AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 3 dicembre 2010 | Geometra.info

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 3 dicembre 2010

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 3 dicembre 2010 - Ordine di cessazione di condotta lesiva del diritto degli utenti del servizio di scambio sul posto, nei confronti delle societa' di vendita dell'energia elettrica, imprese distributrici di energia elettrica e del Gestore dei servizi energetici - GSE S.p. (provvedimento ai sensi dell'articolo 2, comma 20, lettera d), della legge 14 novembre 1995, n. 481). ( Deliberazione VIS 176/10). (11A00142) (GU n. 8 del 12-1-2011 )

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 3 dicembre 2010

Ordine di cessazione di condotta lesiva del diritto degli utenti del
servizio di scambio sul posto, nei confronti delle societa’ di
vendita dell’energia elettrica, imprese distributrici di energia
elettrica e del Gestore dei servizi energetici – GSE S.p.
(provvedimento ai sensi dell’articolo 2, comma 20, lettera d), della
legge 14 novembre 1995, n. 481). ( Deliberazione VIS 176/10).
(11A00142)

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA
ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 3 dicembre 2010;
Visti i seguenti provvedimenti e le successive modifiche e
integrazioni:
la legge 14 novembre 1995, n. 481 (di seguito: legge n. 481/95);
il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 2001, n.
244/01 (di seguito: d.P.R. n. 244/01);
la legge 23 agosto 2004, n. 239/04;
la legge 24 dicembre 2007, n. 244/07;
la legge 23 luglio 2009, n. 99/09;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79/99;
il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387/03;
il decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20/07;
il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con
il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 18
dicembre 2008, recante l’aggiornamento delle direttive per
l’incentivazione dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili
ai sensi dell’art. 11, comma 5, del decreto legislativo n. 79/1999;
l’allegato A alla deliberazione dell’Autorita’ per l’energia
elettrica e il gas (di seguito: Autorita’) 9 giugno 2006, n. 111/06
(di seguito: deliberazione n. 111/06);
il Testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’erogazione dei servizi di vendita dell’energia elettrica di maggior
tutela e di salvaguardia ai clienti finali, allegato alla
deliberazione dell’Autorita’ 27 giugno 2007, n. 156/07 (di seguito:
Testo Integrato Vendita – TIV);
il Testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’erogazione dei servizi di trasmissione, distribuzione e misura
dell’energia elettrica per il periodo di regolazione 2008-2011,
allegato alla deliberazione dell’Autorita’ 29 dicembre 2007, n.
348/07 (di seguito: Testo Integrato Trasporto – TIT);
l’Allegato A alla deliberazione dell’Autorita’ 3 giugno 2008,
ARG/elt 74/08 (di seguito: Testo Integrato dello Scambio sul Posto –
TISP);
la deliberazione dell’Autorita’ 10 dicembre 2008, ARG/elt 178/08;
la deliberazione dell’Autorita’ 16 dicembre 2008, ARG/elt 184/08;
la deliberazione dell’Autorita’ 25 giugno 2010, VIS 46/10 (di
seguito: deliberazione VIS 46/10);
la deliberazione dell’Autorita’ 3 dicembre 2010, VIS 175/10 (di
seguito: deliberazione VIS 175/10).
Considerato che:
il Testo Integrato dello Scambio sul Posto ha previsto che:
il servizio di scambio sul posto sia erogato dal GSE agli
utenti dello scambio;
entro il 31 marzo di ogni anno, le imprese di vendita che, nel
corso dell’anno solare precedente hanno fornito utenti dello scambio
trasmettano al GSE, tramite il portale informatico appositamente
predisposto e secondo modalita’ definite dal medesimo GSE, i seguenti
dati e informazioni, su base annuale solare e relativi a ciascun
utente dello scambio:
a) la tipologia di utenza ai sensi dell’art. 2, comma 2.2,
del Testo Integrato Trasporto;
b) le informazioni necessarie alla regolazione dei servizi di
trasporto, ai sensi del Testo Integrato Trasporto, e di
dispacciamento, ai sensi della deliberazione n. 111/06;
c) l’onere sostenuto dall’utente dello scambio, espresso in
euro, per l’approvvigionamento dell’energia elettrica prelevata,
inclusivo degli oneri relativi ai servizi di trasporto e di
dispacciamento (OPR), relativo all’anno precedente. Tale onere, su
base annuale solare, deve risultare evidente dalle fatture che
l’impresa di vendita trasmette al proprio cliente oltre che al GSE,
qualora esplicitamente richiesto;
i soggetti responsabili della raccolta, validazione e
registrazione delle misure dell’energia elettrica prelevata e
dell’energia elettrica immessa, trasmettano al GSE i valori
dell’energia elettrica immessa e dell’energia elettrica prelevata
tramite ciascun punto di scambio con le stesse tempistiche previste
dall’art. 18 del Testo Integrato Vendita, secondo modalita’ e formati
definiti dal GSE;
la regolazione economica del servizio di scambio sul posto
venga effettuata dal GSE a conguaglio su base annuale solare a
seguito dell’espletamento degli adempimenti posti in capo all’utente
dello scambio e all’impresa di vendita, nonche’ degli obblighi
informativi in capo ai soggetti responsabili della raccolta,
validazione e registrazione delle misure dell’energia elettrica;
l’art. 4 dello schema di convenzione, definito dal GSE ai sensi
