CIRCOLARE - XVI SESSIONE CNI n. 153 del 10/10/2001 | Geometra.info

CIRCOLARE – XVI SESSIONE CNI n. 153 del 10/10/2001

CIRCOLARE - XVI SESSIONE CNI n. 153 del 10/10/2001 - LAUREA IN INGEGNERIA - RIFORMA UNIVERSITARIA - D.P.R. 328/01 – CHIARIMENTI

CIRCOLARE – XVI SESSIONE CNI n. 153 del 10/10/2001

LAUREA IN
INGEGNERIA – RIFORMA UNIVERSITARIA – D.P.R. 328/01 –
CHIARIMENTI

Con l’entrata in vigore il 2 settembre 2001 del DPR
328/2001 sorgono alcuni primi importanti obblighi attuativi da parte
degli Ordini e degli iscritti agli Albi con riferimento sia al titolo
primo su norme generali e sia al Capo IX su professione di ingegnere
(da art. 45 ad art. 49 compreso).

Va a riguardo preliminarmente
precisato che i presenti suggerimenti sono frutto di un primo esame
delle disposizioni normative, peraltro effettuato in assenza di
precisazioni e chiarimenti ministeriali e in pendenza di
approfondimenti in sede amministrativa, atteso che questo Consiglio
Nazionale ha in corso di presentazione al TAR un ricorso avverso al
DPR 328/2001.

D’altro canto non può essere taciuta la necessità di
operare nell’ambito di un rigoroso rispetto delle leggi, le quali
impongono l’attuazione dei su richiamati obblighi la cui definizione
resta comunque nell’ambito della sfera decisionale degli Ordini.

Alla
luce della citata normativa emerge che:

1. L’attuale albo provinciale
degli ingegneri è oggi costituito da due sezioni quella A (laurea
specialistica) e quella B (laurea) ciascuna delle quali risulta divisa
in tre settori: a) civile ed ambientale; b) industriale; c)
dell’informazione (vedasi artt. 2 e 45 del citato DPR). Queste sezioni
e settori forniscono nuovi titoli di ingegnere e diversificate
iscrizioni all’Albo come di seguito specificati.
2. Gli attuali
professionisti iscritti all’albo prima del 2 settembre 2001 vengono
inseriti d’ufficio nella sezione A dell’albo e conservano il numero e
la loro relativa data d’iscrizione. Tali iscritti dovranno, entro un
termine che l’Ordine stabilirà, comunicare mediante dichiarazione
scritta il settore o i settori per i quali ciascuno richiede di optare
(vedasi comma 1° dell’art. 49 del DPR 328/2001).
3. Con riferimento al
citato art. 49 coloro che faranno istanza d’iscrizione all’albo in
possesso di abilitazione professionale conseguita prima del 2
settembre 2001 e anche coloro che conseguiranno l’abilitazione
professionale con sessione di esame di stato indetta prima del 2
settembre 2001 saranno inseriti d’ufficio nella sezione A dell’albo
(commi 2^ e 3^ dell’art. 49 del DPR 328/2001).
Tali iscritti dovranno
comunicare all’ordine il settore o i settori per i quali ciascuno
richiede di optare con le medesime modalità indicate al punto 2. della
presente circolare.
Le iscrizioni o le cancellazioni per trasferimento
da ed a altri Ordini avverranno con le modalità tuttora vigenti
inserendo i professionisti nella sezione A e, se hanno già optato, nel
settore o nei settori scelti.
Al fine di procedere agli adempimenti
sopra richiamati è consigliabile che il Presidente dell’Ordine
convochi da subito il Consiglio con inserito nell’Ordine del giorno
l’oggetto: adempimenti conseguenti al DPR 5 giugno 2001 n° 328
deliberando i seguenti provvedimenti mediante le normali procedure:

