DECRETO LEGISLATIVO 31 maggio 2011, n. 88 - Disposizioni in materia di risorse aggiuntive ed interventi speciali per la rimozione di squilibri economici e sociali, a norma dell'articolo 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42. (11G0130) - (GU n. 143 del 22-6-2011 | Geometra.info

DECRETO LEGISLATIVO 31 maggio 2011, n. 88 – Disposizioni in materia di risorse aggiuntive ed interventi speciali per la rimozione di squilibri economici e sociali, a norma dell’articolo 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42. (11G0130) – (GU n. 143 del 22-6-2011

DECRETO LEGISLATIVO 31 maggio 2011, n. 88 - Disposizioni in materia di risorse aggiuntive ed interventi speciali per la rimozione di squilibri economici e sociali, a norma dell'articolo 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42. (11G0130) - (GU n. 143 del 22-6-2011 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 07/07/2011

DECRETO LEGISLATIVO 31 maggio 2011 , n. 88

Disposizioni in materia di risorse aggiuntive ed interventi speciali
per la rimozione di squilibri economici e sociali, a norma
dell’articolo 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42. (11G0130)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76, 87, quinto comma, 117, 119 e 120 della
Costituzione;
Vista la legge 5 maggio 2009, n. 42, recante delega al Governo in
materia di federalismo fiscale, in attuazione dell’articolo 119 della
Costituzione e, in particolare, l’articolo 16 relativo agli
interventi di cui al quinto comma dell’articolo 119 della
Costituzione;
Visto l’articolo 7, commi da 26 a 29, del decreto legge 31 maggio
2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio
2010, n. 122;
Ritenuto di dover adottare, in attuazione di quanto previsto dal
citato articolo 16, un primo decreto legislativo concernente la
destinazione e l’utilizzazione di risorse aggiuntive, nonche’
l’effettuazione di interventi speciali, al fine di promuovere lo
sviluppo economico e la coesione economica, sociale e territoriale e
di rimuovere gli squilibri economici e sociali;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 26 novembre 2010;
Considerato il mancato raggiungimento dell’intesa in sede di
Conferenza unificata ai sensi dell’articolo 3 del decreto legislativo
28 agosto 1997, n. 281;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 28 gennaio 2011, di approvazione della relazione
prevista dall’articolo 2, comma 3, terzo e quarto periodo, della
legge 5 maggio 2009, n. 42;
Visti il parere della Commissione parlamentare per l’attuazione del
federalismo fiscale di cui all’articolo 3 della legge 5 maggio 2009,
n. 42, ed i pareri delle Commissioni parlamentari competenti per le
conseguenze di carattere finanziario della Camera dei deputati e del
Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 19 maggio 2011;
Sulla proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, del
Ministro per le riforme per il federalismo, del Ministro per la
semplificazione normativa, del Ministro per i rapporti con le regioni
e per la coesione territoriale e del Ministro dello sviluppo
economico, di concerto con il Ministro dell’interno e con il Ministro
per la pubblica amministrazione e l’innovazione;

Emana

il seguente decreto legislativo:

