CIRCOLARE 08/09/2000 | Geometra.info

CIRCOLARE 08/09/2000

CIRCOLARE 08/09/2000 - XVI SESSIONE CNI n. 73 - SICUREZZA IMPIANTI - ELENCHI PROFESSSIONISTI EX L. 46/90 - INNOVAZIONI EX D.M. 6.4.00 - PROCEDURE DA SEGUIRE

08/09/2000 CIRCOLARE – XVI SESSIONE CNI n. 73

SICUREZZA IMPIANTI –
ELENCHI PROFESSSIONISTI EX L. 46/90 – INNOVAZIONI EX D.M. 6.4.00 –
PROCEDURE DA SEGUIRE

Con circolari C.N.I. n. 56/XVI Sess. del 9.06.00
e n. 62/XVI Sess. del 19.06.00 gli Ordini sono stati interessati agli
aspetti operativi del D.M. 6 aprile 2000.

In specifico questo
Consiglio, nel sollecitare gli opportuni contatti con la locale Camera
di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, informava con la
circolare C.N.I. n. 62 e i relativi allegati, di essere intervenuto
presso il competente Ministero dell’Industria in merito agli elenchi
già predisposti dei professionisti ingegneri ed in merito al modello
di attestazione rilasciata all’iscritto che intende oggi essere
inserito tra i soggetti abilitati alle verifiche.

Su queste proposte
il Ministero dell’Industria, con nota n. 757473 del 24 luglio 2000 che
si allega, ha risposto positivamente.

La prima proposta è relativa
agli elenchi già predisposti per cui gli Ordini, previa conoscenza dei
nominativi dei propri iscritti inseriti negli elenchi, potranno
formulare una unica dichiarazione secondo lo schema organizzato da
questo C.N.I. (vedasi contenuti lettera del 9.6.2000 n. 3150 diretta
al MICA) schema che comunque qui si riproduce:

“Con riferimento alla
domanda e alla documentazione già inoltrata da parte dei
professionisti tramite l’Ordine alla locale Camera di Commercio per la
compilazione degli elenchi già predisposti in attuazione dell’art. 9
del decreto di attuazione 9.12.1991 n. 447, lo scrivente Ordine
attesta, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 2, comma 2^, che
tutte le domande già inoltrate da parte dell’Ordine degli Ingegneri
sono conformi al disposto dell’art. 2 del D.M. 6.2.2000 e possono
quindi, su tale base, essere ricompilati gli elenchi delle
C.C.I.A.A.”.

Per quanto si riferisce al caso di nuove domande di
iscritti che intendano essere inseriti tra i soggetti abilitati alle
verifiche, gli Ordini dovranno essere il tramite, così come previsto
dal punto 3. dell’art. 2 del D.M. 6 aprile 2000, della domanda del
professionista e formulare l’attestazione secondo lo schema qui sotto
riportato approvato dal Ministero dell’Industria:

“L’Ordine degli
Ingegneri della Provincia di ……………… attesta che il
richiedente è regolarmente iscritto allo scrivente Ordine e non ha in
corso procedimenti disciplinari di sospensione; attesta altresì che il
campo di attività in relazione alla sezione (o alle sezioni) richieste
rientra nelle competenze professionali previste di cui al R.D.
23.10.1925 n. 2537 e che la documentazione prodotta, della cui
veridicità il richiedente assume totale responsabilità, relativa alle
eventuali esperienze maturate e al campo di attività in relazione alle
singole sezioni richieste, è idonea”.

Si ribadisce che il Ministero
dell’Industria, accogliendo le tesi sostenute da questo Consiglio
Nazionale, affida alla personale responsabilità dei professionisti
interessati (art. 348 del c.p.) la dichiarazione sulle proprie
competenze nelle singole sezioni dell’elenco estendendo tale
responsabilità anche agli Ordini o ai Collegi di appartenenza dei
professionisti nonché alle stesse Camere di Commercio compilatrici
degli elenchi.

Per quanto poi riguarda gli ingegneri, la nota del
MICA dà anche indicazioni sui contenuti della domanda formulata dal
professionista che intende essere oggi inserito tra i soggetti
abilitati alle verifiche. Infatti il richiedente dovrà indicare nella
sua domanda la propria iscrizione all’albo degli ingegneri cui la
richiesta è indirizzata e dichiarare che l’assunzione di incarichi
nelle sezioni dell’elenco richieste, rientra tra le competenze
previste dalla sua professione.

CIRCOLARE 08/09/2000

Geometra.info