istituzione di due sezioni dell’albo denominate A e B ai sensi
dell’art. 2 comma 2° del DPR 328/2001;
– istituzione in ciascuna delle
due sezioni A e B dei settori previsti nell’art. 3 comma 2° e
nell’art. 45 comma 4° del citato DPR indicati al punto 1. della
presente circolare;
– richiesta immediata scritta con lettera semplice
agli iscritti all’albo di esercitare entro il 15 novembre 2001 (data
indicativa suggerita) l’opzione scritta al settore o ai settori nei
quali si richiede l’iscrizione ai sensi dell’art. 49 del DPR 328/2001.
Nel caso di assenza di risposta, si dovrà risollecitare l’iscritto con
R.A. ad adempiere l’opzione entro il 31 dicembre 2001.
Le date citate
peraltro solo suggerite, permettono infatti all’Ordine di eseguire
l’aggiornamento annuale dell’albo per l’anno 2002, albo che dovrà
essere composto secondo le indicazioni previste dal DPR 328/2001 al
fine di offrire una corretta visibilità all’esterno sui titoli
posseduti dagli iscritti e sulle attività professionali loro assegnate
(art. 45).
Si segnala che essendo stato modificato l’albo
professionale vigente prima del 2 settembre 2001, l’opzione per uno o
più settori è atto dovuto per gli iscritti all’albo e il mancato
esercizio di tale opzione entro la data fissata dai singoli Ordini per
la scelta, renderà priva di efficacia l’iscrizione del professionista
inadempiente.
Gli Ordini in applicazione sempre dell’art. 45 potranno
così adottare alcune significative modificazioni sia nella stampa
dell’albo sia nell’inserimento dello stesso in Internet e
precisamente:
– la sezione A dell’albo è prevista per gli attuali
ingegneri iscritti e per quelli considerati nell’art. 49. Questa
sezione A è a sua volta suddivisa nei tre settori indicati al comma 4°
dell’art. 45 nei quali dovranno essere inseriti i nominativi degli
ingegneri che hanno optato in quel settore o nei settori secondo le
norme finali e transitorie previste dall’art. 49 e successivamente gli
ingegneri con laurea specialistica che conseguiranno l’esame di stato
secondo le disposizioni previste dall’art. 47 distinto per ognuno dei
tre settori.

Per ovvii motivi, anche al fine di conservare
l’anzianità di iscrizione, occorre che l’iscritto mantenga il proprio
numero d’iscrizione con la aggiunta della lettera indicante la sezione
A e la data di prima iscrizione.
Sempre per offrire all’esterno una
compiuta visibilità del titolo professionale e delle attività
consentite ad ogni iscritto all’albo è necessario, a parere di questo
Consiglio Nazionale, che la prestazione professionale venga
sottoscritta specificando con chiarezza sezione e settore (o settori)
di appartenenza.

4. La istanza di iscrizione all’albo nella sezione A
dopo la data indicativa del 31 dicembre 2001 di un ingegnere in
possesso dell’esame di stato con i requisiti richiamati al punto 3.
della presente circolare, dovrà essere accompagnata dalla opzione
scritta nel settore o nei settori per i quali il soggetto opta.

A
parere di questo Consiglio va inoltre ribadito che in virtù del
combinato disposto dei comma 1^ e “^ dell’art. 46 dell’art. 1 del DPR
328/2001 restano ferme le disposizioni normative vigenti prima del 2
settembre 2001 inerenti l’ambito delle attività professionali
attribuite o riservate in via esclusiva o meno alla professione di
ingegnere.

Inoltre ai sensi del richiamato comma 1^ dell’art. 46 le
attività professionali disciplinate dal R.D. 2537/1925 non sono state
modificate per gli iscritti all’albo di cui all’art. 49, ma sono solo
ripartite nei tre settori individuati nell’art. 45 del DPR
328/2001.

Coloro i quali conseguiranno l’abilitazione professionale
all’esito di esame di stato indetti dopo il 2 settembre 2001 potranno
iscriversi nella sezione A (laurea specialistica) o nella sezione B
(laurea) solo nel settore o nei settori per il quale o per i quali è
stata conseguita la corrispondente abilitazione.

Mancando allo stato
attuale i previsti provvedimenti ministeriali non è possibile fornire
indicazioni per l’attivazione della sezione B che andrà comunque
istituita.
Suggerimenti specifici per la concreta attivazione di tale
sezione dell’albo destinata agli ingegneri laureati e ai diplomati
universitari triennali saranno quindi comunicati con successive note.

CIRCOLARE – XVI SESSIONE CNI n. 153 del 10/10/2001

Geometra.info