CIRCOLARE CNI n. 174 del 19/01/1998 | Geometra.info

CIRCOLARE CNI n. 174 del 19/01/1998

CIRCOLARE CNI n. 174 del 19/01/1998 - STRUTTURA ALBO - CONTRIBUTO ANNUALE - MOROSITA' - SOSPENSIONE MA NON CANCELLAZIONE - RISPETTO DELLE NORME DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

CIRCOLARE CNI n. 174 del 19/01/1998

STRUTTURA ALBO – CONTRIBUTO
ANNUALE – MOROSITA’ – SOSPENSIONE MA NON CANCELLAZIONE – RISPETTO
DELLE NORME DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

Come è noto, si è posto il
problema delle attività da svolgersi da parte degli Ordini provinciali
rispetto a situazioni di morosità contributiva da parte di
iscritti.

Le determinazioni di cancellazione dall’albo assunte da
alcuni Ordini sono state oggetto di decisioni di annullamento di
questo Consiglio Nazionale che trovano ora definitivo conforto da
parte delle Sezloni Unite Civili della Corte Suprema di Cassazione
nella sentenza n. 11622 del 21.11.1997.

Si ritiene quindi utile
enucleare alcuni principi che possano meglio orientare l’attività
degli Ordini nella materia in oggetto, dovendo premettersi che è stata
ribadita la competenza giurisdizionale di questo Consiglio Nazionale
non solo in materia disciplinare o di rifiutata iscrizione all’Albo,
ma anche sui ricorsi in materia di cancellazione dall’Albo anche per i
casi di incompatibilità o perdita dei diritti civili.

Nel caso di
mancato versamento dei contributi annuali da parte dell’iscritto, il
provvedimento che il Consiglio dell’Ordine ha il potere di assumere
viene fatto rientrare nell’esercizio della funzione disciplinare.

In
base alle normative vigenti, per la cui indicazione si fa espresso
rinvio alla citata sentenza delle S.S. UU. N. 11622/1997, si trae che,
se l’iscritto non versa nei termini stabiliti i contributi determinati
dal Consiglio dell’Ordine e dal Consiglio Nazionale (tra i quali
rientra la tassa annuale), in suo confronto può essere adottato un
provvedimento di sospensione dall’esercizio professionale a tempo
indeterminato, ma nella stretta osservanza delle forme del
procedimento disciplinare che si instaura e si svolge presso gli
Ordini provinciali degli ingegneri.

Ne deriva che, in sede di
revisione annuale dell’Albo, la rilevazione della morosità non può
essere sanzionata mediante la adozione di un provvedimento
amministrativo di cancellazione (che peraltro, sarebbe anch’esso
impugnabile e devoluto alla competenza giurisdizionale degli Ordini
provinciali e del Consiglio Nazionale), ma deve essere oggetto di
segnalazione per l’inizio del relativo procedimento disciplinare il
quale non è destinato ad esaurirsi nel mero accertamento del fatto
oggettivo della morosità, ma deve estendersi alla considerazione di
ogni altra circostanza rilevante.

Va infine segnalato che la
determinazione eventualmente assunta di sospensione a tempo
indeterminato dall’esercizio della professione non è soggetta a limiti
di tempo ed è revocata con provvedimento del Presidente del Consiglio
professionale quando l’iscritto dimostri di aver pagato le somme
dovute in applicazione della legge 3.8.1949, n. 536 della quale appare
opportuno che le decisioni disciplinari in argomento facciano
citazione.

Tanto per opportuna conoscenza ed esplicazione in una
materia che, per la sua delicatezza, merita una uniformità di
indirizzo su tutto il territorio nazionale.

CIRCOLARE CNI n. 174 del 19/01/1998

Geometra.info