Art. 1

Oggetto

1. Il presente decreto, in conformita’ al quinto comma
dell’articolo 119 della Costituzione e in prima attuazione
dell’articolo 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42, definisce le
modalita’ per la destinazione e l’utilizzazione di risorse
aggiuntive, nonche’ per l’individuazione e l’effettuazione di
interventi speciali, al fine di promuovere lo sviluppo economico e la
coesione sociale e territoriale, di rimuovere gli squilibri
economici, sociali, istituzionali e amministrativi del Paese e di
favorire l’effettivo esercizio dei diritti della persona. La
programmazione e attuazione di tali interventi e’ coordinata con
quelli di natura ordinaria, che utilizzano le risorse previste a
legislazione vigente con esclusione di quelle finalizzate dal
presente decreto, secondo criteri e meccanismi da determinare
nell’ambito del Documento di indirizzo strategico di cui all’articolo
5.
2. Gli interventi individuati ai sensi del presente decreto sono
finalizzati a perseguire anche la perequazione infrastrutturale.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art.10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n.1092, al solo fine
di facilitare la lettura delle disposizioni di legge alle
quali e’ operato il rinvio. Restano invariati il valore e
l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Note alle premesse:
– Si riporta il testo dell’art. 76 della Costituzione:
«Art. 76. – L’esercizio della funzione legislativa non
puo’ essere delegato al Governo se non con determinazione
di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo
limitato e per oggetti definiti».
– L’art. 87 della Costituzione conferisce, tra l’altro,
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi ed emanare i decreti aventi forza di legge e i
regolamenti.
– Si riporta il testo degli articoli 117, 119 e 120
della Costituzione:
«Art. 117. – La potesta’ legislativa e’ esercitata
dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della
Costituzione, nonche’ dei vincoli derivanti
dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi
internazionali.
Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti
materie:
a) politica estera e rapporti internazionali dello
Stato; rapporti dello Stato con l’Unione europea; diritto
di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non
appartenenti all’Unione europea;
b) immigrazione;
c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni
religiose;
d) difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi,
munizioni ed esplosivi;
e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari;
tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema
tributario e contabile dello Stato; perequazione delle
risorse finanziarie;
f) organi dello Stato e relative leggi elettorali;
referendum statali; elezione del Parlamento europeo;
g) ordinamento e organizzazione amministrativa dello
Stato e degli enti pubblici nazionali;
h) ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della
polizia amministrativa locale;
i) cittadinanza, stato civile e anagrafi;
l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento
civile e penale; giustizia amministrativa;
m) determinazione dei livelli essenziali delle
prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che
devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale;
n) norme generali sull’istruzione;
o) previdenza sociale;
p) legislazione elettorale, organi di governo e
funzioni fondamentali di Comuni, Province e Citta’
metropolitane;
q) dogane, protezione dei confini nazionali e
profilassi internazionale;
r) pesi, misure e determinazione del tempo;
coordinamento informativo statistico e informatico dei dati
dell’amministrazione statale, regionale e locale; opere
dell’ingegno;
s) tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni
culturali.
Sono materie di legislazione concorrente quelle
relative a: rapporti internazionali e con l’Unione europea
delle Regioni; commercio con l’estero; tutela e sicurezza
del lavoro; istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni
scolastiche e con esclusione della istruzione e della
formazione professionale; professioni; ricerca scientifica
e tecnologica e sostegno all’innovazione per i settori
produttivi; tutela della salute; alimentazione; ordinamento
sportivo; protezione civile; governo del territorio; porti
e aeroporti civili; grandi reti di trasporto e di
navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione,
trasporto e distribuzione nazionale dell’energia;
previdenza complementare e integrativa; armonizzazione dei
bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e
del sistema tributario; valorizzazione dei beni culturali e
ambientali e promozione e organizzazione di attivita’
culturali; casse di risparmio, casse rurali, aziende di
credito a carattere regionale; enti di credito fondiario e
agrario a carattere regionale. Nelle materie di
legislazione concorrente spetta alle Regioni la potesta’
legislativa, salvo che per la determinazione dei principi
fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato.
Spetta alle Regioni la potesta’ legislativa in
riferimento ad ogni materia non espressamente riservata
alla legislazione dello Stato.
Le Regioni e le Province autonome di Trento e di
Bolzano, nelle materie di loro competenza, partecipano alle
decisioni dirette alla formazione degli atti normativi
comunitari e provvedono all’attuazione e all’esecuzione
degli accordi internazionali e degli atti dell’Unione
europea, nel rispetto delle norme di procedura stabilite da
legge dello Stato, che disciplina le modalita’ di esercizio
del potere sostitutivo in caso di inadempienza.
La potesta’ regolamentare spetta allo Stato nelle
materie di legislazione esclusiva, salva delega alle
Regioni. La potesta’ regolamentare spetta alle Regioni in
ogni altra materia. I Comuni, le Province e le Citta’
metropolitane hanno potesta’ regolamentare in ordine alla
disciplina dell’organizzazione e dello svolgimento delle
funzioni loro attribuite.
Le leggi regionali rimuovono ogni ostacolo che
impedisce la piena parita’ degli uomini e delle donne nella
vita sociale, culturale ed economica e promuovono la
parita’ di accesso tra donne e uomini alle cariche
elettive.
La legge regionale ratifica le intese della Regione con
altre Regioni per il migliore esercizio delle proprie
funzioni, anche con individuazione di organi comuni.
Nelle materie di sua competenza la Regione puo’
concludere accordi con Stati e intese con enti territoriali
interni ad altro Stato, nei casi e con le forme
disciplinati da leggi dello Stato».
«Art. 119. – I Comuni, le Province, le Citta’
metropolitane e le Regioni hanno autonomia finanziaria di
entrata e di spesa.
I Comuni, le Province, le Citta’ metropolitane e le
Regioni hanno risorse autonome. Stabiliscono e applicano
tributi ed entrate propri, in armonia con la Costituzione e
secondo i principi di coordinamento della finanza pubblica
e del sistema tributario. Dispongono di compartecipazioni
al gettito di tributi erariali riferibile al loro
territorio.
La legge dello Stato istituisce un fondo perequativo,
senza vincoli di destinazione, per i territori con minore
capacita’ fiscale per abitante.
Le risorse derivanti dalle fonti di cui ai commi
precedenti consentono ai Comuni, alle Province, alle Citta’
metropolitane e alle Regioni di finanziare integralmente le
funzioni pubbliche loro attribuite.
Per promuovere lo sviluppo economico, la coesione e la
solidarieta’ sociale, per rimuovere gli squilibri economici
e sociali, per favorire l’effettivo esercizio dei diritti
della persona, o per provvedere a scopi diversi dal normale
esercizio delle loro funzioni, lo Stato destina risorse
aggiuntive ed effettua interventi speciali in favore di
determinati Comuni, Province, Citta’ metropolitane e
Regioni.
I Comuni, le Province, le Citta’ metropolitane e le
Regioni hanno un proprio patrimonio, attribuito secondo i
principi generali determinati dalla legge dello Stato.
Possono ricorrere all’indebitamento solo per finanziare
spese di investimento. E’ esclusa ogni garanzia dello Stato
sui prestiti dagli stessi contratti.».
«Art. 120. – La Regione non puo’ istituire dazi di
importazione o esportazione o transito tra le Regioni, ne’
adottare provvedimenti che ostacolino in qualsiasi modo la
libera circolazione delle persone e delle cose tra le
Regioni, ne’ limitare l’esercizio del diritto al lavoro in
qualunque parte del territorio nazionale.
Il Governo puo’ sostituirsi a organi delle Regioni,
delle Citta’ metropolitane, delle Province e dei Comuni nel
caso di mancato rispetto di norme e trattati internazionali
o della normativa comunitaria oppure di pericolo grave per
l’incolumita’ e la sicurezza pubblica, ovvero quando lo
richiedono la tutela dell’unita’ giuridica o dell’unita’
economica e in particolare la tutela dei livelli essenziali
delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali,
prescindendo dai confini territoriali dei governi locali.
La legge definisce le procedure atte a garantire che i
poteri sostitutivi siano esercitati nel rispetto del
principio di sussidiarieta’ e del principio di leale
collaborazione.».
– Si riporta il testo dell’art. 16 della legge 5 maggio
2009, n. 42 (Delega al Governo in materia di federalismo
fiscale, in attuazione dell’articolo 119 della
Costituzione), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 6 maggio
2009, n. 103:
«Art.16. – Interventi di cui al quinto comma dell’
articolo 119 della Costituzione
1. I decreti legislativi di cui all’articolo 2, con
riferimento all’attuazione dell’articolo 119, quinto comma,
della Costituzione, sono adottati secondo i seguenti
principi e criteri direttivi:
a) definizione delle modalita’ in base alle quali gli
interventi finalizzati agli obiettivi di cui al quinto
comma dell’articolo 119 della Costituzione sono finanziati
con contributi speciali dal bilancio dello Stato, con i
finanziamenti dell’Unione europea e con i cofinanziamenti
nazionali, secondo il metodo della programmazione
pluriennale. I finanziamenti dell’Unione europea non
