Milano, c'e' l'ok sul nuovo regolamento edilizio | Geometra.info

Milano, c’e’ l’ok sul nuovo regolamento edilizio

wpid-24845_casemilano.jpg

Milano si è dotata di un nuovo regolamento edilizio: Palazzo Marino ha infatti dato il via libera con 26 voti a favore e 11 contrari al testo che determina le nuove regole per il settore. Un ok che è il prodotto di “un percorso durato oltre un anno, caratterizzato dal confronto e dall’ascolto della città”, secondo Ada Lucia De Cesaris, vicesindaco con delega all’urbanistica, che ha voluto sottolineare come il testo finale sia il prodotto di una lunga serie di confronti con ordini professionali, operatori, associazioni e anche Asl.

Il nuovo regolamento edilizio, che diventerà efficace dopo la pubblicazione sul Burl, aggiorna e recepisce tutte le norme a partire dal 1999 a oggi, comprese quelle del Pgt Milano (scarica l’e-book gratis).

Questi i punti salienti del documento:

  • vengono fissati i parametri per l’utilizzo degli incentivi volumetrici previsti dal Pgt per edifici ad alta efficienza energetica o che sono stati progettati con concorso. Il testo stabilisce tra l’altro i nuovi requisiti minimi in materia di efficientamento energetico;

  • vengono introdotte nuove norme contro il proliferare di sale gioco e scommesse che non potranno aprire ad una distanza inferiore a 500 metri da scuole, chiese, parchi e ospedali;

  • si introducono varie norme dell’ottica della valorizzazione e rigenerazione del patrimonio edilizio esistente, tra cui la possibilità di realizzare unità monoaffaccio, seminterrati abitabili, alloggi con metrature minime di 28mq e la possibilità di realizzare un solo bagno cieco anche in appartamenti di superficie superiore ai 60mq;

  • in tema di lotta al degrado, il Comune potrà intervenire in via sostitutiva per eseguire interventi di ripristino e messa in sicurezza di aree o edifici abbandonati da oltre 5 anni e potrà attribuire a tali beni un uso pubblico;

  • entro 5 anni tutti i fabbricati con data di collaudo delle strutture superiore a 50 anni avranno l’obbligo di essere sottoposti a verifica statica da allegare al fascicolo del fabbricato a tutela della sicurezza di chi vi abita;

  • per la prima volta vengono fissate regole precise per garantire il diritto all’accessibilità in tutti i locali pubblici e privati aperti al pubblico, anche con soluzioni temporanee;

  • viene introdotta la nuova regolamentazione per le fognature, che sostituisce la precedente vecchia di decenni.

Copyright © - Riproduzione riservata