AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - CIRCOLARE 5 maggio 2003, n.25: Contratti di coltivazione tabacco raccolto 2003 | Geometra.info

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA – CIRCOLARE 5 maggio 2003, n.25: Contratti di coltivazione tabacco raccolto 2003

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA - CIRCOLARE 5 maggio 2003, n.25: Contratti di coltivazione tabacco raccolto 2003 - Adempimenti. Modulistica e standard dei contratti. (GU n. 110 del 14-5-2003)

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA

CIRCOLARE 5 maggio 2003, n.25

Contratti di coltivazione tabacco raccolto 2003 – Adempimenti.
Modulistica e standard dei contratti.

Al Ministero delle politiche agricole e
forestali – Direzione generale delle
politiche comunitarie e internazionali
– Div. PAGRVI – Div. FEOGA
All’A.P.T.I.
All’UNITAB
All’O.N.T. Italia
Alla Coldiretti – Dipartimento
economico
Alla Confederazione italiana
agricoltori
Alla Confagricoltura
Alla Copagri
Alla Confcooperative
federagroalimentare
All’Anca Lega Coop
Alla Organizzazione interprof.le
Interbright
Alla Organizzazione interprof.le
Interorientali
All’Associazione interprof.le Tabacco
All’E.T.I. – Ente tabacchi italiani
e, per conoscenza:
Al Comando carabinieri – Politiche
agricole

Il presente documento stabilisce le disposizioni procedurali in
ordine alla stipula e presentazione per la registrazione dei
contratti di coltivazione tabacco raccolto 2003, ai sensi del Reg.
CEE n. 2848/98 della commissione e successive modifiche ed
integrazioni, con particolare riguardo agli articoli 9, 10, 11 e 12,
nonche’ della circolare MIPA n. 652 del 6 agosto 1999.
Contrattazione: termini e modalita’

L’AGEA entro il 30 aprile 2003 aggiornera’ le quote di produzione
tabacco; tale aggiornamento terra’ conto delle risoluzioni dei casi
di contenzioso relativi agli accordi di cessione di quota e ai
trasferimenti di azienda, nonche’ delle quote aggiuntive derivate
dalla distribuzione dei residui.
Le quote aggiornate come sopra saranno oggetto della contrattazione
del tabacco sciolto per il raccolto 2003, le cui date limite,
stabilite dal Reg. (CE) n. 2848/98 e successive modifiche ed
integrazioni, sono:
stipula contratti primari: entro il 30 maggio 2003;
presentazione all’AGEA dei contratti primari: entro il 9 giugno
2003.
Si rammenta che il punto 3 dell’art. 10 del Reg. (CE) n. 2848/98
stabilisce che qualora il termine per la firma del contratto, o per
la sua consegna all’AGEA, sia superato di non oltre quindici giorni,
il premio da rimborsare e’ ridotto del 20%.
Pertanto i contratti stipulati successivamente al 14 giugno 2003
e/o presentati per la registrazione successivamente al 24 giugno
2003, termine ultimo per la presentazione con riduzione del premio,
saranno ritenuti nulli agli effetti dell’attribuzione definitiva
delle quote e del diritto al premio comunitario.
Negli impegni di coltivazione dovranno essere indicate:
a) quota ADQ (individuale o associativa);
b) quota parte nominale (corrispondente alla quota ADQ per i
coltivatori non associati);
c) quota contrattata (uguale o minore della quota parte
nominale).
Il coltivatore deve valutare l’entita’ della quota contrattata da
dichiarare, sulla base della resa massima applicata alle superfici
effettivamente coltivate e, di conseguenza, dichiarate coltivate nel
modello T1 sottoscritto.
Tipologie di contratto ed impegni di coltivazione

Relativamente alle tipologie di contratto ed impegni di
coltivazione validi per il raccolto 2003, per le quali si allegano
gli standard della corrispondente modulistica, si richiamano le
seguenti prescrizioni, con particolare riguardo a quanto disposto
dalla circolare AGEA n. 7 del 23 settembre 2002 nel capitolo relativo
agli effetti del riconoscimento delle associazioni sulla
contrattazione:
C1: trattasi del rapporto contrattuale tra un coltivatore non
associato venditore e la ditta trasformatrice acquirente, per un
determinato raccolto e gruppo varietale;
C2: e’ il contratto che un’associazione stipula con una ditta
trasformatrice, per un determinato raccolto e gruppo varietale, per
la totalita’ degli impegni di coltivazione sottoscritti da un
determinato numero dei propri soci;
DC2: trattasi dell’impegno di coltivazione che lega, per un
determinato raccolto e gruppo varietale:
1. il produttore associato, socio diretto o per tramite di
altra associazione a sua volta associata, all’associazione
riconosciuta di appartenenza;
2. il produttore socio di una cooperativa di produzione, alla
medesima cooperativa di produzione;
DC2A: e’ l’impegno di coltivazione che una cooperativa di
produzione associata, direttamente o meno, ad una determinata
associazione riconosciuta o ad un consorzio di cooperative di
produzione, stipula con l’associazione o il consorzio medesimo, per
un determinato raccolto e gruppo varietale, per la totalita’ degli
impegni di coltivazione a loro volta sottoscritti dai propri soci
produttori.
Le imprese trasformatrici potranno stipulare contratti solo ed
esclusivamente per i gruppi varietali di cui ai rispettivi
certificati di riconoscimento.
Le parti hanno facolta’ di stipulare i contratti con l’aggiunta di
clausole specificative purche’ non in contrasto con la
regolamentazione comunitaria ed in particolare con quanto disposto
agli articoli 9, 10, 11 e 12 del Reg. (CE) n. 2848/98.
Registrazione dei contratti

