Sicurtecto: sistemi a secco per la messa in sicurezza dei solai soggetti a sfondellamento | Geometra.info

Sicurtecto: sistemi a secco per la messa in sicurezza dei solai soggetti a sfondellamento

wpid-4403_Sicurtecto.jpg
image_pdf

Crolli del soffitto, distacchi di calcinacci, cedimenti di intonaco sono tutti modi diversi per intendere lo sfondellamento, il distacco e la successiva caduta della parte inferiore della pignatta nei solai in laterocemento. Un fenomeno non strutturale che tuttavia mette in grave pericolo cose e persone!

Nell’ultima settimana lo sfondellamento è apparso sui quotidiani della Toscana, per il crollo di intonaco che ha ferito una ragazza nel bagno della scuola; sui quotidiani Liguri per lo sfondellamento che ha investito una signora nella sua abitazione, ma anche in Lazio, Lombardia, Friuli, Piemonte…

Sempre più spesso chi lavora nell’edilizia si trova di fronte a questo fenomeno e deve trovare una soluzione immediata che possa prevenire situazioni di pericolo o che ripristini il solaio a danno già avvenuto. Ma come fare? Per poter risolvere i problemi dello sfondellamento è bene che un tecnico conosca al meglio i rischi del fenomeno (leggi questo approfondimento per saperne di più) e quali sono le cause che lo provocano.

Cosa causa uno sfondellamento?

Lo sfondellamento viene causato dal normale degrado dei materiali, ma ci sono alcune condizioni che accelerano il fenomeno mettendo più a rischio alcuni ambienti piuttosto che altri. 

Un fattore molto rilevante è la cattiva qualità dei materiali con cui talvolta è composto un solaio in laterocemento; purtroppo, infatti, le norme tecniche che definiscono la geometria, la meccanica e le regole per la produzione delle pignatte sono piuttosto recenti. L’assenza di normativa per anni ha portato, per esempio, ad avere pignatte dalle forme più svariate. I costruttori, considerando la pignatta con semplice funzione di alleggerimento, avevano l’usanza di sbizzarrirsi con l’ideazione di nuove forme così da rendere unico il proprio prodotto. Ma le forme irregolari non considerano gli stati tensionali; sono quindi state prodotte pignatte inadeguate per resistere alle sollecitazioni di trazione per flessione nei setti verticali, provocandone così la rottura.

Un altro fattore che incide nell’evoluzione dello sfondellamento sono gli errori di progettazione del solaio. Nonostante la pignatta non abbia un ruolo portante nel solaio, essa assorbe sollecitazioni e tensioni. Quando si è in presenza di luci eccessivamente diverse tra loro o di luci molto elevate e quando si è in assenza di rompitratta, la pignatta viene sollecitata maggiormente e viene accelerato il processo di fessurazione dei setti in laterizio.

Infine anche gli errori di posa in opera possono influenzare ed essere causa di uno sfondellamento. In particolare la pignatta è più sollecitata quando c’è un mancato avvolgimento dell’acciaio da parte del getto di calcestruzzo. Questo provoca una zona vuota tra le pignatte e il ferro; l’ossidazione ed il rigonfiamento delle armature libere diviene così causa di rotture.

Ovviamente alle cause tecniche si devono sommare i problemi della gestione di un edificio. Lo sfondellamento è più probabile quando la manutenzione viene trascurata, quando l’edificio invecchia e quando ci sono dei movimenti di assestamento della struttura.

Come mettere in sicurezza dallo sfondellamento?

Nel patrimonio edilizio italiano lo sfondellamento è molto diffuso, ma fortunatamente oggi è possibile risolvere definitivamente questo problema senza interventi invasivi. Per disinnescare ogni pericolo negli ambienti soggetti a sfondellamento, la scelta del sistema di messa in sicurezza è determinante, ed è un aspetto molto delicato per i tecnici. Ecco quindi le domande che il professionista si deve porre per scegliere il sistema antisfondellamento più adeguato.

  #1: Quali garanzie di reale sicurezza offre?

  #2: E’ alla portata dei miei clienti? E come tutelo il loro investimento?

  #3: I lavori di messa in sicurezza saranno invasivi?

Anni di esperienza e know how rendono Sicurtecto l’unico sistema antisfondellamento in grado di rispondere a tutte le esigenze che ogni tecnico deve richiedere ad un sistema di messa in sicurezza.

#1 – Sicurtecto offre le massime garanzie di sicurezza:
– Garantisce un coefficiente si sicurezza superiore a 2,5 grazie ad interventi su misura per ogni solaio.
– E’ certificato dal Politecnico di Milano, che attesta una portata di 160 kg/mq.
– Fornisce il certificato di posa in opera, rilasciato dopo verifiche mirate su ogni installazione.

#2 – Sicurtecto è alla portata di tutti e tutela i propri clienti:
– Ha costi contenuti perché si tratta di un sistema efficace, ma semplice.
– E’ l’unico prodotto del genere ad essere coperto da Polizza RC prodotto e disporre di postuma decennale.

#3 – Sicurtecto non crea disagi durante l’installazione:
– La facilità di posa consente interventi a secco, veloci e non invasivi
– Viene installato senza interrompere le regolari attività all’interno degli ambienti.

Vuoi saperne di più sullo sfondellamento e conoscere tutte le caratteristiche di Sicurtectoper scoprire come può aiutarti a risolvere definitivamente i problemi al solaio? Richiedi la documentazione gratuita cliccando qui.

A fianco di chi si occupa di sicurezza: hai mai pensato che con il tuo lavoro proteggi persone da pericoli e crolli, proprio come gli eroi? Guarda il video e scopri come Sicurtecto® ti affianca nella missione per la sicurezza!

In Italia siamo in molti ad occuparci di manutenzione e sicurezza negli edifici nonostante le limitate risorse a disposizione. Anche tu sei dei nostri? Fai sapere che ci sei! Metti ‘mi piace’ alla pagina FacebookSicurtecto ed entra a far parte della community!

Copyright © - Riproduzione riservata
Sicurtecto: sistemi a secco per la messa in sicurezza dei solai soggetti a sfondellamento Geometra.info