possono essere sostitutivi dei contributi speciali dello
Stato;
b) confluenza dei contributi speciali dal bilancio
dello Stato, mantenendo le proprie finalizzazioni, in
appositi fondi a destinazione vincolata attribuiti ai
comuni, alle province, alle citta’ metropolitane e alle
regioni;
c) considerazione delle specifiche realta’
territoriali, con particolare riguardo alla realta’
socio-economica, al deficit infrastrutturale, ai diritti
della persona, alla collocazione geografica degli enti,
alla loro prossimita’ al confine con altri Stati o con
regioni a statuto speciale, ai territori montani e alle
isole minori, all’esigenza di tutela del patrimonio storico
e artistico ai fini della promozione dello sviluppo
economico e sociale;
d) individuazione di interventi diretti a promuovere lo
sviluppo economico, la coesione delle aree sottoutilizzate
del Paese e la solidarieta’ sociale, a rimuovere gli
squilibri economici e sociali e a favorire l’effettivo
esercizio dei diritti della persona; l’azione per la
rimozione degli squilibri strutturali di natura economica e
sociale a sostegno delle aree sottoutilizzate si attua
attraverso interventi speciali organizzati in piani
organici finanziati con risorse pluriennali, vincolate
nella destinazione;
e) definizione delle modalita’ per cui gli obiettivi e
i criteri di utilizzazione delle risorse stanziate dallo
Stato ai sensi del presente articolo sono oggetto di intesa
in sede di Conferenza unificata e disciplinati con i
provvedimenti annuali che determinano la manovra
finanziaria. L’entita’ delle risorse e’ determinata dai
medesimi provvedimenti.».
– Si riporta il testo dell’articolo 7, commi da 26 a
29, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 (Misure urgenti
in materia di stabilizzazione finanziaria e di
competitivita’ economica), convertito, con modificazioni,
dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale 31 maggio 2010, n. 125:
«26. Sono attribuite al Presidente del Consiglio dei
Ministri le funzioni di cui all’art. 24, comma 1, lettera
c), del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, ivi
inclusa la gestione del Fondo per le aree sottoutilizzate,
fatta eccezione per le funzioni di programmazione economica
e finanziaria non ricomprese nelle politiche di sviluppo e
coesione.
27. Per l’esercizio delle funzioni di cui al comma 26,
il Presidente del Consiglio dei Ministri o il Ministro
delegato si avvalgono del Dipartimento per lo sviluppo e la
coesione economica del Ministero dello sviluppo economico,
ad eccezione della Direzione generale per l’incentivazione
delle attivita’ imprenditoriali, il quale dipende
funzionalmente dalle predette autorita’.
28. Ai fini della ricognizione delle risorse di cui al
comma 26 si provvede, entro sessanta giorni dalla data di
entrata in vigore del presente decreto, con decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con i
Ministri dell’economia e delle finanze e dello sviluppo
economico. Le risorse del fondo per le aree sottoutilizzate
restano nello stato di previsione del Ministero dello
sviluppo economico.
29. Restano ferme le funzioni di controllo e
monitoraggio della Ragioneria generale dello Stato.».
– Si riporta il testo dell’art. 3 del decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281 (Definizione ed
ampliamento delle attribuzioni della Conferenza permanente
per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e Bolzano ed unificazione, per le
materie ed i compiti di interesse comune delle regioni,
delle province e dei comuni, con la Conferenza Stato-citta’
ed autonomie locali):
« Art. 3. Intese
1. Le disposizioni del presente articolo si applicano a
tutti i procedimenti in cui la legislazione vigente prevede
un’intesa nella Conferenza Stato-regioni.
2. Le intese si perfezionano con l’espressione
dell’assenso del Governo e dei presidenti delle regioni e
delle province autonome di Trento e di Bolzano.
3. Quando un’intesa espressamente prevista dalla legge
non e’ raggiunta entro trenta giorni dalla prima seduta
della Conferenza Stato-regioni in cui l’oggetto e’ posto
all’ordine del giorno, il Consiglio dei Ministri provvede
con deliberazione motivata.
4. In caso di motivata urgenza il Consiglio dei
Ministri puo’ provvedere senza l’osservanza delle
disposizioni del presente articolo. I provvedimenti
adottati sono sottoposti all’esame della Conferenza
Stato-regioni nei successivi quindici giorni. Il Consiglio
dei Ministri e’ tenuto ad esaminare le osservazioni della
Conferenza Stato-regioni ai fini di eventuali deliberazioni
successive.».
– Si riporta il testo degli artt.. 2, comma 3, e 3
della citata legge n. 42 del 2009:
«3. I decreti legislativi di cui al comma 1 sono
adottati su proposta del Ministro dell’economia e delle
finanze, del Ministro per le riforme per il federalismo,
del Ministro per la semplificazione normativa, del Ministro
per i rapporti con le regioni e del Ministro per le
politiche europee, di concerto con il Ministro
dell’interno, con il Ministro per la pubblica
amministrazione e l’innovazione e con gli altri Ministri
volta a volta competenti nelle materie oggetto di tali
decreti. Gli schemi di decreto legislativo, previa intesa
da sancire in sede di Conferenza unificata ai sensi dell’
articolo 3 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281,
sono trasmessi alle Camere, ciascuno corredato di relazione
tecnica che evidenzi gli effetti delle disposizioni recate
dal medesimo schema di decreto sul saldo netto da
finanziare, sull’indebitamento netto delle amministrazioni
pubbliche e sul fabbisogno del settore pubblico, perche’ su
di essi sia espresso il parere della Commissione di cui
all’articolo 3 e delle Commissioni parlamentari competenti
per le conseguenze di carattere finanziario, entro sessanta
giorni dalla trasmissione. In mancanza di intesa nel
termine di cui all’ articolo 3 del decreto legislativo 28
agosto 1997, n. 281, il Consiglio dei ministri delibera,
approvando una relazione che e’ trasmessa alle Camere.
Nella relazione sono indicate le specifiche motivazioni per
cui l’intesa non e’ stata raggiunta.».
«Art. 3. Commissione parlamentare per l’attuazione del
federalismo fiscale
1. E’ istituita la Commissione parlamentare per
l’attuazione del federalismo fiscale, composta da quindici
senatori e da quindici deputati, nominati rispettivamente
dal Presidente del Senato della Repubblica e dal Presidente
della Camera dei deputati, su designazione dei gruppi
parlamentari, in modo da rispecchiarne la proporzione. Il
presidente della Commissione e’ nominato tra i componenti
della stessa dal Presidente del Senato della Repubblica e
dal Presidente della Camera dei deputati d’intesa tra loro.
La Commissione si riunisce per la sua prima seduta entro
venti giorni dalla nomina del presidente, per l’elezione di
due vicepresidenti e di due segretari che, insieme con il
presidente, compongono l’ufficio di presidenza.
2. L’attivita’ e il funzionamento della Commissione
sono disciplinati da un regolamento interno approvato dalla
Commissione stessa prima dell’inizio dei propri lavori.
3. Gli oneri derivanti dall’istituzione e dal
funzionamento della Commissione e del Comitato di cui al
comma 4 sono posti per meta’ a carico del bilancio interno
del Senato della Repubblica e per meta’ a carico del
bilancio interno della Camera dei deputati. Gli oneri
connessi alla partecipazione alle riunioni del Comitato di
cui al comma 4 sono a carico dei rispettivi soggetti
istituzionali rappresentati, i quali provvedono a valere
sugli ordinari stanziamenti di bilancio e comunque senza
nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. Ai
componenti del Comitato di cui al comma 4 non spetta alcun
compenso.
4. Al fine di assicurare il raccordo della Commissione
con le regioni, le citta’ metropolitane, le province e i
comuni, e’ istituito un Comitato di rappresentanti delle
autonomie territoriali, nominato dalla componente
rappresentativa delle regioni e degli enti locali
nell’ambito della Conferenza unificata. Il Comitato, che si
riunisce, previo assenso dei rispettivi Presidenti, presso
le sedi del Senato della Repubblica o della Camera dei
deputati, e’ composto da dodici membri, dei quali sei in
rappresentanza delle regioni, due in rappresentanza delle
province e quattro in rappresentanza dei comuni. La
Commissione, ogniqualvolta lo ritenga necessario, procede
allo svolgimento di audizioni del Comitato e ne acquisisce
il parere.
5. La Commissione:
a) esprime i pareri sugli schemi dei decreti
legislativi di cui all’articolo 2;
b) verifica lo stato di attuazione di quanto previsto
dalla presente legge e ne riferisce ogni sei mesi alle
Camere fino alla conclusione della fase transitoria di cui
agli articoli 20 e 21. A tal fine puo’ ottenere tutte le
informazioni necessarie dalla Commissione tecnica
paritetica per l’attuazione del federalismo fiscale di cui
all’articolo 4 o dalla Conferenza permanente per il
coordinamento della finanza pubblica di cui all’articolo 5;
c) sulla base dell’attivita’ conoscitiva svolta,
formula osservazioni e fornisce al Governo elementi di
valutazione utili alla predisposizione dei decreti
legislativi di cui all’articolo 2.
6. La Commissione puo’ chiedere ai Presidenti delle
Camere una proroga di venti giorni per l’espressione del
parere, qualora cio’ si renda necessario per la
complessita’ della materia o per il numero di schemi
trasmessi nello stesso periodo all’esame della Commissione.
Con la proroga del termine per l’espressione del parere si
intende prorogato di venti giorni anche il termine finale
per l’esercizio della delega. Qualora il termine per
l’espressione del parere scada nei trenta giorni che
precedono la scadenza del termine finale per l’esercizio
della delega o successivamente, quest’ultimo e’ prorogato
di novanta giorni.
7. La Commissione e’ sciolta al termine della fase
transitoria di cui agli articoli 20 e 21.».
Note all’art. 1:
– Per il testo dell’art. 119, quinto comma, della
Costituzione, si veda nelle note alle premesse.
– Per il testo dell’art. 16 della citata legge n. 42
del 2009, si veda nelle note alle premesse.

