Torino: 14 Km di gallerie a rischio per la mancanza di un piano di emergenza | Geometra.info

Torino: 14 Km di gallerie a rischio per la mancanza di un piano di emergenza

wpid-4311_galleriaferrovia.jpg
image_pdf

Quattro gallerie, quasi 14 chilometri di strada ferrata, nel cuore della città di Torino, senza piano di sicurezza nel caso in cui si verificasse un incidente. Anche il nuovo passante ferroviario risulta fuori legge. Questo è quanto stato accertato dal procuratore Raffaele Guariniello e rilevato anche dalla Commissione del Consiglio nazionale dei lavori pubblici.  Il magistrato ha informato ministro per le Infrastrutture Altero Matteoli e all’Agenzia naziona­le per la sicurezza delle ferrovie.

Ma non è tutto: ci sono lacune anche nel Piano d’emergenza interno. Quest’ultimo esiste, ma è stato considerato “inadeguato e insufficiente” sia dalla procura sia dalla Commissione nazionale dei lavori pubblici. Le gallerie interessate sono quelle sulla linea «storica» tra Porta Nuova e Porta Susa (2 km e 800 metri), sul “passante” tra Lingotto e Porta Susa (3 km e 600 metri), sulla «diretta» tra Porta Nuova e Porta Susa (non ancora terminata, 2 km e 800 metri) e sul «quadruplicamento» tra Porta Susa e Corso Grosseto (4 Km e 600 metri).

La cosa è resa più preoccupante perché spesso i treni merci che trasportano materiale infiammabile su queste tratte non sono sottoposti ai necessari controlli. Rimane la domanda: in caso di incendio, quali sarebbero le conseguenze? “La scena che si prospetterebbe è a dir poco apocalittica” osserva Raffaele Guariniello. Occorre intervenire al più presto, occorrono lavori di ade­guamento.

Copyright © - Riproduzione riservata
Torino: 14 Km di gallerie a rischio per la mancanza di un piano di emergenza Geometra.info