Isolamento a cappotto. Siamo sicuri che fosse l'unica scelta possibile? | Geometra.info

Isolamento a cappotto. Siamo sicuri che fosse l’unica scelta possibile?

wpid-4107_.jpg
image_pdf

Offrire al mercato un prodotto o un sistema dalle elevate caratteristiche tecnico-prestazionali che siano garantite nel tempo è il punto di partenza di ogni scelta aziendale di Edilteco Group. E, soprattutto il motivo per cui la ricerca e lo sviluppo sono un elemento imprescindibile, il business core, del gruppo modenese.

Edilteco Group opera nel settore dell’isolamento termico-acustico sin dalla sua fondazione nel 1981. Già da subito sono parse come prerogative aziendali la ricerca e lo studio costante di prodotti che potessero essere sempre più conformanti e in grado di garantire nel tempo le qualità tecnico-prestazionali intrinseche.

Ed è proprio l’attenzione al risultato finale – che sia “finale” a lungo termine e non giusto il tempo di vedere terminati i lavori – e al rispetto per chi abiterà una casa dove sono stati utilizzati i prodotti Edilteco che hanno spinto il Gruppo a effettuare studi approfonditi e ricerche sui migliori sistemi per l’isolamento a cappotto.

Partendo dalla direttiva europea 2002/91/CE che poneva come obiettivo primario il miglioramento del rendimento energetico degli edifici, Edilteco Group ha iniziato ad investire energicamente sulla ricerca e lo sviluppo dell’intonaco termoisolante Isolteco quale validissima alternativa alle lastre rigide termoisolanti nell’isolamento termico a cappotto (che Edilteco propone con il Sistema ECAP).

Sappiamo bene che per ottenere la conformità a quanto prescritto dalle norme vigenti e scegliendo di utilizzare le lastre rigide termoisolanti per l’isolamento a cappotto diventano necessari – per la corretta posa e per la garanzia nel tempo delle prestazioni di isolamento – una progettazione competente, attenta e di dettaglio (con una scelta accurata dei materiali e una specifica definizione di ogni nodo costruttivo), un’attività assidua e precisa della Direzione Lavori che coinvolga anche le maestranze rispetto ai metodi definiti e alle problematiche che si vogliono risolvere.

E, infine (ma sicuramente non meno importante!), avere sempre presente che la certezza di una corretta esecuzione non può prescindere da metodologie e materiali che perseguano il risultato con la minor complicazione possibile e la maggior facilità esecutiva.

Tutti questi fattori uniti porteranno al perfetto risultato duraturo nel tempo. Ed è proprio il tempo che oggi si pone come impietoso giudice di isolamenti a cappotto realizzati con lastre rigide e non eseguiti a regola d’arte. Vediamo, troppo spesso, facciate disarmoniche che evidenziano la presenza delle lastre che invece dovrebbero rimanere invisibili sotto gli strati di finitura o, addirittura, distacchi completi dei pannelli. Senza dimenticare che la posa non corretta nel tempo perde quasi completamente le caratteristiche di isolamento termico andando ad inficiare tutto il lavoro eseguito e le somme (spesso non irrisorie) spese.

E se ci fosse un’altra scelta possibile, altrettanto prestazionale, e addirittura più facile da posare?!

Troppo spesso l’abitudine ad un determinato sistema non ci consente di volgere lo sguardo verso le novità o verso prodotti altrettanto prestazionali (se non addirittura maggiormente performanti).

È importante, da parte di tutti coloro che operano in questo settore, studiare attentamente caso per caso e scegliere – di volta in volta e non solo per comodità o risparmio – il sistema migliore per l’isolamento a cappotto.

Una scelta accurata preventiva consente un risparmio a lungo termine; e questa non è una “frase fatta”, ma una assoluta verità!

Ecco perché la scelta di realizzare un isolamento termico a cappotto con intonaco termoisolante Isolteco diventa, in determinati casi, la scelta migliore.

La praticità di utilizzo di Isolteco è innegabile: si applica con intonacatrice, si adatta anche a forme architettoniche complesse e non presenta nessuna problematica nel caso di cambi di spessore della parete che si va ad isolare.

La limitata complessità applicativa, un’aderenza totale al piano di posa e la continuità totale dello strato applicativo sono i principali must di Isolteco, i cardinali elementi per la sua scelta.

E, per fugare qualsiasi altro dubbio, basta sottolineare l’elevato valore di conducibilità termica (0,058 W/mK – En 12677-2001) e perfetta rispondenza al DLGS 311 con spessori limitati anche in Zone Climatiche “fredde”.

Il valore di conducibilità termica di Isolteco è garantito da uno studio commissionato da Edilteco Group al  Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale dell’Università di Bologna che ha costruito la curva caratteristica della conducibilità termica su 31 test eseguiti su altrettanti provini con diverse modalità di impasto (la norma UNI EN 1745 indica in tre test il limite minimo per la costruzione della curva caratteristica!).

Il valore base di Isolteco è risultato essere: λ=0,058 W/md per ρ=152 kg/m³ (UNI 12667)

Per quanto riguarda, invece, la piena rispondenza al DLGS 311 Edilteco Group ha commissionato allo Studio A+ Termotecnici Associati di Medolla (MO) un importante studio sui calcoli di verifica della trasmittanza termica e sulla verifica igrometrica delle stratigrafie composte da laterizio e intonaco termico Isolteco per ogni Zona Climatica.

La ricerca realizzata dallo Studio A+ specifica i dati di conduttività termica inseriti nei calcoli di verifica e verifica igrometrica relativi alle condizioni di progetto derivanti dall’emanazione della normativa tecnica UNI EN ISO 10456:2008 anche in applicazione assieme alla UNI EN 1745 (con maggiorazione per assorbimento di umidità).

Questo importante studio ha permesso di ottenere, per ogni zona climatica e per ogni tipologia di laterizio presente sul mercato, un preciso calcolo di trasmittanza termica e verifica igrometrica delle stratigrafie composte da laterizio + Isolteco con limite di trasmittanza termica di legge 0,400 W/m2k.

Un vero e proprio certificato di progetto in perfetta corrispondenza alle normative vigenti!

In un periodo economico non facile come quello che stiamo vivendo anche la più piccola decisione aziendale deve essere ampiamente soppesata. Ma scegliere di attendere periodi migliori per progredire è un errore. È proprio questo il momento per evolversi e sviluppare, attraverso ricerche e studi appropriati, quei prodotti che rispondano appieno alle esigenze di un mercato sempre più attento e informato.

Ed è questo quello che sta facendo Edilteco Group. Gli studi e le ricerche compiuti su Isolteco ne sono la prova tangibile.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Isolamento a cappotto. Siamo sicuri che fosse l’unica scelta possibile? Geometra.info