Art. 2

Principi e criteri della politica di riequilibrio economico e sociale

1. Le finalita’ di cui all’articolo 1 sono perseguite
prioritariamente con le risorse del Fondo per lo sviluppo e la
coesione di cui all’articolo 4 e con i finanziamenti a finalita’
strutturale dell’Unione europea e i relativi cofinanziamenti
nazionali, esclusivamente destinati alla spesa in conto capitale per
investimenti anche finalizzati, secondo le modalita’ stabilite per
l’impiego dei fondi comunitari, a rimuovere le disuguaglianze di
capacita’ amministrativa per l’equilibrata attuazione del Titolo V
della Costituzione nonche’ alle spese per lo sviluppo ammesse dai
regolamenti dell’Unione europea, sulla base dei seguenti principi e
criteri:
a) leale collaborazione istituzionale tra lo Stato, le Regioni e le
autonomie locali e coinvolgimento del partenariato economico-sociale
per l’individuazione delle priorita’ e per l’attuazione degli
interventi, tenendo conto delle specifiche realta’ territoriali, con
particolare riguardo alle condizioni socio-economiche, al deficit
infrastrutturale e ai diritti della persona;
b) utilizzazione delle risorse secondo il metodo della
programmazione pluriennale, tenendo conto delle priorita’
programmatiche individuate dall’Unione europea, nell’ambito di piani
organici finanziati con risorse pluriennali, vincolate nella
destinazione, contemperando gli obiettivi di sviluppo con quelli di
stabilita’ finanziaria e assicurando in ogni caso la ripartizione
dell’85 per cento delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la
coesione di cui all’articolo 4 alle regioni del Mezzogiorno e del
restante 15 per cento alle regioni del Centro-Nord anche con
riferimento alle zone di montagna, a quelle confinanti con Regioni a
statuto speciale e alle isole minori;
c) aggiuntivita’ delle risorse, che non possono essere sostitutive
di spese ordinarie del bilancio dello Stato e degli enti decentrati,
in coerenza e nel rispetto del principio dell’addizionalita’ previsto
per i fondi strutturali dell’Unione europea;
d) programmazione, organizzazione e attuazione degli interventi
finalizzate ad assicurarne la qualita’, la tempestivita’, l’effettivo
conseguimento dei risultati, attraverso il condizionamento dei
finanziamenti a innovazioni istituzionali, la costruzione di un
sistema di indicatori di risultato, il ricorso sistematico alla
valutazione degli impatti e, ove appropriato, la previsione di
riserve premiali e meccanismi sanzionatori, nel rispetto dei criteri
di concentrazione territoriale e finanziaria e assicurando, nei
confronti di tutte le amministrazioni ed organismi pubblici e privati
coinvolti, le necessarie attivita’ di sorveglianza, monitoraggio e
controllo delle iniziative.

Art. 3

Disposizioni in materia di finanziamenti dell’Unione europea

1. Il Ministro delegato per la politica di coesione economica,
sociale e territoriale, di seguito denominato: “Ministro delegato”,
cura il coordinamento di tale politica e dei relativi fondi a
finalita’ strutturale dell’Unione Europea, d’intesa con il Ministro
dell’economia e delle finanze, e assicura i relativi rapporti con i
competenti organi dell’Unione.
2. Per le finalita’ di cui al comma 1 e nel rispetto dei poteri e
delle prerogative delle Regioni e delle autonomie locali, il Ministro
delegato, di concerto con i Ministri dell’economia e delle finanze,
dello sviluppo economico e, per quanto di competenza, con gli altri
Ministri eventualmente interessati, adotta gli atti di indirizzo e
quelli di programmazione rimessi dai regolamenti dell’Unione europea
agli Stati membri, assicurando la coerenza complessiva dei
conseguenti documenti di programmazione operativa da parte delle
amministrazioni centrali e regionali.
3. Al fine di garantire la tempestiva attuazione dei programmi
cofinanziati dai fondi strutturali di cui al comma 1 e l’integrale
utilizzo delle relative risorse dell’Unione europea assegnate allo
Stato membro, il Ministro delegato, di concerto con i Ministri
dell’economia e delle finanze e dello sviluppo economico, adotta, ove
necessario e nel rispetto delle disposizioni dei regolamenti
dell’Unione europea, le opportune misure di accelerazione degli
interventi anche relativamente alle amministrazioni che risultano non
in linea con la programmazione temporale degli interventi medesimi.

Art. 4

Fondo per lo sviluppo e la coesione

1. Il Fondo per le aree sottoutilizzate, di cui all’articolo 61
della legge 27 dicembre 2002, n. 289, assume la denominazione di
Fondo per lo sviluppo e la coesione, di seguito denominato: “Fondo”.
Il Fondo e’ finalizzato a dare unita’ programmatica e finanziaria
all’insieme degli interventi aggiuntivi a finanziamento nazionale,
che sono rivolti al riequilibrio economico e sociale tra le diverse
aree del Paese.
2. Il Fondo ha carattere pluriennale in coerenza con
l’articolazione temporale della programmazione dei Fondi strutturali
dell’Unione europea, garantendo l’unitarieta’ e la complementarieta’
delle procedure di attivazione delle relative risorse con quelle
previste per i fondi strutturali dell’Unione europea.
3. Il Fondo e’ destinato a finanziare interventi speciali dello
Stato e l’erogazione di contributi speciali, secondo le modalita’
stabilite dal presente decreto. L’intervento del Fondo e’ finalizzato
al finanziamento di progetti strategici, sia di carattere
infrastrutturale sia di carattere immateriale, di rilievo nazionale,
interregionale e regionale, aventi natura di grandi progetti o di
investimenti articolati in singoli interventi di consistenza
progettuale ovvero realizzativa tra loro funzionalmente connessi, in
relazione a obiettivi e risultati quantificabili e misurabili, anche
per quanto attiene al profilo temporale. La programmazione degli
interventi finanziati a carico del Fondo di cui al presente articolo
e’ realizzata tenendo conto della programmazione degli interventi di
carattere ordinario.

