AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 11 dicembre 2008 | Geometra.info

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI – DELIBERAZIONE 11 dicembre 2008

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 11 dicembre 2008 - Variazione dei prezzi dei servizi di accesso di Telecom Italia S.p.A. a partire dal 1° febbraio 2009. (Deliberazione n. 719/08/CONS). (GU n. 4 del 7-1-2009 )

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 11 dicembre 2008

Variazione dei prezzi dei servizi di accesso di Telecom Italia
S.p.A. a partire dal 1° febbraio 2009. (Deliberazione n.
719/08/CONS).

L’AUTORITA’ PER LE GARANZIE
NELLE COMUNICAZIONI
Nella riunione del Consiglio dell’11 dicembre 2008;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante «Istituzione
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo»;
Vista la legge 14 novembre 1995, n. 481, recante «Norme per la
concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilita’.
Istituzione delle Autorita’ di regolazione dei servizi di pubblica
utilita’»;
Visto il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, recante
«Codice delle comunicazioni elettroniche» pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 215 del 15 settembre 2003;
Viste le direttive n. 2002/19/CE («direttiva accesso»), 2002/20/CE
(«direttiva autorizzazioni»), 2002/21/CE («direttiva quadro»),
2002/22/CE («direttiva servizio universale») pubblicate nella
Gazzetta Ufficiale delle Comunita’ europee L 108 del 24 aprile 2002;
Viste le linee direttrici della commissione per l’analisi del
mercato e la valutazione del significativo potere di mercato ai sensi
del nuovo quadro normativo comunitario per le reti e i servizi di
comunicazione elettronica, pubblicate nella Gazzetta Ufficiale delle
Comunita’ europee C 165 dell’11 luglio 2002;
Vista la raccomandazione della commissione dell’11 febbraio 2003
relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore delle
comunicazioni elettroniche suscettibili di una regolamentazione ex
ante ai sensi della direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del
consiglio che istituisce un quadro normativo comune per le reti ed i
servizi di comunicazione elettronica, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale delle Comunita’ europee L 114 dell’8 maggio 2003;
Vista la raccomandazione della commissione del 23 luglio 2003,
relativa alle notificazioni, ai termini e alle consultazioni di cui
all’art. 7 della direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del
consiglio, che istituisce un quadro normativo comune per le reti e i
servizi di comunicazione elettronica, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale delle Comunita’ europee L 190 del 30 luglio 2003;
Vista la raccomandazione della commissione del 17 dicembre 2007
relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore delle
comunicazioni elettroniche che possono essere oggetto di una
regolamentazione ex ante ai sensi della direttiva 2002/21/CE del
Parlamento europeo e del consiglio che istituisce un quadro normativo
comune per le reti ed i servizi di comunicazione elettronica,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita’ europee L 344/65
del 28 dicembre 2007;
Vista la raccomandazione della commissione del 15 ottobre 2008
relativa alle notifiche, ai termini delle consultazioni di cui
all’art. 7 della direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del
consiglio che istituisce un quadro normativo comune per le reti e i
servizi di comunicazione elettronica;
Vista la delibera n. 217/01/CONS del 24 maggio 2001 recante
«Regolamento concernente l’accesso ai documenti», pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 20 giugno 2001, n.
141 e successive modifiche;
Vista la delibera n. 314/00/CONS e successive modificazioni,
recante «Determinazioni di condizioni economiche agevolate per il
servizio di telefonia vocale a particolari categorie di clientela»,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 160
del 1° giugno 2000;
Vista la delibera n. 33/06/CONS, recante «Mercati al dettaglio
dell’accesso alla rete telefonica pubblica in postazione fissa per
clienti residenziali e per clienti non residenziali (mercati n. 1 e
n. 2 fra quelli identificati dalla raccomandazione della Commissione
europea n. 2003/311/CE): identificazione ed analisi dei mercati,
valutazione di sussistenza di imprese con significativo potere di
mercato ed individuazione degli obblighi regolamentari», pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 34 del 10
febbraio 2006;
Vista la delibera n. 626/07/CONS, recante «Avvio del procedimento
relativo alla revisione ed eventuale integrazione delle misure
regolamentari atti a promuovere condizioni di effettiva concorrenza
nei mercati di accesso alla rete fissa», pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 297 del 22 dicembre 2007;
