La smart city parlerà portoghese | Geometra.info

La smart city parlerà portoghese

wpid-8757_smartcities.jpg
image_pdf

Nascerà nel 2013, avrà una superficie di 17 chilometri quadrati, potrebbe generare “decine di migliaia” di posti di lavoro e qui si riuniranno 12.000 soci, molti dei quali di piccole e medie imprese nel settore della tecnologia. Questo è quanto ha assicurato Steve Lewis, presidente di Living Planit  ed ex dirigente Microsoft che gestirà la Planit Valley Technology.

Il territorio in questione si trova in Portogallo, a Parades. Una cittadina che vedrà inglobata in ogni sua struttura ed edificio una tecnologia in grado, secondo gli studi effettuati, di migliorare l’efficienza energetica della città e la sostenibilità complessiva.
Si potrà monitorare il proprio consumo di acqua o di energia, si punterà a migliorare le condizioni di vita degli abitanti e a ridurre al minimo l’uso di risorse naturali e gli sprechi.

La piattaforma di ricerca sarà un vero e proprio laboratorio vivente su scala urbana, attuato in modo sostenibile, con tecnologie che migliorano la qualità della vita” dagli edifici intelligenti a soluzioni avanzate per la mobilità, trasporti e comunicazioni.

Il ruolo di Microsoft sarà cruciale in quanto fornirà i mezzi necessari per coordinare i sensori sparsi per la città con la piattaforma Azure: le informazioni trasmesse da questi dispositivi saranno diverse e necessarie a mantenere la situazione sotto controllo.

Si stima che le persone coinvolte nella realizzazione saranno circa 250mila e che serviranno più di 14 miliardi di dollari per completare il tutto: cifre importanti per un progetto ambizioso.

Copyright © - Riproduzione riservata
La smart city parlerà portoghese Geometra.info