Note all’art. 4:
– Si riporta il testo dell’art. 61 della legge 27
dicembre 2002, n. 289 (Disposizioni per la formazione del
bilancio annuale e pluriennale dello Stato):
«Art. 61. Fondo per le aree sottoutilizzate ed
interventi nelle medesime aree
1. A decorrere dall’anno 2003 e’ istituito il fondo per
le aree sottoutilizzate, coincidenti con l’ambito
territoriale delle aree depresse di cui alla legge 30
giugno 1998, n. 208, al quale confluiscono le risorse
disponibili autorizzate dalle disposizioni legislative,
comunque evidenziate contabilmente in modo autonomo, con
finalita’ di riequilibrio economico e sociale di cui
all’allegato 1, nonche’ la dotazione aggiuntiva di 400
milioni di euro per l’anno 2003, di 650 milioni di euro per
l’anno 2004 e di 7.000 milioni di euro per l’anno 2005.
2. A decorrere dall’anno 2004 si provvede ai sensi
dell’articolo 11, comma 3, lettera f), della legge 5 agosto
1978, n. 468, e successive modificazioni.
3. Il fondo e’ ripartito esclusivamente tra gli
interventi previsti dalle disposizioni legislative di cui
al comma 1, con apposite delibere del CIPE adottate sulla
base del criterio generale di destinazione territoriale
delle risorse disponibili e per finalita’ di riequilibrio
economico e sociale, nonche’:
a) per gli investimenti pubblici, ai quali sono
finalizzate le risorse stanziate a titolo di
rifinanziamento degli interventi di cui all’articolo 1
della citata legge n. 208 del 1998, e comunque realizzabili
anche attraverso le altre disposizioni legislative di cui
all’allegato 1, sulla base, ove applicabili, dei criteri e
dei metodi indicati all’articolo 73 della legge 28 dicembre
2001, n. 448;
b) per gli incentivi, secondo criteri e metodi volti a
massimizzare l’efficacia complessiva dell’intervento e la
sua rapidita’ e semplicita’, sulla base dei risultati
ottenuti e degli indirizzi annuali del Documento di
programmazione economico-finanziaria, e a rispondere alle
esigenze del mercato.
4. Le risorse finanziarie assegnate dal CIPE
costituiscono limiti massimi di spesa ai sensi del comma
6-bis dell’articolo 11-ter della legge 5 agosto 1978, n.
468.
5. Il CIPE, con proprie delibere da sottoporre al
controllo preventivo della Corte dei conti, stabilisce i
criteri e le modalita’ di attuazione degli interventi
previsti dalle disposizioni legislative di cui al comma 1,
anche al fine di dare immediata applicazione ai principi
contenuti nel comma 2 dell’articolo 72. Sino all’adozione
delle delibere di cui al presente comma, ciascun intervento
resta disciplinato dalle disposizioni di attuazione vigenti
alla data di entrata in vigore della presente legge.
6. Al fine di dare attuazione al comma 3, il CIPE
effettua un monitoraggio periodico della domanda rivolta ai
diversi strumenti e del loro stato di attuazione; a tale
fine si avvale, oltre che delle azioni di monitoraggio gia’
in atto, di specifici contributi dell’ISTAT e delle Camere
di commercio, industria, artigianato e agricoltura. Entro
il 30 giugno di ogni anno il CIPE approva una relazione
sugli interventi effettuati nell’anno precedente,
contenente altresi’ elementi di valutazione sull’attivita’
svolta nell’anno in corso e su quella da svolgere nell’anno
successivo. Il Ministro dell’economia e delle finanze
trasmette tale relazione al Parlamento.
7. Partecipano in via ordinaria alle riunioni del CIPE,
con diritto di voto, il Ministro per gli affari regionali
in qualita’ di presidente della Conferenza permanente per i
rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di
Trento e di Bolzano, e il presidente della Conferenza dei
presidenti delle regioni e delle province autonome di
Trento e di Bolzano, o un suo delegato, in rappresentanza
della Conferenza stessa. Copia delle deliberazioni del CIPE
relative all’utilizzo del fondo di cui al presente articolo
sono trasmesse al Parlamento e di esse viene data formale
comunicazione alle competenti Commissioni.
8. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’
autorizzato ad apportare, anche con riferimento
all’articolo 60, con propri decreti, le occorrenti
variazioni di bilancio in termini di residui, competenza e
cassa tra le pertinenti unita’ previsionali di base degli
stati di previsione delle amministrazioni interessate.
9. Le economie derivanti da provvedimenti di revoca
totale o parziale delle agevolazioni di cui all’articolo 1
del decreto-legge 23 giugno 1995, n. 244, convertito, con
modificazioni, dalla legge 8 agosto 1995, n. 341, nonche’
quelle di cui all’articolo 8, comma 2, della legge 7 agosto
1997, n. 266, sono utilizzate dal Ministero delle attivita’
produttive per la copertura degli oneri statali relativi
alle iniziative imprenditoriali comprese nei patti
territoriali e per il finanziamento di nuovi contratti di
programma. Per il finanziamento di nuovi contratti di
programma, una quota pari al 70 per cento delle economie e’
riservata alle aree sottoutilizzate del Centro-Nord,
ricomprese nelle aree ammissibili alle deroghe previste
dall’articolo 87, paragrafo 3, lettera c), del Trattato che
istituisce la Comunita’ europea, nonche’ alle aree
ricomprese nell’obiettivo 2, di cui al regolamento (CE) n.
1260/1999 del Consiglio, del 21 giugno 1999.
10. Le economie derivanti da provvedimenti di revoca
totale o parziale delle agevolazioni di cui all’articolo 1,
comma 2, del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415,
convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre
1992, n. 488, sono utilizzate dal Ministero delle attivita’
produttive, oltre che per gli interventi previsti dal
citato decreto-legge n. 415 del 1992, anche, nel limite del
100 per cento delle economie stesse, per il finanziamento
di nuovi contratti di programma. Per il finanziamento di
nuovi contratti di programma una quota pari all’85 per
cento delle economie e’ riservata alle aree depresse del
Mezzogiorno ricomprese nell’obiettivo 1, di cui al citato
regolamento (CE) n. 1260/1999, e una quota pari al 15 per
cento alle aree sottoutilizzate del Centro-Nord, ricomprese
nelle aree ammissibili alle deroghe previste dal citato
articolo 87, paragrafo 3, lettera c), del Trattato che
istituisce la Comunita’ europea, nonche’ alle aree
ricomprese nell’obiettivo 2, di cui al predetto
regolamento.
11…..
12…..
13. Nei limiti delle risorse di cui al comma 3 possono
essere concesse agevolazioni in favore delle imprese
operanti in settori ammissibili alle agevolazioni ai sensi
del decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito, con
modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1992, n. 488, ed
aventi sede nelle aree ammissibili alle deroghe previste
dall’articolo 87, paragrafo 3, lettere a) e c), del
Trattato che istituisce la Comunita’ europea, nonche’ nelle
aree ricadenti nell’obiettivo 2 di cui al regolamento (CE)
n. 1260/1999 del Consiglio, del 21 giugno 1999, che
investono, nell’ambito di programmi di penetrazione
commerciale, in campagne pubblicitarie localizzate in
specifiche aree territoriali del Paese. L’agevolazione e’
riconosciuta sulle spese documentate dell’esercizio di
riferimento che eccedono il totale delle spese
pubblicitarie dell’esercizio precedente e nelle misure
massime previste per gli aiuti a finalita’ regionale, nel
rispetto dei limiti della regola «de minimis» di cui al
regolamento (CE) n. 69/2001 della Commissione, del 12
gennaio 2001. Il CIPE, con propria delibera da sottoporre
al controllo preventivo della Corte dei conti, stabilisce
le risorse da riassegnare all’unita’ previsionale di base
6.1.2.7 «Devoluzione di proventi» dello stato di previsione
del Ministero dell’economia e delle finanze, ed indica la
data da cui decorre la facolta’ di presentazione e le
modalita’ delle relative istanze. I soggetti che intendano
avvalersi dei contributi di cui al presente comma devono
produrre istanza all’Agenzia delle entrate che provvede
entro trenta giorni a comunicare il suo eventuale
accoglimento secondo l’ordine cronologico delle domande
pervenute. Qualora l’utilizzazione del contributo esposta
nell’istanza non risulti effettuata, nell’esercizio di
imposta cui si riferisce la domanda, il soggetto
interessato decade dal diritto al contributo e non puo’
presentare una nuova istanza nei dodici mesi successivi
alla conclusione dell’esercizio fiscale».