Le associazioni contraenti dovranno provvedere alla consegna dei
contratti presso la sede dell’organismo pagatore – AGEA in via
Palestro, 81 – Roma, nonche’ al caricamento dei dati informatici
relativi, entro e non oltre il 9 giugno 2003.
Le associazioni contraenti dovranno consegnare i contratti di tipo
C2, corredati dalla stampa di riepilogo dell’inserimento degli
impegni di coltivazione dei produttori riferiti a ciascun contratto,
accompagnati da una lettera di trasmissione, in duplice copia, su
carta intestata dell’associazione.
Inoltre, e’ indispensabile, ai fini della registrazione e
validazione, che ai contratti presentati dalle associazioni sia
allegata una delibera dell’assemblea dei soci, o del consiglio se
espressamente previsto dallo Statuto, con la quale si stabiliscono i
prezzi minimi per varieta’ e grado qualitativo da rispettare in fase
di commercializzazione.
Si precisa che gli impegni di coltivazione ed i singoli modelli T1
afferenti ai contratti di cui sopra, dovranno essere conservati e
catalogati da parte delle associazioni stesse, unitamente alla
documentazione probatoria richiesta.
Gli impegni di coltivazione e i mod. T1 in originale, nonche’ copia
autenticata delle visure, mappe catastali, titoli di possesso e della
restante documentazione probatoria, dovranno essere conservati, nel
fascicolo aziendale, unicamente presso le sedi delle associazioni
riconosciute, e non presso le sedi delle associazioni ad esse
aderenti.
Resta a carico delle ditte trasformatrici la presentazione degli
eventuali contratti individuali (C1), anch’essi da consegnare
accompagnati da lettera di trasmissione in duplice copia, su carta
intestata della ditta.
Si precisa che essendo a cura dell’AGEA il caricamento dei dati
relativi ai contratti C1 nel sistema informatico, a differenza di
quanto avverra’ per i C2, questi dovranno essere presentati completi
dei rispettivi mod. T1, nonche’ di tutta la documentazione (visure e
mappe catastali, titoli di possesso e restante documentazione
probatoria, in originale).
Si coglie l’occasione per precisare che i produttori che
risulteranno non regolarmente associati ad associazioni riconosciute,
non potranno sottoscrivere impegni di coltivazione con alcuna
associazione, ma dovranno esclusivamente stipulare contratti di
coltivazione individuali con la ditta trasformatrice; in tal caso
perderanno il diritto a percepire la parte variabile del premio e ad
accedere ai meccanismi di flessibilita’ delle quote in ambito
associativo.
Gli impegni di coltivazione che non ottemperano al rispetto della
suddetta disposizione saranno segnalati alle associazioni e potranno
eventualmente essere sostituiti da contratti individuali.
Per contro, i coltivatori che risultano associati, non avendo
prodotto disdetta nei termini stabiliti per la campagna 2003, non
potranno stipulare contratti di coltivazione individuali con ditte
trasformatrici; in caso cio’ avvenisse, i coltivatori medesimi
perderanno totalmente il diritto a percepire l’aiuto comunitario per
la produzione della campagna in oggetto.
Si avverte che l’AGEA controllera’ il rispetto di tali disposizioni
al momento dell’acquisizione informatica dei dati relativi ai
contratti, sulla base degli albi soci consolidati.
Documentazione probatoria per il raccolto 2003

Si raccomanda il rispetto delle disposizioni in materia di quote di
produzione, introdotte dalla circolare MIPA n. 127/G -1 del
16 febbraio 1998, che ha comportato conseguenti adeguamenti della
modulistica e delle procedure connesse alla contrattazione a
decorrere dal raccolto 1998.
Al riguardo, per quanto attiene specificatamente al tipo di
prestazione lavorativa del coltivatore contraente, si e’ reso
necessario inserire nel testo del contratto e dell’impegno di
coltivazione una dichiarazione con la quale il soggetto intestatario
della quota di produzione attestera’ che, per il raccolto
interessato, la produzione sara’ effettuata direttamente, mediante la
propria attivita’ lavorativa, oppure mediante la prestazione d’opera
d’altri; si precisa che nei casi di tipo misto, per i quali la
prestazione d’opera d’altri si affianca a quella del titolare di
quota e del proprio nucleo familiare, sara’ necessario barrare
entrambe le caselle sul contratto o sull’impegno di coltivazione.
Nella seconda ipotesi, si evidenzia che la circolare MIPA succitata
stabilisce che «gli accordi di compartecipazione, di qualsiasi tipo,
anche a carattere stagionale, compresi quelli di mezzadria e di
colonia parziaria, stipulati per la produzione del tabacco, non
possono essere presi in considerazione».
E’ evidente che la prestazione d’opera d’altri deve essere
documentata a termini di legge, e che tale documentazione dovra’
essere esibita dal produttore ad ogni eventuale richiesta
supplementare dell’AGEA.
Inoltre, il produttore contraente e’ tenuto ad indicare, sul
proprio impegno contrattuale, l’ubicazione (via, contrada, localita’
o particella catastale e comune) delle strutture di cura, di
stendaggio e di deposito del tabacco.
Per quanto riguarda il deposito del tabacco, se questo avviene in
locali utilizzati da piu’ produttori, e’ necessario che le rispettive
produzioni restino, per tutto il periodo del deposito stesso,
fisicamente individuabili tramite apposizione di un cartellino
contenente le generalita’ del produttore, il raccolto ed il gruppo
varietale di appartenenza.
Qualora, in occasione di eventuali controlli, venisse accertato il
mancato rispetto della suddetta disposizione, i quantitativi di
prodotto immagazzinati saranno esclusi dal diritto al premio.
Dovranno, infine, essere dichiarati gli estremi degli atti di
detenzione dei terreni (data di stipula e di registrazione e durata
del possesso), l’eventuale esistenza d’accordo verbale sulla
detenzione dei terreni stessi e il titolo di conduzione del fondo.
A tal riguardo si precisa che l’allegato alla circolare MIPA n.
127/G-1 del 16 febbraio 1998 prevede che i titoli validi per ottenere
la disponibilita’ dei terreni siano i seguenti:
1. proprieta’ – atto notarile, o denuncia di successione, nei
casi in cui il diritto non si evinca dalla visura catastale, che deve
essere aggiornata all’anno solare in corso o resa tale tramite
autodichiarazione del proprietario, secondo le forme di legge;
2. affitto – atto pubblico registrato; scrittura privata
registrata; accordo verbale registrato;
3. usufrutto – atto notarile o dichiarazione di successione (vedi
proprieta);
4. comodato – contratto registrato sottoscritto dalle parti. In
ambito familiare occorre specificare la documentazione attestante il
rapporto di parentela. Qualora il terreno utilizzato da un produttore
risultasse intestato ad un altro membro del medesimo nucleo
familiare, circostanza dimostrabile con uno stato di famiglia
aggiornato abbinato al titolo di possesso del titolare, non e’
richiesto alcun atto; in tal caso s’invita ad indicare il codice «F»,
corrispondente a tale ultima fattispecie.
Qualsiasi tipo di atto diverso da quelli sopra elencati non puo’
essere preso in considerazione.
Anche per la campagna 2003 e’ confermato l’utilizzo del modello T1,
costituente parte integrante del contratto, nel quale vanno riversati
i dati dettagliati del piano di coltivazione del produttore
contraente, e che dovranno pertanto obbligatoriamente essere stampati
al termine delle operazioni di caricamento nella banca dati dei
contratti da parte dell’associazione e successivamente sottoposti
alla firma dei soci produttori a fine di convalida, previa verifica
da parte di questi ultimi.
L’apposita procedura di stampa provvedera’ ad attribuire
numerazione progressiva ed univoca ai modelli.
Non saranno ritenuti validi modelli T1 compilati a mano se non per
quanto riguarda quelli relativi ai contratti di tipo C1, per i quali
si potra’ utilizzare copia dell’allegato alla presente circolare.
Si comunica che non sara’ possibile, successivamente alla
presentazione, modificare od integrare i piani di coltivazione, salvo
causa di forza maggiore e/o errore manifesto ma comunque non oltre la
data di notifica alle associazioni o al produttore non associato
dell’esecuzione dei controlli in campo previsti dall’art. 46 del Reg.
(CE) n. 2848/98, fatte salve le sanzioni introdotte dal Reg. (CE) n.
2162/99.
Si precisa che nel quadro C del mod. T1, il tipo di conduzione deve
essere indicato esclusivamente tramite i seguenti codici:
«P» per proprieta’;
«A» per affitto;
«U» per usufrutto;
«C» per comodato;
«F» per utilizzo in ambito familiare.
Si prega di prestare la massima attenzione all’esatta
identificazione delle particelle dichiarate e delle relative
superfici catastali, nonche’ al rispetto dell’impegno assunto di
coltivare effettivamente su tali terreni.
A tale scopo, si dispone che ai predetti modelli T1 siano allegate
le visure catastali aggiornate, per ciascuna particella dichiarata
coltivata.
Resta inteso che l’AGEA, in qualunque momento, si riserva di
chiedere l’esibizione del titolo di proprieta’ o di utilizzo dei
terreni, documenti che dovranno pertanto far parte del fascicolo
aziendale conservato dalle associazioni.
Cenni sul cambio di titolarita’ dei contratti di coltivazione

