Geometra.info - Geometra.info | Geometra.info

Regolamento di esecuzione della L. 11 novembre 1971, n.1046, in materi...

Regolamento di esecuzione della L. 11 novembre 1971, n.1046, in materia di ordinamento della Cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti.

INGEGNERE, ARCHITETTO E GEOMETRA
C) Previdenza per gli ingegneri e gli architetti
D.P.R. 30 maggio 1975, n. 301 (1).

Regolamento di esecuzione della L. 11 novembre
1971, n. 1046 (2), in materia di ordinamento
della Cassa nazionale di previdenza ed
assistenza per gli ingegneri ed architetti
(3).

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l’art. 87, comma quinto, della Costituzione;
Vista la legge 4 marzo 1958, n. 179, sulla istituzione e
l’ordinamento della Cassa nazionale di previdenza ed assistenza
per gli ingegneri ed architetti;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 31 marzo
1961, n. 521, per l’approvazione del regolamento di attuazione
della Cassa predetta;
Vista la legge 11 novembre 1971, n. 1046, ed in particolare
l’art. 4 della medesima;
Sentito il comitato nazionale dei delegati;
Udito il parere del Consiglio di Stato;
Sentito il Consiglio dei Ministri;
Sulla proposta del Ministro per il lavoro e la previdenza
sociale;
Decreta:

TITOLO I
Degli iscritti

1. Iscritti. Ä L’iscrizione alla Cassa nazionale di
previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti Š
obbligatoria per tutti gli ingegneri ed architetti iscritti nei
rispettivi albi professionali nei cui confronti non sussista,
per legge, divieto di esercitare la libera professione e che non
siano iscritti a forme di previdenza obbligatoria in dipendenza
di un rapporto di lavoro subordinato o comunque di altra
attivit… esercitata.

2. Modalit… dell’iscrizione. Ä L’iscrizione alla Cassa decorre
dalla data di iscrizione all’albo.
Gli ordini degli ingegneri e gli ordini degli architetti
debbono, contestualmente alla comunicazione alla procura della
Repubblica, notificare alla Cassa i nominativi dei nuovi
iscritti, dei cancellati e dei deceduti.
Gli ingegneri ed architetti che sono tenuti ad iscriversi,
debbono farne denuncia alla Cassa con lettera raccomandata con
ricevuta di ritorno entro trenta giorni dalla notizia
dell’avvenuta iscrizione nei rispettivi albi professionali,
dichiarando di non essere soggetti ad altra forma di previdenza
obbligatoria.
Apposita denunzia deve essere inoltrata anche da quei
professionisti che non sono tenuti all’iscrizione, producendo un
certificato dell’ente assicuratore o dell’amministrazione presso
la quale prestano la loro attivit….
Trascorso il termine di cui al terzo comma del presente
articolo, l’iscrizione nei ruoli Š effettuata d’ufficio.
Ai nuovi iscritti ne Š data comunicazione individuale mediante
lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.
Coloro che si ritengono indebitamente iscritti possono, entro
il termine di trenta giorni dalla data di ricezione della
notifica della avvenuta iscrizione, presentare ricorso con
lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, affinch‚ la giunta
esecutiva possa pronunciarsi su di esso. In pendenza del
ricorso, il versamento dei contributi Š sospeso. Contro il
deliberato della giunta esecutiva Š ammesso ricorso nei modi e
nei termini di cui all’art. 16 della legge 4 marzo 1958, n. 179
(4), al consiglio di amministrazione entro sessanta giorni dalla
notifica della deliberazione della giunta esecutiva.
La Cassa, entro il 31 marzo di ciascun anno, forma i ruoli
degli iscritti curandone la pubblicazione per quindici giorni
presso le sedi dei comuni di residenza e degli ordini
professionali.
Coloro che si ritengono indebitamente inclusi nei detti ruoli
possono inoltrare ricorso alla giunta esecutiva nei termini e
secondo le modalit… prescritte dal settimo comma del presente
articolo. Analogo ricorso, senza termine di decadenza, possono
produrre coloro che si ritengono indebitamente esclusi.
L’iscritto che perda il diritto all’iscrizione deve darne
comunicazione alla Cassa, con lettera raccomandata con ricevuta
di ritorno, entro trenta giorni dalla perdita del diritto
stesso. Esso viene cancellato dai ruoli dal giorno in cui si Š
verificato l’evento ed Š tenuto al pagamento del contributo fino
a tale data restando salvo il diritto al pensionamento per
vecchiaia, invalidit… e morte qualora possa far valere il minimo
di anzianit… contributiva, di cui al successivo art. 7.
Coloro che perdono il diritto d’iscrizione a causa di attivit…
didattica saltuaria e di limitato periodo possono a chiusura
dell’anno scolastico, denunciare in un’unica volta i periodi in
cui l’iscrizione alla Cassa Š obbligatoria e quelli in cui la
stessa Š esclusa nell’anno medesimo.
Essi dovranno perci• continuare i versamenti trimestrali.
Eventuali contributi versati in pi— potranno valere per l’anno
successivo od essere rimborsati a domanda degli interessati.
La cancellazione e la reiscrizione negli albi professionali
comportano analoghe cancellazioni e reiscrizioni nei ruoli della
Cassa.
I periodi di iscrizione alla Cassa sono cumulabili agli
effetti della determinazione dell’anzianit… contributiva.