Tenuto conto che i termini per lo svolgimento del procedimento
succitato risultano attualmente sospesi ai sensi dell’art. 1, comma
2, della delibera n. 35l/08/CONS recante «Avvio del procedimento
relativo alla valutazione della proposta di impegni presentati ai
sensi della legge n. 248/06 dalla societa’ Telecom Italia»,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 165
del 16 luglio 2008, e che i suddetti termini riprenderanno all’esito
della valutazione dell’Autorita’ sugli impegni di Telecom Italia;
Considerato che la disciplina attuativa dell’obbligo di controllo
dei prezzi di cui alla delibera n. 33/06/CONS, che gia’ nell’allegato
A faceva salva la possibilita’ di procedere ad un’attivita’ di
revisione e verifica degli obblighi ivi imposti, qualora l’autorita’
lo reputasse opportuno, alla luce dei mutamenti del contesto di
mercato e concorrenziali, prevedeva una validita’ temporale fino al
2007;
Considerato altresi’ che la nuova analisi sul mercato dell’accesso
(avviata con delibera n. 626/07/CONS), risulta attualmente sospesa,
fino alla conclusione del procedimento di cui alla delibera n.
351/08/CONS;
Vista la nota, pervenuta in data 31 ottobre 2008, con la quale
Telecom Italia S.p.A. propone la variazione, a partire dal 1°
febbraio 2009, dei prezzi dei servizi di accesso per gli utenti
residenziali, richiedendo le determinazioni dell’autorita’ sulla
proposta;
Considerato che la richiesta avanzata da Telecom Italia S.p.A.
interviene in una fase di transizione dal primo al secondo ciclo di
analisi di mercato e che comunque l’autorita’ e’ tenuta a fornire
riscontro alla suddetta richiesta;
Considerato che, sotto il profilo delle dinamiche di mercato e
concorrenziali, sono intervenuti fatti rilevanti rispetto a quelli
considerati nell’ambito del procedimento di cui alla delibera n.
33/06/CONS;
Considerato, in particolare, che – rispetto al periodo oggetto
della richiamata analisi di mercato – per un verso, e’ stato reso
effettivamente disponibile il servizio wholesale line rental (WLR) e
che, per altro verso, si e’ registrato un ulteriore significativo
incremento degli accessi diretti di operatori alternativi
all’incumbent, la cui quota nel mercato dell’accesso da rete fissa e’
scesa in misura rilevante rispetto al 2005, ultimo anno considerato
dalla predetta analisi di mercato;
Considerato, altresi’, che anche l’offerta di servizi di accesso in
tecnica VoIP supportati dall’offerta bitstream contribuisce ad
accrescere le opportunita’ di offerta di servizi di accesso agli
utenti finali;
Considerato, in conclusione, che sul mercato in questione si
osserva una maggiore concorrenza e che – grazie alla disponibilita’
di molteplici strumenti – gli operatori alternativi sempre piu’ sono
in grado di proporre offerte competitive, anche in termini di prezzo;
Ritenuto che l’intervento oggetto della presente delibera
interviene in una fase intermedia tra due cicli di analisi di
mercato;
Considerato, in ogni caso, l’opportunita’ che la Commissione
europea sia comunque informata circa la misura oggetto del presente
provvedimento, che riguarda una variazione delle modalita’ di
controllo dei prezzi soggetti a regolamentazione;
Vista la notifica, in data 2 dicembre 2008, dello schema di
provvedimento, ai sensi dell’art. 7 della Direttiva 2002/21/CE,
attuata attraverso il modulo di notifica semplificato di cui alla
raccomandazione 2008/850/CE del 15 ottobre 2008, in quanto, come
previsto dalla predetta norma, il progetto di’ misura riguarda
modifiche su dettagli tecnici di un «rimedio» preesistente e non ne
altera la natura o lo scopo;
Vista la risposta della commissione del 9 dicembre 2008, nella
quale si fa presente di aver esaminato la notifica e di non avere
commenti; pertanto, ai sensi del comma 5 dell’art. 7 della Direttiva
quadro, si fa presente che l’autorita’ puo’ adottare la misura
regolamentare di cui si tratta, con l’avvertenza che, ove lo faccia,
deve comunque comunicarlo alla commissione stessa;
Considerato, inoltre, che la misura in oggetto non risulta idonea a
produrre un impatto apprezzabile sul mercato, in considerazione
dell’assenza di un’incidenza diretta a livello concorrenziale, della
ridotta entita’ dell’impatto individuale prodotto dalla misura sulla
spesa del consumatore medio, e soprattutto della circostanza che il
recupero dell’inflazione, avendo l’effetto di preservare (almeno in
parte) il valore reale del canone, appare un atto sostanzialmente non
innovativo, fisiologico e tendenzialmente neutro;
Considerato che l’art. 19 della delibera n. 33/06/CONS prevedeva
l’imposizione di un vincolo di IPC-IPC alla valorizzazione del
paniere dei consumi di contributi e canoni dei servizi di accesso
destinati ai clienti residenziali per gli anni 2006 e…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI – DELIBERAZIONE 11 dicembre 2008

Geometra.info