Qualora un’impresa di trasformazione non potesse, per cause
indipendenti dalla propria volonta’, tener fede all’impegno
contrattuale sottoscritto, dovra’ darne formale comunicazione alla
controparte, in modo tale che questa possa richiedere all’AGEA il
cambio di referente onde assicurare il regolare prosieguo delle
operazioni di ricevimento.
Si fa notare che la sostituzione delle ditte trasformatrici
referenti per i contratti gia’ registrati non e’ di norma consentita,
ma costituisce un’evenienza dettata da cause di effettiva ed assoluta
forza maggiore che debbono, per ciascuna fattispecie, essere valutate
da quest’amministrazione per l’eventuale autorizzazione.
Tale autorizzazione non potra’ comunque essere rilasciata:
se richiesta dopo l’inizio dei ricevimenti del tabacco relativi
ai contratti interessati;
se richiesta comunque oltre la data del 28 febbraio 2004;
se riguarda singoli impegni di coltivazione anziche’ interi
contratti.
Si preavvisa che la posizione delle ditte trasformatrici coinvolte
in tali situazioni sara’ attentamente valutata dall’AGEA, per quanto
concerne l’affidabilita’, in sede di riconoscimento per la campagna
successiva.
Documentazione giuridica da allegare ai contratti

Relativamente alla documentazione giuridica a corredo degli atti
contrattuali, si rimanda a quanto disposto in materia nelle circolari
per le campagne precedenti, precisando che i contraenti che hanno
gia’ sottoscritto impegni di coltivazione in passato sono esentati
dall’obbligo di riprodurre la documentazione, fatti salvi i casi di
variazione dell’identificativo fiscale, della ragione sociale e del
rappresentante legale.
Si pregano gli organi in indirizzo di dare la massima e tempestiva
divulgazione al contenuto della presente nota, avuto riguardo
all’importanza delle disposizioni in essa contenute.
Il titolare dell’ufficio monocratico: Gulinelli

Allegato C1

=====================================================================
Timbro di accettazione AGEA | Spazio per bar-code

Partita IVA Trasformatore Ragione sociale Trasformatore
N. Contratto Descrizione gruppo varietale

CONTRATTO DI COLTIVAZIONE – RACCOLTO 2003

(Reg. CEE n. 2848/98, art. 9 e successive modifiche e integrazioni)

La ditta trasformatrice…. p. IVA …. ubicata in ….
c.a.p. …………. comune …. prov. ……… rappresentata
legalmente da …. c.f.: …. sesso ……….. nato/a
il …………………. nel comune di …. cod. ISTAT ….
residente in …. comune ……………………………
prov. ……………………….
e

l’azienda produttrice/il produttore …. p. IVA …. sesso
………….. nato/a il ………………. nel comune di …. cod.
ISTAT …. residente in …. comune …………………………..
prov. …………………………
Produttore fisico ( ) Rappresentante legale ( )
p. IVA/c.f. …. ubicata in …. c.a.p. ……………….. comune
………………………….. prov. ………………………..
Stipulano

il presente contratto di coltivazione a norma delle disposizioni
comunitarie in vigore, nel settore del tabacco, derivati dai
Regolamenti CEE n. 2075/92, del consiglio e n. 2848/98 della
commissione e successive modifiche e integrazioni.

