Milano la città del futuro | Geometra.info

Milano la città del futuro

wpid-3607_milan.jpg
image_pdf

10 linee metropolitane, 300 mila nuovi abitanti, il doppio del verde pubblico rispetto a oggi, un tunnel stradale dall’aeroporto di Linate a Rho, e servizi di prima necessità a non più di dieci minuti a piedi da ogni abitazione. Questi i numeri del nuovo Piano di governo del territorio (Ptg) adottato dalla Giunta comunale per il 2030, che manderà in pensione il vecchio piano regolatore e che arriverà a dicembre in consiglio per una prima adozione.

Con riguardo, invece, alla tematica riguardante lo stanziamento dei soldi per le nuove metropolitane milanesi, il Cipe ha approvato il finanziamento di 921,1 milioni di euro per il completamento delle linee MM4 e MM5: con le nuove linee metropolitane il capoluogo lombardo passerà dagli attuali 76 chilometri a 140, mentre il numero delle fermate verrà incrementato dalle 88 di adesso alle 110 previste al completamento dei lavori.

Una città ideale quella disegnata dal sindaco Letizia Moratti e dall’assessore all’Urbanistica, Carlo Masseroli, «Con questo piano estremamente innovativo – ha promesso la  Moratti – consegneremo ai nostri figli una città più verde, con più infrastrutture e più servizi».

Cardine del nuovo piano sono le nuove regole urbanistiche grazie all’introduzione del sistema della perequazione e dall’abolizione dei vincoli delle destinazioni d’uso. A ogni area sarà assegnato un indice edificatorio potenziale dello 0,5 (ridotto a 0,2 solo nel Parco Sud) che potrà essere trasferito, scambiato o incrementato grazie all’istituzione di una borsa dei diritti edificatori. Con questo nuovo “meccanismo” la Giunta punta ad una concentrazione delle nuove costruzioni nelle zone già ben “urbanizzate” (dove non saranno, infatti, ammessi indici inferiori a 1).

Flessibilità e semplificazione : queste le promesse dell’amministrazione in nome di un principio: la complessità dell’iter burocratico sarà direttamente proporzionale al suo impatto sul contesto. Proprio per questo il pgt contiene un’analisi della città, che viene suddivisa in 88 zone definite per le loro caratteristiche morfologiche.

E come afferma l’assessore Masseroli: “Libertà, equità, semplificazione e sussidiarietà: sono queste le parole chiave del Piano. Milano è oggi laboratorio nazionale dell’innovazione urbanistica”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Milano la città del futuro Geometra.info