DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 ottobre 2011 | Geometra.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 ottobre 2011

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 ottobre 2011 - Proroga del termine che autorizza l'autocertificazione circa la rispondenza dei dispositivi automatici di firma ai requisiti di sicurezza di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 ottobre 2003. (11A14291) - (GU n. 254 del 31-10-2011 )

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 ottobre 2011

Proroga del termine che autorizza l’autocertificazione circa la
rispondenza dei dispositivi automatici di firma ai requisiti di
sicurezza di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
30 ottobre 2003. (11A14291)

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’articolo 35 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e
successive modificazioni, recante «Codice dell’Amministrazione
digitale» e, in particolare, il comma 5 ai sensi del quale la
conformita’ dei requisiti di sicurezza dei dispositivi per la
creazione di una firma qualificata, prescritti dall’allegato III
della direttiva 1999/93/CE, e’ accertata, in Italia, dall’Organismo
di certificazione della sicurezza informatica (OCSI) in base allo
Schema nazionale per la valutazione e certificazione di sicurezza nel
settore della tecnologia dell’informazione fissato con decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri o, per sua delega, del Ministro
per la pubblica amministrazione e l’innovazione di concerto con i
Ministri per lo sviluppo economico e dell’economia e finanze;
Vista la direttiva 1999/93/CE del 13 dicembre 1999 del Parlamento
europeo e del Consiglio, relativa ad un quadro comunitario per le
firme elettroniche e, in particolare, l’allegato III, cosi’ come
modificato in esito alla rettifica pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale delle Comunita’ europee serie L 13 del 19 gennaio 2000;
Vista la decisione della Commissione europea 2003/511/CE del 14
luglio 2003, relativa alla pubblicazione dei numeri di riferimento di
norme generalmente riconosciute relative a prodotti di firma
elettronica conformemente alla direttiva 1999/93/CE del Parlamento
europeo e del Consiglio;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30
ottobre 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 27 aprile 2004,
n. 98, recante approvazione dello Schema nazionale per la valutazione
e la certificazione della sicurezza nel settore delle tecnologie
dell’informazione e, in particolare, l’articolo 13, comma 4, che,
riproducendo quanto gia’ previsto dall’articolo 63 del decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri 8 febbraio 1999, prevede un
periodo transitorio di nove mesi durante il quale i certificatori di
firma elettronica attestano la rispondenza dei propri prodotti e
dispositivi di firma elettronica ai requisiti di sicurezza previsti
dalla vigente normativa mediante autodichiarazione;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 marzo
2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 6 giugno 2009, n. 129,
recante «regole tecniche in materia di generazione, apposizione e
verifica delle firme digitali e validazione temporale dei documenti
informatici»;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10
febbraio 2010, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 28 aprile
2010, n. 98, recante «fissazione del termine che autorizza
l’autocertificazione circa la rispondenza dei dispositivi automatici
di firma ai requisiti di sicurezza», ed in particolare l’articolo 1,
comma 1, che, da ultimo, ha prorogato al 1° novembre 2011, nelle more
della comprovabilita’ dell’utilizzo di dispositivi di generazione
della firma con specifici criteri di sicurezza, ai sensi del decreto
del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 ottobre 2003, la data
entro la quale effettuare l’attestazione, mediante autodichiarazione,
della rispondenza dei dispositivi ai requisiti di sicurezza imposti
dalle suddette disposizioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 7 maggio
2008, con il quale l’on. Renato Brunetta e’ stato nominato Ministro
senza portafoglio;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’8
maggio 2008, con il quale al predetto Ministro senza portafoglio, on.
Renato Brunetta, e’ stato conferito l’incarico per la pubblica
amministrazione e l’innovazione;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13
giugno 2008, recante delega di funzioni del Presidente del Consiglio
dei Ministri in materia di pubblica amministrazione ed innovazione al
Ministro senza portafoglio on. Renato Brunetta;
Considerato che, allo stato attuale, non sono ancora disponibili
nel contesto internazionale norme generalmente riconosciute
utilizzabili per accertare la conformita’ ai requisiti di sicurezza
prescritti dall’allegato III della direttiva 1999/93/CE di
dispositivi sicuri per l’apposizione di firme secondo le procedure
automatiche di cui all’articolo 35, comma 3, del decreto legislativo
n. 82 del 2005;
Ritenuto opportuno comunque consentire l’utilizzo di dispositivi
sicuri per l’apposizione di firme con procedure automatiche, per i
quali sia in corso il processo di certificazione della sicurezza
informatica, ai sensi del suindicato decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri 30 ottobre 2003 o, nell’ambito di uno schema
di certificazione estero mutuamente riconosciuto, nel periodo di
tempo necessario per ottenere la suddetta certificazione;
Considerata l’esigenza, anche in virtu’ dei tempi incomprimibili
dell’ultimazione della suindicata procedura di valutazione e
certificazione di sicurezza dei suddetti dispositivi di firma, di
differire ulteriormente, per detti dispositivi, l’efficacia delle
autodichiarazioni e autocertificazioni di cui al citato decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri 10 febbraio 2010 effettuate dai
certificatori qualificati, fino al 1° novembre 2013 nel caso in cui,
alla data del 1° novembre 2011, i relativi dispositivi abbiano
ottenuto il pronunciamento positivo sull’adeguatezza del traguardo di
sicurezza da parte dell’Organismo di Certificazione della Sicurezza
Informatica (OCSI) e per essi, alla medesima data, sia in corso un
processo di certificazione, debitamente comprovato, presso
l’Organismo di Certificazione della Sicurezza Informatica (OCSI) o
analogo organismo di certificazione che aderisce all’accordo
internazionale denominato Common Criteria Recognition Arrangement
(CCRA) con il ruolo di Certificate Authorizing Scheme;
di concerto con il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro
dell’economia e delle finanze;

Decreta:

Art. 1

1. Le autocertificazioni e le autodichiarazioni di cui al decreto
del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 febbraio 2010,
riguardante i dispositivi per l’apposizione di firme elettroniche con
procedure automatiche, continuano a spiegare ininterrottamente i
propri effetti fino al 1° novembre 2013 esclusivamente nel caso in
cui, alla data del 1° novembre 2011, i relativi dispositivi abbiano
ottenuto il pronunciamento positivo sull’adeguatezza del traguardo di
sicurezza da parte dell’Organismo di Certificazione della Sicurezza
Informatica (OCSI) e per essi, alla medesima data, sia in corso un
processo di certificazione, debitamente comprovato, presso il
medesimo Organismo di Certificazione della Sicurezza Informatica
(OCSI) o analogo organismo di certificazione che aderisce all’accordo
internazionale denominato Common Criteria Recognition Arrangement
(CCRA) con il ruolo di Certificate Authorizing Scheme.
2. Il presente decreto non reca oneri aggiuntivi per il bilancio
dello Stato.
Il presente decreto e’ inviato ai competenti organi di controllo e
sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.
Roma, 14 ottobre 2011

p. il Presidente del Consiglio dei Ministri
Il Ministro delegato per la pubblica amministrazione
e l’innovazione
Brunetta

Il Ministro dello sviluppo economico
Romani

Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Tremonti

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 ottobre 2011

Geometra.info