A – L’azienda produttrice/il produttore si impegna:

1) al rispetto dell’attestato di quota attribuito dall’A.G.E.A.
per il raccolto 2003, per il gruppo varietale oggetto del presente
contratto, come sotto specificato:

=====================================================================
| | | N. | |
| | |attestato o|Quota ADQ o | Quota
Intestata- | | parte |quota parte|quota parte | contrat-
rio ADQ |o quota| nominale | nominale | nominale | tata
=====================================================================
| |Rag. soc. o| | |
Matricola | |denomina- | | |
AGEA |P. IVA |zione | |Kg |Kg
———————————————————————

2) a consegnare alla ditta trasformatrice tabacco di qualita’
sana, leale, mercantile e privo delle caratteristiche elencate
nell’allegato III del Reg. (CEE) n. 2848/98, nei limiti della
produzione massima indicata negli attestati di quota, presso il
magazzino di trasformazione sito in ….;
3) a produrre un quantitativo massimo di kg ………… netti a
pagamento di tabacco greggio in foglia della varieta’ ….
comprensivo di kg ……… a riporto del tabacco prodotto nel
raccolto 2002 facenti parte dell’attestato n. ……………;
4) a coltivare a tabacco la superficie delle particelle,
decurtata delle aree di servizio, recinzioni, capezzagne, fossi ecc.,
come elencato nel-l’allegato/i T1 appresso specificato/i:

=====================================================================
N. codice a barre mod. T1 | Sup. coltivata | totale | allegato
=====================================================================
|Ha |A |Ca
Totale sup. coltivata | | |

5) a trapiantare il tabacco nelle particelle di cui
all’allegato/i T1 sopra specificati entro il 15 giugno 2003, ai sensi
dell’art. 9, paragrafo 3, lettera l) del Reg. (CE) n. 2848/98
modificato dal Reg. (CE) n. 2162/99 della commissione; 6) a
comunicare, anteriormente al 15 giugno 2003, per lettera raccomandata
all’AGEA, qualsiasi ritardo nel trapianto, precisandone il motivo e
l’eventuale cambio di particelle;
7) ad allegare visure catastali di ciascuna particella inserita
nel mod. T1 di cui sopra;
8) ad effettuare la coltivazione nelle zone di produzione
riconosciute …. conformemente a quanto prescritto dal Reg. (CEE) n.
2848/98, allegato II;
9) a utilizzare solo sementi o piante ottenute da sementi di
tabacco selezionato fornite o approvate dalla ditta;
10) a consegnare i tabacchi di cui trattasi selezionati e
allestiti conformemente alle richieste dell’acquirente;
11) a rispettare il programma e le modalita’ di consegna
stabilite dalla ditta;
12) a consentire l’accesso alla propria coltivazione, ai locali
di cura e custodia da parte degli incaricati del controllo AGEA.
B – L’azienda produttrice/il produttore dichiara:

1) di essere a conoscenza che, a norma dell’art. 50, paragrafi 1,
2 e 2 bis del Reg. (CE) n. 2848/98, modificato dal Reg. (CE) n.
2162/99 della commissione:
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che il trapianto e’ stato effettuato dopo il 15
giugno, ma anteriormente al 30 giugno 2003, perdera’ il diritto al
50% del premio per il raccolto in corso;
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che il trapianto e’ stato effettuato dopo il
30 giugno 2003, perdera’ il diritto a fruire del premio per il
raccolto in corso;
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che non ha affatto coltivato tabacco o che il
trapianto e’ stato effettuato dopo il 30 luglio 2003, perdera’ il
diritto a fruire del premio per il raccolto in corso e a ricevere una
quota di produzione per il raccolto successivo;
qualora i controlli accertino che anche una sola particella
nella quale e’ prodotto il tabacco e’ diversa da quelle indicate nel
presente contratto, all’allegato mod. T1, l’intero premio da
corrispondere per il 2003 verra’ ridotto del 5%, salvo in caso di
applicazione del paragrafo 2, art. 50 del Reg. (CE) n. 2848/98,
modificato dal Reg. (CE) n. 2162/99 della commissione;
2) che la produzione del tabacco oggetto del presente contratto
sara’ effettuata:
F direttamente, mediante la propria attivita’ lavorativa;
F mediante la prestazione d’opera d’altri;
3) che i propri locali di cura e stendaggio del tabacco sono
ubicati in: …. ….;
4) che il locale in cui il tabacco di propria produzione,
fisicamente individuabile pena esclusione dello stesso dal diritto al
premio, verra’ depositato e’ ubicato in:…. …. ….;
5) che gli atti di detenzione dei terreni di cui all’allegato/i
modello/i T1 sono i seguenti:…. …. ….;
6) dichiara, ai sensi della legge n. 675/1996 di autorizzare il
trattamento dei dati personali contenuti nel presente contratto e la
loro trasmissione ai soggetti istituzionali, di controllo e di
rappresentanza del produttore stesso, nonche’ ad altri soggetti
interessati al procedimento.
C – La ditta trasformatrice si impegna:

1) a ritirare, nei limiti del quantitativo massimo di cui al
punto 3) lettera A, comprensivo di kg …………. del raccolto 2002
derivante dall’attestato n. ………, tutto il tabacco consegnato
dal produttore privo del prodotto con le caratteristiche di cui
all’allegato III del Reg. (CEE) n. 2848/98;
2) a versare al produttore, entro trenta giorni dalla data di
ciascuna consegna presso il magazzino di trasformazione sito in ….,
il prezzo spettante per il quantitativo oggetto del contratto
effettivamente consegnato, esclusivamente tramite bonifico bancario o
postale;
3) a corrispondere, per chilogrammo netto consegnato, un prezzo
concordato minimo di L./kg ………. e massimo di Euro/kg ………,
calcolato in base alla percentuale delle classi di riferimento: grado
…… Euro/kg ………; grado …….. Euro/kg ……..;
grado ………. Euro/kg ………… ecc., presenti nel tabacco
consegnato;
4) ad agevolare, su richiesta dell’AGEA, l’accesso alle
coltivazioni, locali di cura e custodia del produttore, da parte
degli incaricati del controllo AGEA;
5) a consegnare il presente contratto all’AGEA, entro dieci
giorni dalla data limite per la stipula, secondo le modalita’
impartite dall’AGEA stessa;
6) ad espletare il diritto, per la durata del presente atto, di
effettuare controlli, insieme al produttore in merito al rispetto
degli obblighi contrattuali.
D – La ditta trasformatrice dichiara di essere a conoscenza che, a
norma dell’art. 53 del Reg. (CE) n. 2848/98 della commissione,
qualora il termine di cui al punto 2), lettera C del presente
contratto venisse superato di trenta giorni, il riconoscimento
sarebbe revocato per un anno; ogni periodo aggiuntivo di ritardo di
trenta giorni comporterebbe la revoca per un anno supplementare, fino
ad un massimo di tre anni.