Art. 5

Programmazione del Fondo per lo sviluppo e la coesione

1. Il Documento di economia e finanza di cui all’articolo 10 della
legge 31 dicembre 2009, n. 196, adottato nell’anno precedente a
quello di inizio del ciclo di programmazione dei fondi europei,
determina, in relazione alle previsioni macroeconomiche, con
particolare riferimento all’andamento del PIL, e di finanza pubblica
e coerentemente con gli obiettivi programmati di finanza pubblica,
l’ammontare delle risorse da destinare agli interventi di cui
all’articolo 4. Con riferimento agli esercizi successivi, il
Documento di economia e finanza puo’ rideterminare l’ammontare delle
risorse di cui al primo periodo anche in considerazione del grado di
realizzazione finanziaria e reale degli stanziamenti pregressi. La
Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza di cui
all’articolo 10-bis della legge 31 dicembre 2009, n. 196, indica gli
obiettivi di convergenza economica delle aree del Paese a minore
capacita’ fiscale, con particolare riferimento al graduale
conseguimento, nelle medesime aree, dei livelli delle prestazioni e
del livello dei costi di erogazione dei servizi standardizzati
secondo quanto previsto dai decreti attuativi della legge n. 42 del
2009, valutando l’impatto macroeconomico e gli effetti, in termini di
convergenza, delle politiche di coesione e della spesa ordinaria
destinata alle aree svantaggiate.
2. Sulla base di quanto indicato dal Documento di economia e
finanza, la legge di stabilita’ relativa all’esercizio finanziario
che precede l’avvio di un nuovo ciclo pluriennale di programmazione
incrementa la dotazione finanziaria del Fondo, stanziando risorse
adeguate per le esigenze dell’intero periodo di programmazione, sulla
base della quantificazione proposta dal Ministro delegato,
compatibilmente con il rispetto dei vincoli di bilancio e degli
obiettivi di finanza pubblica. Allo stesso modo, la legge di
stabilita’ provvede contestualmente alla ripartizione della dotazione
finanziaria per quote annuali, collegate all’andamento stimato della
spesa.
3. La legge annuale di stabilita’, anche sulla scorta delle
risultanze del sistema di monitoraggio unitario di cui all’articolo
6, puo’ aggiornare l’articolazione annuale, ferma restando la
dotazione complessiva del Fondo. Trascorso il primo triennio del
periodo di riferimento, si puo’ procedere alla riprogrammazione del
Fondo solo previa intesa in sede di Conferenza Unificata di cui
all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.
4. Entro il mese di ottobre dell’anno che precede l’avvio del ciclo
pluriennale di programmazione, con delibera del Comitato
interministeriale per la programmazione economica (CIPE), tenendo
conto degli indirizzi comunitari, degli impegni assunti nel Programma
Nazionale di Riforma e nel Documento di economia e finanza e relativi
allegati, su proposta del Ministro delegato, d’intesa con i Ministri
dell’economia e delle finanze e dello sviluppo economico, nonche’ con
la Conferenza unificata, sentiti gli altri Ministri eventualmente
interessati, sono definiti in un Documento di indirizzo strategico:
a) gli obiettivi e i criteri di utilizzazione delle risorse
stanziate, le finalita’ specifiche da perseguire, il riparto delle
risorse tra le priorita’ e le diverse macro-aree territoriali,
nonche’ l’identificazione delle Amministrazioni attuatrici;
b) i principi di condizionalita’, ossia le condizioni
istituzionali, generali e relative a ogni settore di intervento, che
devono essere soddisfatte per l’utilizzo dei fondi;
c) i criteri di ammissibilita’ degli interventi al finanziamento
riferiti in particolare:
1) ai tempi di realizzazione definiti per settore, per
tipologia d’intervento, di soggetto attuatore e di contesto
geografico;
2) ai risultati attesi, misurati con indicatori che soddisfino
requisiti di affidabilita’ statistica, prossimita’ all’intervento,
tempestivita’ di rilevazione, pubblicita’ dell’informazione;
3) all’individuazione preventiva di una metodologia rigorosa di
valutazione degli impatti;
4) alla sostenibilita’ dei piani di gestione;
5) al possesso da parte del o dei soggetti attuatori
dell’intervento di un rating, individuato secondo criteri e modalita’
stabiliti con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, che
indichi un livello adeguato di capacita’ amministrativa e tecnica e
di legalita’ tale da garantire la realizzazione degli interventi nei
tempi programmati in assenza del quale, con il medesimo decreto, sono
individuate le misure necessarie all’attuazione degli interventi a
partire da forme di affiancamento fino all’affidamento ai soggetti di
cui all’articolo 6, comma 6, senza nuovi o maggiori oneri per la
finanza pubblica.
d) gli eventuali meccanismi premiali e sanzionatori, ivi compresa
la revoca, anche parziale, dei finanziamenti, relativi al
raggiungimento di obiettivi e risultati misurabili e al rispetto del
cronoprogramma;
e) la possibilita’ di chiedere il cofinanziamento delle iniziative
da parte dei soggetti assegnatari, anche attraverso l’apporto di
capitali privati;
f) la coerenza e il raccordo con gli interventi ordinari
programmati o in corso di realizzazione da parte di amministrazioni
pubbliche o concessionari di servizi pubblici fermo restando
l’utilizzo delle risorse per le rispettive finalita’.
5. Entro il 1° marzo successivo al termine di cui al comma 4, il
Ministro delegato, in attuazione degli obiettivi e nel rispetto dei
criteri definiti dalla delibera del CIPE di cui al comma 4, propone
al CIPE per la conseguente approvazione, in coerenza con il riparto
territoriale e settoriale ivi stabilito e d’intesa con il Ministro
dell’economia e delle finanze e con gli altri Ministri interessati,
nonche’ con le amministrazioni attuatrici individuate, gli interventi
o i programmi da finanziare con le risorse del Fondo, nel limite
delle risorse disponibili a legislazione vigente.