dell’art. 3, comma 3.3, del Testo Integrato dello Scambio sul Posto e
approvato dall’Autorita’, tra l’altro prevede che il GSE, con
riferimento a ciascun anno di competenza:
entro il giorno 15 del mese di maggio dell’anno successivo
all’anno di competenza, pubblichi il contributo in conto scambio di
conguaglio;
entro il quindicesimo giorno lavorativo del mese di giugno
dell’anno successivo all’anno di competenza, accrediti gli importi a
conguaglio sul conto corrente bancario indicato dall’operatore nella
propria «scheda dati anagrafici»;
il paragrafo 4.8 delle Regole tecniche per la Determinazione del
contributo in conto scambio definite dal GSE ai sensi dell’art. 10
del Testo Integrato dello Scambio sul Posto e approvate
dall’Autorita’ prevede che il GSE:
segnali all’Autorita’ ogni anomalia riscontrata
nell’applicazione dello scambio sul posto; e che, tali anomalie
includano eventuali problematiche relative alla trasmissione dei dati
di misura e delle informazioni di cui ai precedenti alinea;
intraprenda sistematiche azioni di sollecito verso il soggetto
inadempiente per acquisire, per ogni impianto, il dato necessario per
il corretto calcolo del contributo in acconto o conguaglio;
comunichi annualmente all’Autorita’, entro il 30 giugno
dell’anno successivo a quello di competenza del contributo, l’elenco
dei soggetti che, consecutivamente o per piu’ periodi, siano
risultati inadempienti;
sono pervenute all’Autorita’ numerose segnalazioni da parte di
utenti dello scambio in cui i medesimi utenti lamentano ritardi e
presunte disfunzioni nell’erogazione del servizio di scambio sul
posto;
con la deliberazione VIS 46/10, l’Autorita’ ha avviato
un’istruttoria conoscitiva sulle modalita’ e sui tempi di erogazione
del servizio di scambio sul posto (di seguito: l’Istruttoria);
nell’ambito dell’Istruttoria sono state acquisite informazioni
relative al servizio di scambio sul posto erogato dal GSE, sia in via
diretta dallo stesso GSE che da altri soggetti interessati; e che gli
esiti delle attivita’ sono riportati nel documento «Relazione in
esito all’istruttoria conoscitiva in merito alle modalita’ di
erogazione del servizio di scambio sul posto», allegato alla
deliberazione VIS 175/10 (di seguito: Relazione);
dalla Relazione:
appare un sostanziale ritardo, per gran parte delle imprese
distributrici e, soprattutto, per gran parte delle societa’ di
vendita, nella trasmissione dei dati di misura e delle informazioni
necessarie per l’erogazione del servizio di scambio sul posto;
traspare un sostanziale ritardo nell’implementazione, da parte
del GSE, di adeguati portali informatici per la raccolta e la
gestione delle misure e dei dati necessari per l’erogazione dello
scambio sul posto;
emerge una disfunzionale applicazione del Testo Integrato dello
Scambio sul Posto particolarmente diffusa;
emerge che, in seguito dell’avvio dell’istruttoria conoscitiva
da parte dell’Autorita’, si e’ assistito ad una progressiva
implementazione del Testo Integrato dello Scambio sul Posto:
a) sia da parte del GSE, che ha migliorato la gestione e
l’utilizzo dei propri portali informatici;
b) sia da parte delle imprese distributrici e delle societa’
di vendita, che hanno iniziato a trasferire al GSE i dati di misura e
le informazioni anagrafiche;
emerge che permangono tuttavia, con riferimento all’anno 2009,
dati di misura e informazioni non ancora disponibili;
quanto sopra evidenzia il protrarsi di condotte, da parte
dell’insieme degli operatori sopra richiamati, idonee a ledere il
diritto degli utenti del servizio di scambio sul posto alla corretta
erogazione del servizio stesso;
pertanto, nei confronti dei predetti operatori, sussistono i
presupposti per prescrivere, ai sensi dell’art. 2, comma 20, lettera
d), della legge n. 481/95, la cessazione delle condotte,
relativamente alle disfunzioni occorse per l’anno 2009, ancora non
rimediate;
sussistono ragioni di urgenza che impongono l’immediata adozione
di provvedimenti prescrittivi diretti a far cessare le suddette
perduranti condotte lesive al fine di evitare il verificarsi di
pregiudizi non riparabili in danno degli utenti dello scambio.
Ritenuto che:
sia necessario e urgente ordinare, ai sensi dell’art. 2, comma
20, lettera d), della legge n. 481/95,
alle imprese distributrici e alle societa’ di vendita di
trasmettere al GSE i dati di misura e le informazioni necessarie ai
fini dell’applicazione a conguaglio dello scambio sul posto per
l’anno 2009;
al GSE di pubblicare i valori dei contributi in conto scambio
relativi all’anno 2009, e corrispondere il relativo contributo per lo
scambio sul posto;
sia, a tal fine, opportuno fissare termini per l’adempimento alle
predette prescrizioni, coerenti anche con l’esigenza di regolare la
misura dei possibili ritardi, oltre i quali possono ritenersi
integrati i presupposti per l’adozione di provvedimenti sanzionatori
di cui all’art. 2, comma 20, lettera c), della legge n. 481/95;
in considerazione del rilevante numero di destinatari, sulla base
di quanto previsto dall’art. 11, comma 4, del d.P.R. n. 244/01, sia
opportuno dare comunicazione del presente provvedimento ai soggetti
interessati a mezzo di pubblicazione del provvedimento nella Gazzetta
Ufficiale e dell’avviso in almeno due quotidiani a diffusione
nazionale, trasmettendolo altresi’ ad almeno due soggetti
direttamente individuabili.