E – Il trasformatore e il produttore convengono che:

1) il quantitativo di tabacco del gruppo varietale oggetto del
presente impegno, da consegnare e’ comprensivo di kg ……. di
prodotto del raccolto 2002 facente parte dell’attestato n.
……….;
2) il presente impegno e’ sottoscritto per il raccolto 2003;
3) le controversie sulla qualita’ del tabacco consegnato sono
sottoposte ad un organo d’arbitrato composto:
da due periti designati rispettivamente dal produttore e dal
Trasformatore;
dal presidente scelto dalle parti o, in mancanza di accordo,
dall’AGEA;
4) il foro competente e’ quello di ….;
5) la presente dichiarazione e’ disciplinata dalla legge
italiana.
…………, li’ ………….
Il produttore
……………………………….

La ditta trasformatrice
…………………..

Allegato C2

=====================================================================
Timbro di accettazione AGEA | Spazio per bar-code

Partita IVA Associazione Ragione sociale Associazione
N. Contratto Descrizione gruppo varietale

CONTRATTO DI COLTIVAZIONE – RACCOLTO 2003

(Reg. CEE n. 2848/98, art. 9 e successive modifiche e integrazioni)

La ditta trasformatrice…. p. IVA …. con sede in ….
c.a.p. …………. comune …. prov. ……… rappresentata
legalmente da …. c.f.: …. sesso ……….. nato/a
il …………………. nel comune di …. cod. ISTAT ….
residente in …. comune ……………………………
prov. ……………………….
e

l’associazione …. p. IVA …. costituita in data …. registrata in
data ………………… al n. ……………. in ….
riconosciuta dall’AGEA con nota n. ………. del ……………..
ai sensi dell’art. 2 del Reg. 2848/98 con sede legale in …. c.a.p.
……………….. comune ………………………….. prov.
……………………….. rappresentata legalmente da …. c.f.:
…. sesso ……….. nato/a il …………………. nel comune di
…. cod. ISTAT …. residente in …. comune
…………………………… prov. ……………………….
Stipulano

il presente contratto di coltivazione a norma delle disposizioni
comunitarie in vigore, nel settore del tabacco, derivati dai
Regolamenti CEE n. 2075/92, del Consiglio e n. 2848/98 della
Commissione e successive modifiche e integrazioni.

A – L’associazione si impegna:

1) a fornire l’elenco dei soci interessati dal presente contratto
di coltivazione;
2) al rispetto dell’attestato di quota n. ……… attribuito
dall’AGEA per il raccolto 2003 per il gruppo varietale 0….;
3) a consegnare presso il magazzino di trasformazione della ditta
di trasformazione sito in…., un quantitativo di tabacco di
kg …………. del gruppo varietale 0….. prodotto dai soci in
elenco, di qualita’ sana, leale e mercantile, privo del prodotto con
le caratteristiche elencate nell’allegato III del Regolamento (CEE)
n. 2848/98 comprensivo di kg ………. a riporto del tabacco del
raccolto 2002 prodotto dai coltivatori sotto indicati:

=====================================================================
| | | | | Quantita’
| | | Quota |Quantita’ |contrattata
| | |contrattata|a riporto |produzione
|Produttore| | kg | 2002 | 2003
=====================================================================
| |Ragione | | |
Matricola| |sociale o | | |
AGEA |P. IVA |denominazione|A |B |C=A-B
———————————————————————
———————————————————————
———————————————————————
———————————————————————

Il predetto quantitativo, comunque, non potra’ essere superiore
alla somma dei quantitativi attribuiti dall’AGEA agli associati
indicati in elenco, compresa la produzione del raccolto 2002 sopra
indicata;
4) a consegnare i dati relativi a n. …….. particelle
dichiarate dai coltivatori per una superficie:
catastale totale
…………………………………………;
coltivata totale
………………………………………… (al netto di
recinzioni, aree di servizio, ecc.);
5) a far trapiantare ai propri soci il tabacco nelle particelle
di cui all’allegato/i T1 sopra specificati entro il 15 giugno 2003,
ai sensi dell’art. 9, paragrafo 3, lettera l) del Reg. (CE) n.
2848/98 modificato dal Reg. (CE) n. 2162/99 della commissione;
6) a far comunicare ai propri soci, anteriormente al 15 giugno
2003, per lettera raccomandata all’AGEA, qualsiasi ritardo nel
trapianto, precisandone il motivo e l’eventuale cambio di particelle;
7) ad effettuare la coltivazione nelle zone di produzione
riconosciute …………………………………. conformemente a
quanto prescritto dal Reg. (CEE) n. 2848/98, allegato II;
8) ad agevolare l’accesso alle coltivazioni e ai locali di cura e
custodia dei propri soci da parte degli incaricati del controllo
AGEA;
9) a consegnare il presente contratto all’AGEA, entro dieci
giorni dalla data limite per la stipula, unitamente alla trasmissione
dei dati informatici, secondo le modalita’ impartite dall’AGEA
stessa.
B – L’associazione dichiara:

1) di essere a conoscenza che, a norma dell’art. 50, paragrafi 1,
2 e 2 bis del Reg. (CE) n. 2848/98, modificato dal Reg. (CE) n.
2162/99 della commissione:
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che il trapianto e’ stato effettuato da un
proprio socio dopo il 15 giugno, ma anteriormente al 30 giugno 2003,
questi perdera’ il diritto al 50% del premio per il raccolto in
corso;
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che il trapianto e’ stato effettuato da un
proprio socio dopo il 30 giugno 2003, questi perdera’ il diritto a
fruire del premio per il raccolto in corso;
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che un proprio socio non ha affatto coltivato
tabacco o che il trapianto e’ stato effettuato dopo il 30 luglio
2003, questi perdera’ il diritto a fruire del premio per il raccolto
in corso e a ricevere una quota di produzione per il raccolto
successivo;
qualora i controlli accertino che anche una sola particella
nella quale un proprio socio ha prodotto il tabacco e’ diversa da
quelle indicate nel presente contratto, agli allegati mod. T1,
l’intero premio da corrispondere al socio stesso per il 2003 verra’
ridotto del 5%, salvo in caso di applicazione del paragrafo 2, art.
50 del Reg. (CE) n. 2848/98, modificato dal Reg. (CE) n. 2162/99
della commissione;
nei casi di applicazione delle sanzioni di cui ai paragrafi 1,
2 e 2-bis del Reg. (CE) n. 2848/98, modificato dal Reg. (CE) n.
2162/99 della commissione, l’aiuto specifico complessivamente
spettante all’Associazione e’ ridotto di un importo pari alla meta’
di quello della riduzione applicata al produttore socio e che, in
caso di applicazione per due anni consecutivi, tale sanzione verra’
raddoppiata a decorrere dal terzo anno.
C – La ditta trasformatrice si impegna:

1) a ritirare, nei limiti del quantitativo massimo di cui al
punto A3) tutto il tabacco consegnato dall’associazione, proveniente
dalle coltivazioni dei suoi associati di cui agli impegni di
coltivazione allegati, privo del prodotto con le caratteristiche di
cui all’allegato II del Reg. (CEE) n. 2848/98;
2) a versare all’associazione, entro trenta giorni dalla data di
ciascuna consegna, presso il magazzino di trasformazione sito in
…., il prezzo spettante per il quantitativo oggetto del contratto
effettivamente consegnato, esclusivamente tramite bonifico bancario o
postale;
3) a corrispondere, per chilogrammo netto consegnato, un prezzo
concordato minimo di Euro/kg ….. e massimo di Euro/kg …..,
calcolato in base alla percentuale delle classi di riferimento: grado
…… Euro/kg …..; grado …… Euro/kg …..; grado ……
Euro/kg ….. ecc., presenti nel tabacco consegnato;
4) ad espletare il diritto, per la durata del presente atto, di
effettuare controlli, insieme all’associazione in merito al rispetto
degli obblighi contrattuali.
D – Il trasformatore dichiara di essere a conoscenza che, a norma
dell’art. 53 del Reg. (CE) n. 2848/98 della Commissione, qualora il
termine di cui al punto 2), lettera C del presente contratto, anche
per un solo pagamento, fosse superato di trenta giorni, il
riconoscimento sarebbe revocato per un anno; ogni periodo aggiuntivo
di ritardo di trenta giorni comporterebbe la revoca per un anno
supplementare, fino ad un massimo di tre.

E – Il trasformatore e l’associazione convengono che:

1) il quantitativo di tabacco del gruppo varietale oggetto del
presente contratto, da consegnare e’ comprensivo di kg ……… a
riporto del tabacco raccolto 2002 prodotto dai coltivatori soci sopra
specificati;
2) il presente contratto e’ sottoscritto per il raccolto 2003;
3) le controversie sulla qualita’ del tabacco consegnato sono
sottoposte ad un organo d’arbitrato composto:
da due periti designati rispettivamente dall’associazione e
dalla ditta trasformatrice;
dal presidente scelto dalle parti o, in mancanza d’accordo,
dall’AGEA;
4) il foro competente e’ quello di ….;
5) il presente contratto e’ disciplinato dalla legge italiana.
…………………, li’ ………………
L’associazione
…………………….

La ditta trasformatrice
…………………..

Allegato DC2

Partita IVA Associazione Ragione sociale Associazione
N. Contratto Descrizione gruppo varietale

IMPEGNO DI COLTIVAZIONE – RACCOLTO 2003

L’azienda produttrice socia/Il produttore socio …. p. IVA ….
sesso ……….. nato/a il …………………. nel comune di ….
cod. ISTAT …. residente in …. comune
…………………………… prov. ……………………….
rappresentata legalmente da …. c.f.: …. sesso ……….. nato/a
il …………………. nel comune di …. cod. ISTAT ….
residente in …. comune ……………………………
prov. ………………………. socio diretto (o associato
tramite….)
e

l’associazione/la cooperativa di produttori …. p. IVA ….
costituita in data …. registrata in data ………………… al
n. ……………. in prov. ……… riconosciuta dall’AGEA con
nota n. ………. del …………….. ai sensi dell’art. 2 del
Reg. n. 2848/98 con sede legale in …. c.a.p. ………………..
comune ………………………….. prov.
……………………….. rappresentata legalmente da …. c.f.:
…. sesso ……….. nato/a il …………………. nel comune di
…. cod. ISTAT …. residente in …. comune
…………………………… prov. ……………………….
Dichiarano

a norma delle disposizioni comunitarie in vigore, nel settore del
tabacco, derivati dai Regolamenti CEE n. 2075/92 del consiglio e n.
2848/98 della commissione, e successive modifiche e integrazioni,
quanto segue:
A – L’azienda produttrice socia/il produttore socio si impegna:

1) a consegnare all’associazione/cooperativa di produttori,
tabacco di qualita’ sana, leale e mercantile, privo delle
caratteristiche elencate nell’allegato III del Reg. (CEE) n. 2848/98,
nei limiti della produzione massima sotto specificata:

=====================================================================
| | | N. | |
| | |attestato o|Quota ADQ o | Quota
Intestata- | | parte |quota parte|quota parte | contrat-
rio ADQ |o quota| nominale | nominale | nominale | tata
=====================================================================
| |Rag. soc. o| | |
Matricola | |denomina- | | |
AGEA |P. IVA |zione | |Kg |Kg
———————————————————————

