di un cappotto, e quindi riducendo così i costi e i tempi di costruzione.

“Individuata questa possibilità”, spiega Stefano Zavoli, titolare di Fabbricare, “ci siamo subito confrontati con il progettista che dopo aver attentamente valutato le prestazioni termiche di ThermoKappa e aver constatato che non solo erano pari, ma addirittura superiori a quelle che si sarebbero conseguite con un sistema a cappotto ha pienamente avvallato la nostra scelta”.

Il prodotto utilizzato per il complesso residenziale di Corpolò è ThermoKappa 24, con uno spessore di 38 centimetri e inserti in Neopor. I blocchi Thermokappa, infatti, sono realizzati in laterizio porizzato a elevato contenuto tecnologico e con una particolare e caratteristica geometria che presenta appositi fori nei quali, come ultima fase di un processo produttivo qualitativamente garantito, vengono posizionati inserti in Neopor di Basf.

Il risultato è una linea di blocchi dalle prestazioni termiche uniche, capaci di soddisfare efficacemente le richieste normative in tema di risparmio energetico negli edifici. Le pareti realizzate con i blocchi ThermoKappa, intonacate tradizionalmente, raggiungono così trasmittanze termiche di 0,24 e 0,30 W/m2K, rendendo inutile la posa di un cappotto a lastre o di un termointonaco. Inoltre lo strato esterno in laterizio protegge gli inserti in Neopor, garantendone nel tempo la durata e le straordinarie prestazioni.

Oltre al vantaggio delle prestazioni termiche, la linea ThermoKappa ha permesso anche di ridurre i tempi e i costi di costruzione e ottimizzare la lavorazione in cantiere. Infatti, la sporgenza degli inserti in Neopor di 8 mm dalla faccia superiore del blocco, oltre a ridurre del 50% i quantitativi di malta da impiegare, offre un riscontro al corso di blocchi successivo e facilita considerevolmente la posa, permettendo di ottenere giunti orizzontali di altezza costante, il tutto a garanzia del risultato finale.

Le caratteristiche di ThermoKappa con Neopor

Isolamento termico: le pareti realizzate con i blocchi ThermoKappa, intonacate tradizionalmente, raggiungono trasmittanze termiche di 0,24 e 0,30 W/m2K, rendendo inutile la posa di un cappotto a lastre o di un termointonaco. Inoltre lo strato esterno in laterizio protegge gli inserti in Neopor, garantendone nel tempo le prestazioni.

Sicurezza sismica: le pareti monostrato realizzate con blocchi ThermoKappa garantiscono un’elevata sicurezza rispetto alle azioni fuori piano che si possono innescare durante un evento sismico. Differente è il caso delle pareti pluristrato, per le quali è obbligatorio collegare meccanicamente il paramento esterno a quello interno al fine di evitare l’insorgere di problemi di instabilità, operazione che aggrava notevolmente i tempi e i costi di messa in opera.

Massa superficiale e inerzia termica: la massa superficiale della parete, esclusi gli intonaci, è infatti superiore ai 230 kg/m2 previsti dalla normativa. Questo, oltre a generare un miglior comfort abitativo, porta a una sensibile riduzione dei consumi energetici per il raffrescamento estivo.

Traspirabilità: le fasce prive di isolante, che naturalmente si vengono a creare accostando un blocco all’altro durante la posa, permettono alla parete di mantenere una buona permeabilità al vapore, evitando la formazione di condense interstiziali.

Riduzione dei ponti termici: gli incastri a secco verticali e la sporgenza degli inserti di Neopor di 8 mm dalla faccia superiore del blocco annullano i ponti termici tipici di una parete realizzata con blocchi tradizionali, contribuendo così al miglioramento delle prestazioni termiche.

Isolamento acustico: i blocchi Thermokappa, grazie alla loro massa, offrono un elevato comfort acustico, rispettando ampiamente i requisiti acustici passivi di facciata previsti dal Dpcm 5/12/97.

Risparmio di malta e posa normalizzata: la sporgenza degli inserti dalla faccia superiore del blocco, oltre a ridurre del 50% i quantitativi di malta da impiegare, offre un riscontro al corso di blocchi successivo, permettendo di ottenere giunti orizzontali di altezza costante, il tutto a garanzia del risultato finale.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il blocco Thermokappa per isolare ‘senza cappotto’ Geometra.info