Delibera:

1. Di ordinare, ai sensi dell’art. 2, comma 20, lettera d), della
legge n. 481/95:
a) alle imprese distributrici, di:
a1) trasmettere al GSE, entro 15 giorni dalla data di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, i dati di misura necessari ai
fini dell’applicazione a conguaglio dello scambio sul posto per
l’anno 2009, in numero almeno pari al 99% di quelle complessivamente
necessarie;
a2) completare la trasmissione delle misure mancanti entro i
successivi tre mesi;
b) alle societa’ di vendita, di:
b1) trasmettere al GSE, entro 15 giorni dalla data di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, le informazioni necessarie ai
fini dell’applicazione a conguaglio dello scambio sul posto per
l’anno 2009, in numero almeno pari al 99% di quelle complessivamente
necessarie;
b2) completare la trasmissione delle informazioni mancanti
entro i successivi tre mesi;
c) al GSE, di:
c1) pubblicare, entro 45 giorni dalla data di pubblicazione
nella Gazzetta Ufficiale, i valori del contributo in conto scambio
relativi all’anno 2009, per almeno il 96% degli utenti dello scambio
sul posto;
c2) completare la pubblicazione entro i successivi tre mesi;
d) al GSE, di:
d1) erogare il contributo in conto scambio relativo all’anno
2009, entro 75 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta
Ufficiale, per almeno il 96% degli utenti dello scambio sul posto;
d2) completare l’erogazione del contributo entro i successivi
tre mesi.
2. Di prevedere, per la verifica del rispetto delle prescrizioni di
cui al punto 1, lettere a1), b1), c1) e d1), e quindi ai fini
dell’eventuale avvio di procedimenti sanzionatori in caso di
inadempimento, che il GSE trasmetta all’Autorita’:
a) entro 45 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta
Ufficiale, un rapporto, relativo all’anno 2009, che evidenzi, per
ogni impresa distributrice, il numero di misure complessivamente
necessarie ai fini del rispetto del Testo Integrato dello Scambio sul
Posto e il numero di misure trasmesse al medesimo GSE entro il
termine previsto alla lettera a1) del precedente punto 1;
b) entro 45 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta
Ufficiale, un rapporto, relativo all’anno 2009, che evidenzi, per
ogni societa’ di vendita, il numero delle informazioni
complessivamente necessarie ai fini del rispetto del Testo Integrato
dello Scambio sul Posto e il numero di informazioni trasmesse al GSE,
entro i termini previsti alla lettera b1) del precedente punto 1;
c) entro 90 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta
Ufficiale, con riferimento all’anno 2009:
il numero di convenzioni di scambio sul posto attive;
il numero dei contributi in conto scambio di conguaglio
pubblicati entro il termine previsto alla lettera c1) del precedente
punto 1;
il numero dei pagamenti effettuati entro il termine previsto
alla lettera d1) del precedente punto 1.
3. Di prevedere che il rispetto delle prescrizioni di cui al punto
1, lettere a2), b2), c2) e d2), sara’ verificato nell’ambito del
normale esercizio dei poteri di controllo e vigilanza dell’Autorita’.
4. Di pubblicare l’avviso del presente provvedimento nel Corriere
della Sera e nel Sole 24 Ore.
5. Di trasmettere il presente provvedimento ad Enel S.p.A. e al
Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A.
6. Di pubblicare il presente provvedimento nella Gazzetta Ufficiale
e sul sito internet dell’Autorita’ (www.autorita.energia.it).
Avverso il presente provvedimento puo’ essere proposto ricorso
dinanzi al competente Tribunale amministrativo regionale della
Lombardia, sede di Milano, entro il termine di 60 giorni dalla data
di notifica dello stesso oppure ricorso straordinario al Capo dello
Stato, entro il termine di 120 giorni.
Milano, 3 dicembre 2010

Il presidente: Ortis

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 3 dicembre 2010

Geometra.info