2) a produrre un quantitativo massimo di kg ……….. netti a
pagamento di tabacco greggio in foglia delle varieta’ ….
comprensivo di kg ……….. al riporto del tabacco prodotto nel
raccolto 2002 facenti parte dell’attestato/i numeri
……………..;
3) a coltivare a tabacco la superficie delle particelle,
decurtata delle aree di servizio, recinzioni, capezzagne, fossi ecc.,
come elencato nel-l’allegato/i T1 appresso specificato/i:

=====================================================================
N. codice a barre mod. T1 | Sup. coltivata | totale | allegato
=====================================================================
|Ha |A |Ca
Totale sup. coltivata | | |

4) a trapiantare il tabacco nelle particelle di cui
all’allegato/i T1 sopra specificati entro il 15 giugno 2003, ai sensi
dell’art. 9, paragrafo 3, lettera l) del Reg. (CE) n. 2848/98
modificato dal Reg. (CE) n. 2162/99 della commissione;
5) a comunicare, anteriormente al 15 giugno 2003, per lettera
raccomandata all’AGEA, qualsiasi ritardo nel trapianto, precisandone
il motivo e l’eventuale cambio di particelle;
6) ad allegare le visure catastali, di ciascuna particella
inserita nel mod. T1 di cui sopra;
7) a consentire l’accesso alla propria coltivazione, ai locali di
cura e custodia da parte degli incaricati del controllo AGEA;
8) ad effettuare la coltivazione nel rispetto delle norme di
produzione definite con l’associazione;
9) a segnalare per iscritto all’associazione eventuali
quantitativi di tabacco del gruppo varietale oggetto del contratto
prodotti in eccedenza della propria quota.
B – L’azienda produttrice/il produttore dichiara:

1) di essere a conoscenza che, a norma dell’art. 50, paragrafi 1,
2 e 2-bis del Reg. (CE) n. 2848/98, modificato dal Reg. (CE) n.
2162/99 della commissione:
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che il trapianto e’ stato effettuato dopo il 15
giugno, ma anteriormente al 30 giugno 2003, perdera’ il diritto al
50% del premio per il raccolto in corso;
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che il trapianto e’ stato effettuato dopo il
30 giugno 2003, perdera’ il diritto a fruire del premio per il
raccolto in corso;
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che non ha affatto coltivato tabacco o che il
trapianto e’ stato effettuato dopo il 30 luglio 2003, perdera’ il
diritto a fruire del premio per il raccolto in corso e a ricevere una
quota di produzione per il raccolto successivo;
qualora i controlli accertino che anche una sola particella
nella quale e’ prodotto il tabacco e’ diversa da quelle indicate nel
presente contratto, all’allegato mod. T1, l’intero premio da
corrispondere per il 2003 verra’ ridotto del 5%, salvo in caso di
applicazione del paragrafo 2, art. 50 del Reg. (CE) n. 2848/98,
modificato dal Reg. (CE) n. 2162/99 della commissione;
2) che la produzione del tabacco oggetto del presente contratto
sara’ effettuata:
( ) direttamente, mediante la propria attivita’ lavorativa;
( ) mediante la prestazione d’opera d’altri;
3) che i propri locali di cura e stendaggio del tabacco sono
ubicati in:…. …. ….;
4) che il locale in cui il tabacco di propria produzione,
fisicamente individuabile pena esclusione dello stesso dal diritto al
premio, verra’ depositato e’ ubicato in: …. …. ….
5) che gli atti di detenzione dei terreni di cui all’allegato/i
modello/i T1 sono i seguenti: …. …. ….
6) dichiara, ai sensi della legge n. 675/96 di autorizzare il
trattamento dei dati personali contenuti nel presente impegno e la
loro trasmissione ai soggetti istituzionali, di controllo e di
rappresentanza del produttore stesso, nonche’ ad altri soggetti
interessati al procedimento.
C – L’associazione/cooperativa si impegna:

1) a ritirare, nei limiti del quantitativo massimo di cui al
punto A2) tutto il tabacco consegnato dal produttore, privo del
prodotto con le caratteristiche di cui all’allegato II del Reg. (CEE)
n. 2848/98;
2) a versare al produttore, entro trenta giorni dalla data di
accreditamento da parte della ditta trasformatrice, il prezzo
spettante per il quantitativo effettivamente consegnato;
N.B. Per le sole associazioni:
3) a versare al produttore entro trenta giorni dalla data
accreditamento da parte dell’AGEA, un importo pari al premio,
esclusivamente tramite bonifico bancario o postale.
D – L’associazione/la cooperativa di produttori ed il socio
convengono che:

1) il quantitativo di tabacco del gruppo varietale oggetto del
presente impegno da consegnare, e’ comprensivo di kg ……… di
tabacco a riporto del raccolto 2002 prodotto dal coltivatore socio;
2) il pagamento deve essere effettuato sul c/c. n.
………………. in essere presso…..
……….., li’ ………….
Il produttore socio
……………………………….

L’associazione/cooperativa
……………………..

Allegato DC2A

Partita IVA Associazione Ragione sociale Associazione
N. Contratto Descrizione gruppo varietale

IMPEGNO DI COLTIVAZIONE – RACCOLTO 2003

L’associazione …. p. IVA …. costituita in data…. registrata
in data ………………….. al n. …. in ……………….
prov. …………………. riconosciuta dall’AGEA con nota n. ….
del …. ai sensi dell’art. 2 del Reg. CEE n. 2848/98, con sede
legale in…. c.a.p. ….comune ….
prov. ………………………. rappresentata legalmente da ….
c.f.: …. sesso ……….. nato/a il …………………. nel
comune di …. cod. ISTAT …. residente in …. comune
…………………………… prov. ……………………….
e

la cooperativa di produttori …. p. IVA …. costituita in data ….
registrata in data ………………… al n. …. in
………………. prov. …………………. con sede legale in
…. c.a.p. ………….. comune…. prov. …. ….rappresentata
legalmente da …. c.f.: …. sesso ……….. nato/a
il …………………. nel comune di …. cod. ISTAT ….
residente in …. comune ……………………………
prov. ……………………….
Dichiarano

a norma delle disposizioni comunitarie in vigore, nel settore del
tabacco, derivati dai Regolamenti CEE n. 2075/92, del consiglio e n.
2848/98 della commissione e successive modifiche e integrazioni
quanto segue:
A – La cooperativa di produttori soci, si impegna:

1) a fornire l’elenco dei soci interessati al presente impegno di
coltivazione;
2) a fornire n. …………….. impegni di coltivazione dei
propri soci;
3) a consegnare presso il magazzino di trasformazione della ditta
di trasformazione sito in …., un quantitativo di tabacco di
kg …………. del gruppo varietale 0…….. prodotto dai soci in
elenco, di qualita’ sana, leale e mercantile, privo del prodotto con
le caratteristiche elencate nell’allegato III del Regolamento (CEE)
n. 2848/98 comprensivo di kg …………. a riporto del tabacco del
raccolto 2002 prodotto dai coltivatori sotto indicati:

=====================================================================
| | | | | Quantita’
| | | Quota |Quantita’ |contrattata
| | |contrattata|a riporto |produzione
|Produttore| | kg | 2002 | 2003
=====================================================================
| |Ragione | | |
Matricola| |sociale o | | |
AGEA |P. IVA |denominazione|A |B |C=A-B
———————————————————————
———————————————————————
———————————————————————
———————————————————————

Il predetto quantitativo, comunque, non potra’ essere superiore
alla somma dei quantitativi attribuiti dall’AGEA agli associati
indicati in elenco, compresa la produzione del raccolto 2002 sopra
indicata;
4) a consegnare i dati relativi a n. ……………. particelle
dichiarate dai coltivatori per una superficie:
catastale totale ………………………………;
coltivata totale ……………………………. (al netto
di recinzioni, aree di servizio, ecc.);
5) a far trapiantare ai propri soci il tabacco nelle particelle
di cui all’allegato/i T1 sopra specificati entro il 15 giugno 2003,
ai sensi dell’art. 9, paragrafo 3, lettera l) del Reg. (CE) n.
2848/98 modificato dal Reg. (CE) n. 2162/99 della commissione;
6) a far comunicare ai propri soci, anteriormente al 15 giugno
2003, per lettera raccomandata al trasformatore e all’AGEA, qualsiasi
ritardo nel trapianto, precisandone il motivo e l’eventuale cambio di
particelle;
7) ad effettuare la coltivazione nelle zone di produzione
riconosciute …. conformemente a quanto prescritto dal Reg. (CEE) n.
2848/98, allegato II;
8) a consentire l’accesso alle proprie coltivazioni, ai locali di
cura e custodia da parte degli incaricati del controllo AGEA.
B – L’associazione e la cooperativa dichiarano:

1) di essere a conoscenza che, a norma dell’art. 50, paragrafi 1,
2 e 2-bis del Reg. (CE) n. 2848/98, modificato dal Reg. (CE) n.
2162/99 della commissione:
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che il trapianto e’ stato effettuato da un
proprio socio dopo il 15 giugno, ma anteriormente al 30 giugno 2003,
questi perdera’ il diritto al 50% del premio per il raccolto in
corso;
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che il trapianto e’ stato effettuato da un
proprio socio dopo il 30 giugno 2003, questi perdera’ il diritto a
fruire del premio per il raccolto in corso;
fatto salvo l’impegno di cui alla lettera A, punto 5, qualora i
controlli accertino che un proprio socio non ha affatto coltivato
tabacco o che il trapianto e’ stato effettuato dopo il 30 luglio
2003, questi perdera’ il diritto a fruire del premio per il raccolto
in corso e a ricevere una quota di produzione per il raccolto
successivo;
qualora i controlli accertino che anche una sola particella
nella quale un proprio socio ha prodotto il tabacco e’ diversa da
quelle indicate nel presente contratto, agli allegati mod. T1,
l’intero premio da corrispondere al socio stesso per il 2003 verra’
ridotto del 5%, salvo in caso di applicazione del paragrafo 2, art.
50 del Reg. (CE) n. 2848/98, modificato dal Reg. (CE) n. 2162/99
della commissione;
nei casi di applicazione delle sanzioni di cui ai paragrafi 1,
2 e 2-bis del Reg. (CE) n. 2848/98, modificato dal Reg. (CE) n.
2162/99 della commissione, l’aiuto specifico complessivamente
spettante all’associazione e’ ridotto di un importo pari alla meta’
di quello della riduzione applicata al produttore socio e che, in
caso di applicazione per due anni consecutivi, tale sanzione verra’
raddoppiata a decorrere dal terzo anno.
C – L’associazione si impegna:

1) a ritirare, nei limiti del quantitativo massimo di cui al
punto A3) tutto il tabacco consegnato dalla cooperativa, proveniente
dalle coltivazioni dei suoi associati di cui agli impegni di
coltivazione allegati, privo del prodotto con le caratteristiche di
cui all’allegato II del Reg. (CEE) n. 3478/92;
2) a versare il prezzo spettante alla cooperativa, entro trenta
giorni dalla data di accreditamento da parte della ditta,
esclusivamente tramite bonifico bancario o postale;
3) a versare, direttamente ai produttori soci della cooperativa,
entro trenta giorni dall’accreditamento da parte dell’AGEA, un
importo pari al premio, esclusivamente tramite bonifico bancario e
postale;
4) ad agevolare, su richiesta dell’AGEA, l’accesso alle
coltivazioni, locali di cura e custodia del produttore, da parte
degli incaricati del controllo AGEA.
D – L’associazione e la cooperativa di produttori convengono quanto
segue:

1) il quantitativo di tabacco da consegnare oggetto del presente
impegno, e’ comprensivo di kg ………. a riporto del tabacco
raccolto 2002 prodotto dai coltivatori soci sopra specificati;
2) il pagamento deve essere effettuato sul c/c bancario/postale
n. ………… in essere presso …………………..
………., li’ ………….
La cooperativa dei produttori
……………………………………….

L’associazione
…………….

—-> Vedere modello a pag. 42 della G.U. allegato in formato zip/pdf

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA – CIRCOLARE 5 maggio 2003, n.25: Contratti di coltivazione tabacco raccolto 2003

Geometra.info