Note all’art. 5:
– Si riporta il testo degli artt. 10 e 10-bis della
legge 31 dicembre 2009, n. 196 (Legge di contabilita’ e
finanza pubblica):
« Art. 10. Documento di economia e finanza
1. Il DEF, come risultante dalle conseguenti
deliberazioni parlamentari, e’ composto da tre sezioni.
2. La prima sezione del DEF reca lo schema del
Programma di stabilita’, di cui all’articolo 9, comma 1. Lo
schema contiene gli elementi e le informazioni richieste
dai regolamenti dell’Unione europea vigenti in materia e
dal Codice di condotta sull’attuazione del patto di
stabilita’ e crescita, con specifico riferimento agli
obiettivi da conseguire per accelerare la riduzione del
debito pubblico. In particolare, la prima sezione contiene:
a) gli obiettivi di politica economica e il quadro
delle previsioni economiche e di finanza pubblica almeno
per il triennio successivo e gli obiettivi articolati per i
sottosettori del conto delle amministrazioni pubbliche
relativi alle amministrazioni centrali, alle
amministrazioni locali e agli enti di previdenza e
assistenza sociale;
b) l’aggiornamento delle previsioni per l’anno in
corso, evidenziando gli eventuali scostamenti rispetto al
precedente Programma di stabilita’;
c) l’indicazione dell’evoluzione economico-finanziaria
internazionale, per l’anno in corso e per il periodo di
riferimento; per l’Italia, in linea con le modalita’ e i
tempi indicati dal Codice di condotta sull’attuazione del
patto di stabilita’ e crescita, le previsioni
macroeconomiche, per ciascun anno del periodo di
riferimento, con evidenziazione dei contributi alla
crescita dei diversi fattori, dell’evoluzione dei prezzi,
del mercato del lavoro e dell’andamento dei conti con
l’estero; l’esplicitazione dei parametri economici
essenziali utilizzati per le previsioni di finanza pubblica
in coerenza con gli andamenti macroeconomici;
d) le previsioni per i principali aggregati del conto
economico delle amministrazioni pubbliche;
e) gli obiettivi programmatici, indicati per ciascun
anno del periodo di riferimento, in rapporto al prodotto
interno lordo e, tenuto conto della manovra di cui alla
lettera f), per l’indebitamento netto, per il saldo di
cassa, al netto e al lordo degli interessi e delle
eventuali misure una tantum ininfluenti sul saldo
strutturale del conto economico delle amministrazioni
pubbliche, e per il debito delle amministrazioni pubbliche,
articolati per i sottosettori di cui alla lettera a);
f) l’articolazione della manovra necessaria per il
conseguimento degli obiettivi di cui alla lettera e),
almeno per un triennio, per i sottosettori di cui alla
lettera a), nonche’ un’indicazione di massima delle misure
attraverso le quali si prevede di raggiungere i predetti
obiettivi;
g) il prodotto potenziale e gli indicatori strutturali
programmatici del conto economico delle pubbliche
amministrazioni per ciascun anno del periodo di
riferimento;
h) le previsioni di finanza pubblica di lungo periodo e
gli interventi che si intende adottare per garantirne la
sostenibilita’;
i) le diverse ipotesi di evoluzione dell’indebitamento
netto e del debito rispetto a scenari di previsione
alternativi riferiti al tasso di crescita del prodotto
interno lordo, della struttura dei tassi di interesse e del
saldo primario.
3. La seconda sezione del DEF contiene:
a) l’analisi del conto economico e del conto di cassa
delle amministrazioni pubbliche nell’anno precedente e
degli eventuali scostamenti rispetto agli obiettivi
programmatici indicati nel DEF e nella Nota di
aggiornamento di cui all’articolo 10-bis;
b) le previsioni tendenziali a legislazione vigente,
almeno per il triennio successivo, basate sui parametri di
cui al comma 2, lettera c), e, per la parte discrezionale
della spesa, sull’invarianza dei servizi e delle
prestazioni offerte, dei flussi di entrata e di uscita del
conto economico dei sottosettori di cui al comma 2, lettera
a), al netto e al lordo delle eventuali misure una tantum
ininfluenti sul saldo strutturale del conto economico delle
amministrazioni pubbliche, e di quelli del saldo di cassa
delle amministrazioni pubbliche, con un’indicazione di
massima, anche per l’anno in corso, dei motivi degli
scostamenti tra gli andamenti tendenziali indicati e le
previsioni riportate nei precedenti documenti
programmatici, nonche’ con l’indicazione della pressione
fiscale delle amministrazioni pubbliche. Sono inoltre
indicate le previsioni relative al debito delle
amministrazioni pubbliche nel loro complesso e per i
sottosettori di cui al comma 2, lettera a), nonche’ le
risorse destinate allo sviluppo delle aree sottoutilizzate,
con evidenziazione dei fondi nazionali addizionali;
c) un’indicazione delle previsioni a politiche
invariate per i principali aggregati del conto economico
delle amministrazioni pubbliche riferite almeno al triennio
successivo;
d) le previsioni tendenziali, almeno per il triennio
successivo, del saldo di cassa del settore statale e le
indicazioni sulle correlate modalita’ di copertura;
e) in coerenza con gli obiettivi di cui al comma 2,
lettera e), e con i loro eventuali aggiornamenti,
l’individuazione di regole generali sull’evoluzione della
spesa delle amministrazioni pubbliche;
f) le informazioni di dettaglio sui risultati e sulle
previsioni dei conti dei principali settori di spesa,
almeno per il triennio successivo, con particolare
riferimento a quelli relativi al pubblico impiego, alla
protezione sociale e alla sanita’, nonche’ sul debito delle
amministrazioni pubbliche e sul relativo costo medio.
4. In apposita nota metodologica, allegata alla seconda
sezione del DEF, sono esposti analiticamente i criteri di
formulazione delle previsioni tendenziali di cui al comma
3, lettera b).
5. La terza sezione del DEF reca lo schema del
Programma nazionale di riforma di cui all’articolo 9, comma
1. Lo schema contiene gli elementi e le informazioni
previsti dai regolamenti dell’Unione europea e dalle
specifiche linee guida per il Programma nazionale di
riforma. In particolare, la terza sezione indica:
a) lo stato di avanzamento delle riforme avviate, con
indicazione dell’eventuale scostamento tra i risultati
previsti e quelli conseguiti;
b) gli squilibri macroeconomici nazionali e i fattori
di natura macroeconomica che incidono sulla competitivita’;
c) le priorita’ del Paese e le principali riforme da
attuare, i tempi previsti per la loro attuazione e la
compatibilita’ con gli obiettivi programmatici indicati
nella prima sezione del DEF;
d) i prevedibili effetti delle riforme proposte in
termini di crescita dell’economia, di rafforzamento della
competitivita’ del sistema economico e di aumento
dell’occupazione.
6. In allegato al DEF sono indicati gli eventuali
disegni di legge collegati alla manovra di finanza
pubblica, ciascuno dei quali reca disposizioni omogenee per
materia, tenendo conto delle competenze delle
amministrazioni, e concorre al raggiungimento degli
obiettivi programmatici, con esclusione di quelli relativi
alla fissazione dei saldi di cui all’articolo 11, comma 1,
nonche’ all’attuazione del Programma nazionale di riforma
di cui all’articolo 9, comma 1, anche attraverso interventi
di carattere ordinamentale, organizzatorio ovvero di
rilancio e sviluppo dell’economia. I regolamenti
parlamentari determinano le procedure e i termini per
l’esame dei disegni di legge collegati.
7. Il Ministro dello sviluppo economico presenta alle
Camere, entro il 10 aprile dell’anno successivo a quello di
riferimento, in allegato al DEF, un’unica relazione di
sintesi sugli interventi realizzati nelle aree
sottoutilizzate, evidenziando il contributo dei fondi
nazionali addizionali, e sui risultati conseguiti, con
particolare riguardo alla coesione sociale e alla
sostenibilita’ ambientale, nonche’ alla ripartizione
territoriale degli interventi.
8. In allegato al DEF e’ presentato il programma
predisposto ai sensi dell’articolo 1, comma 1, della legge
21 dicembre 2001, n. 443, e successive modificazioni,
nonche’ lo stato di avanzamento del medesimo programma
relativo all’anno precedente, predisposto dal Ministro
delle infrastrutture e dei trasporti.
9. In allegato al DEF e’ presentato un documento,
predisposto dal Ministro dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare, sentiti gli altri Ministri
interessati, sullo stato di attuazione degli impegni per la
riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra, in
coerenza con gli obblighi internazionali assunti
dall’Italia in sede europea e internazionale, e sui
relativi indirizzi.
10. In apposito allegato al DEF, in relazione alla
spesa del bilancio dello Stato, sono esposte, con
riferimento agli ultimi dati di consuntivo disponibili,
distinte tra spese correnti e spese in conto capitale, le
risorse destinate alle singole regioni, con separata
evidenza delle categorie economiche relative ai
trasferimenti correnti e in conto capitale agli enti
locali, e alle province autonome di Trento e di Bolzano.
11. Il Ministro dell’economia e delle finanze, entro il
30 giugno di ogni anno, a integrazione del DEF, trasmette
alle Camere un apposito allegato in cui sono riportati i
risultati del monitoraggio degli effetti sui saldi di
finanza pubblica, sia per le entrate sia per le spese,
derivanti dalle misure contenute nelle manovre di bilancio
adottate anche in corso d’anno, che il Dipartimento della
Ragioneria generale dello Stato e il Dipartimento delle
finanze del Ministero dell’economia e delle finanze sono
tenuti ad assicurare; sono inoltre indicati gli scostamenti
rispetto alle valutazioni originarie e le relative
motivazioni.»;
« Art. 10-bis. Nota di aggiornamento del Documento di
economia e finanza
1. La Nota di aggiornamento del DEF contiene:
a) l’eventuale aggiornamento degli obiettivi
programmatici di cui all’articolo 10, comma 2, lettera e),
al fine di stabilire una diversa articolazione di tali
obiettivi tra i sottosettori di cui all’articolo 10, comma
2, lettera a), ovvero di recepire raccomandazioni approvate
dal Consiglio dell’Unione europea, nonche’ delle previsioni
macroeconomiche e di finanza pubblica per l’anno in corso e
per il restante periodo di riferimento;
b) in valore assoluto, gli obiettivi di saldo netto da
finanziare del bilancio dello Stato e di saldo di cassa del
settore statale;
c) le osservazioni e le eventuali modifiche e
integrazioni del DEF in relazione alle raccomandazioni del
Consiglio dell’Unione europea relative al Programma di
stabilita’ e al Programma nazionale di riforma di cui
all’articolo 9, comma 1;
d) in coerenza con gli obiettivi di cui all’articolo
10, comma 2, lettera e), e con i loro eventuali
aggiornamenti, il contenuto del Patto di stabilita’ interno
e le sanzioni previste ai sensi dell’articolo 17, comma 1,
lettera e), della legge 5 maggio 2009, n. 42, da applicare
nel caso di mancato rispetto di quanto previsto dal Patto
di stabilita’ interno, nonche’ il contenuto del Patto di
convergenza e le misure atte a realizzare il percorso di
convergenza previsto dall’articolo 18 della citata legge n.
42 del 2009, come modificato dall’articolo 51, comma 3,
della presente legge.
2. Qualora si renda necessario procedere a una modifica
degli obiettivi di finanza pubblica, entro il 10 settembre
il Governo, in attuazione di quanto previsto dall’articolo
5, comma 1, lettera a), della legge 5 maggio 2009, n. 42,
invia alla Conferenza permanente per il coordinamento della
finanza pubblica, per il preventivo parere, da esprimere
entro il 15 settembre, le linee guida per la ripartizione
degli obiettivi di cui all’articolo 10, comma 2, lettera
e), della presente legge. Entro il medesimo termine del 10
settembre le linee guida sono trasmesse alle Camere. Alle
Camere e’ altresi’ trasmesso il parere di cui al primo
periodo.
3. La Nota di aggiornamento di cui al comma 1 e’
corredata delle relazioni programmatiche sulle spese di
investimento per ciascuna missione di spesa del bilancio
dello Stato e delle relazioni sullo stato di attuazione
delle relative leggi pluriennali. Per ciascuna legge
pluriennale di spesa in scadenza, il Ministro competente
valuta se permangono le ragioni che a suo tempo ne avevano
giustificato l’adozione, tenuto anche conto dei nuovi
programmi da avviare.
4. Alle relazioni di cui al comma 3 il Ministro
dell’economia e delle finanze allega un quadro riassuntivo
di tutte le leggi di spesa a carattere pluriennale, con
indicazione, per ciascuna legge, degli eventuali rinnovi e
della relativa scadenza, delle somme complessivamente
autorizzate, indicando quelle effettivamente erogate e i
relativi residui di ciascun anno, nonche’ quelle che
restano ancora da erogare.
5. In apposita sezione del quadro riassuntivo di cui al
comma 4 e’ esposta, in allegato, la ricognizione dei
contributi pluriennali iscritti nel bilancio dello Stato,
con specifica indicazione di quelli attivati e delle
eventuali ulteriori risorse, anche non statali, che
concorrono al finanziamento dell’opera nonche’
dell’ammontare utilizzato. Entro il 30 giugno i Ministeri
competenti comunicano al Ministero dell’economia e delle
finanze tutti i dati necessari alla predisposizione
dell’allegato di cui al presente comma. A seguito della
completa attivazione delle procedure di monitoraggio di cui
all’articolo 30, comma 9, lettera f), la sezione di cui al
primo periodo da’ inoltre conto della valutazione degli
effetti sui saldi di finanza pubblica dei contributi
pluriennali iscritti nel bilancio dello Stato.
6. Fermo restando quanto previsto dal comma 1, il
Governo, qualora per finalita’ analoghe a quelle di cui al
medesimo comma 1, lettera a), ovvero per il verificarsi di
eventi eccezionali, intenda aggiornare gli obiettivi di cui
all’articolo 10, comma 2, lettera e), ovvero in caso di
scostamenti rilevanti degli andamenti di finanza pubblica
rispetto ai medesimi obiettivi che rendano necessari
interventi correttivi, trasmette una relazione al
Parlamento nella quale indica le ragioni dell’aggiornamento
ovvero degli scostamenti, nonche’ gli interventi correttivi
che si prevede di adottare.
7. In allegato alla Nota di aggiornamento di cui al
comma 1 sono indicati eventuali disegni di legge collegati,
con i requisiti di cui all’articolo 10, comma 6.».
– Si riporta il testo dell’art. 8 del citato decreto
legislativo n. 281 del 1997:
« Art. 8. Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali e
Conferenza unificata
1. La Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali e’
unificata per le materie ed i compiti di interesse comune
delle regioni, delle province, dei comuni e delle comunita’
montane, con la Conferenza Stato-regioni.
2. La Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali e’
presieduta dal Presidente del Consiglio dei Ministri o, per
sua delega, dal Ministro dell’interno o dal Ministro per
gli affari regionali nella materia di rispettiva
competenza; ne fanno parte altresi’ il Ministro del tesoro
e del bilancio e della programmazione economica, il
Ministro delle finanze, il Ministro dei lavori pubblici, il
Ministro della sanita’, il presidente dell’Associazione
nazionale dei comuni d’Italia – ANCI, il presidente
dell’Unione province d’Italia – UPI ed il presidente
dell’Unione nazionale comuni, comunita’ ed enti montani –
UNCEM. Ne fanno parte inoltre quattordici sindaci designati
dall’ANCI e sei presidenti di provincia designati dall’UPI.
Dei quattordici sindaci designati dall’ANCI cinque
rappresentano le citta’ individuate dall’articolo 17 della
legge 8 giugno 1990, n. 142. Alle riunioni possono essere
invitati altri membri del Governo, nonche’ rappresentanti
di amministrazioni statali, locali o di enti pubblici.
3. La Conferenza Stato-citta’ ed autonomie locali e’
convocata almeno ogni tre mesi, e comunque in tutti i casi
il presidente ne ravvisi la necessita’ o qualora ne faccia
richiesta il presidente dell’ANCI, dell’UPI o dell’UNCEM.
4. La Conferenza unificata di cui al comma 1 e’
convocata dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Le
sedute sono presiedute dal Presidente del Consiglio dei
Ministri o, su sua delega, dal Ministro per gli affari
regionali o, se tale incarico non e’ conferito, dal
Ministro dell’interno.».