TITOLO II
Dei contributi

3. Contributo individuale. Ä Ai sensi del secondo comma
dell’art. 1 della legge 11 novembre 1971, n. 1046 (5), la misura
del contributo individuale viene determinata ogni due anni con
decreto del Ministro per il lavoro e la previdenza sociale,
entro i limiti stabiliti dalla legge.

4. Modalit… dei versamenti. Ä Il versamento del contributo
individuale Š effettuato dagli iscritti in quattro rate uguali,
scadenti il 10 gennaio, il 10 aprile, il 10 luglio e il 10
ottobre di ciascun anno, mediante accreditamento a mezzo conto
corrente postale, oppure direttamente ad una o pi— aziende di
credito, di diritto pubblico o istituti di credito a carattere
nazionale o casse di risparmio, designate dalla Cassa, tra
quelle indicate all’art. 22, lettera b), della legge istitutiva.
Coloro, che non effettuano il versamento diretto della prima o
delle successive rate, sono iscritti nei ruoli ordinari ed il
contributo annuale o quello residuo Š riscosso a mezzo delle
esattorie comunali con le forme e la procedura stabilite per la
riscossione delle imposte. Le esattorie verseranno alla Cassa
gli importi iscritti nei ruoli per il tramite delle ricevute
provinciali, con l’obbligo del non riscosso come riscosso.
Il contributo riscosso a mezzo delle esattorie Š gravato degli
interessi legali.

5. Contributi indiretti. Ä Le amministrazioni dello Stato,
delle regioni, delle province e dei comuni che, in base a leggi,
decreti e regolamenti, sono competenti a rilasciare sotto
qualsiasi forma direttamente o a mezzo di enti autorizzati o
delegati, atti di approvazione, autorizzazione, concessione,
collaudo, registrazione in pubblici registri o altri analoghi
atti amministrativi relativi a progetti ed elaborati tecnici
redatti da ingegneri o architetti o che secondo le norme vigenti
sono di competenza di ingegneri o architetti, concernenti
costruzioni, impianti o qualsiasi altra opera, sono tenute a
subordinare il rilascio degli atti amministrativi di cui sopra
alla prova dell’avvenuto pagamento alla Cassa del contributo
previsto dall’art. 24 della legge 4 marzo 1958, n. 179 (6), con
le modalit… e nei termini previsti dall’art. 5 della legge 11
novembre 1971, n. 1046 (5).
La documentazione dei versamenti effettuati in favore della
Cassa Š allegata ai fascicoli d’ufficio delle amministrazioni
concedenti e gli estremi della ricevuta debbono essere annotati
sui predetti atti amministrativi.
Qualora le costruzioni, gli impianti o qualsiasi altra opera
siano progettate per conto di pubbliche amministrazioni, il
contributo Š dovuto all’atto dell’approvazione da parte dei
competenti organi amministrativi cui sono demandati i controlli
sugli atti delle pubbliche amministrazioni. Gli organi di cui
sopra sono tenuti a subordinare le autorizzazioni o approvazioni
previste alla prova dell’avvenuto versamento del contributo.
Se per una stessa opera sono richiesti molteplici atti
amministrativi il contributo Š dovuto per una sola volta ed Š
corriposto al momento del perfezionamento della pratica.
Sull’ultimo documento sono annotati gli estremi del versamento
effettuato.
Se successivamente agli atti amministrativi originari Š
richiesta una variante che comporti un aumento del costo
dell’opera, il contributo Š dovuto anche sulla differenza,
sempre con le medesime modalit….
Tra le concessioni di cui al primo comma del presente articolo
si intendono comprese quelle indicate nel testo unico approvato
con decreto del Presidente della Repubblica 1ø marzo 1961, n.
121 (7), semprech‚ richiedano un elaborato tecnico di competenza
di ingegnere o architetto o comunque redatto da ingegneri o
architetti.
Il versamento del contributo deve essere effettuato sia a
mezzo di conto corrente post…

[Continua nel file zip allegato]

Geometra.info