Art. 6

Contratto istituzionale di sviluppo

1. Per le finalita’ di cui all’articolo 1, nonche’ allo scopo di
accelerare la realizzazione degli interventi di cui al presente
decreto e di assicurare la qualita’ della spesa pubblica, il Ministro
delegato, d’intesa con il Ministro dell’economia e delle finanze e
con gli altri Ministri interessati, stipula con le Regioni e le
amministrazioni competenti un “contratto istituzionale di sviluppo”
che destina le risorse del Fondo assegnate dal CIPE e individua
responsabilita’, tempi e modalita’ di attuazione degli interventi.
2. Il contratto istituzionale di sviluppo, esplicita, per ogni
intervento o categoria di interventi o programma, il soddisfacimento
dei criteri di ammissibilita’ di cui all’articolo 5, comma 4, e
definisce il cronoprogramma, le responsabilita’ dei contraenti, i
criteri di valutazione e di monitoraggio e le sanzioni per le
eventuali inadempienze, prevedendo anche le condizioni di
definanziamento anche parziale degli interventi ovvero la
attribuzione delle relative risorse ad altro livello di governo, nel
rispetto del principio di sussidiarieta’. In caso di partecipazione
dei concessionari di servizi pubblici, competenti in relazione
all’intervento o alla categoria di interventi o al programma da
realizzare, il contratto istituzionale di sviluppo definisce le
attivita’ che sono eseguite dai predetti concessionari, il relativo
cronoprogramma, meccanismi di controllo delle attivita’ loro
demandate, sanzioni e garanzie in caso di inadempienza, nonche’
apposite procedure sostitutive finalizzate ad assicurare il rispetto
degli impegni assunti inserendo a tal fine obbligatoriamente, nei
contratti con i concessionari, clausole inderogabili di
responsabilita’ civile e di decadenza. Il contratto istituzionale di
sviluppo puo’ prevedere, tra le modalita’ attuative, che le
amministrazioni centrali e regionali si avvalgano di organismi di
diritto pubblico in possesso dei necessari requisiti di competenza e
professionalita’.
3. La progettazione, l’approvazione e la realizzazione degli
interventi individuati nel contratto istituzionale di sviluppo e’
disciplinata dalle norme di cui alla parte II, titolo III, capo IV,
del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163. Nei giudizi che
riguardano le procedure di progettazione, approvazione e
realizzazione degli interventi individuati nel contratto
istituzionale di sviluppo si applicano le disposizioni di cui
all’articolo 125 del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104. Per i
medesimi interventi, si applicano le vigenti disposizioni in materia
di prevenzione e repressione della criminalita’ organizzata e dei
tentativi di infiltrazione mafiosa, ivi comprese quelle concernenti
le comunicazioni e informazioni antimafia.
4. Le risorse del Fondo sono trasferite ai soggetti assegnatari, in
relazione allo stato di avanzamento della spesa, in appositi fondi a
destinazione vincolata alle finalita’ approvate, che garantiscono la
piena tracciabilita’ delle risorse attribuite, anche in linea con le
procedure previste dall’articolo 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136
e dall’articolo 30 della legge 31 dicembre 2009, n. 196. I soggetti
assegnatari, al fine di garantire la specialita’ e l’addizionalita’
degli interventi, iscrivono nei relativi bilanci i Fondi a
destinazione vincolata di cui al primo periodo, attribuendo loro
un’autonoma evidenza contabile e specificando, nella relativa
denominazione, che gli stessi sono costituiti da risorse derivanti
dal Fondo.
5. L’attuazione degli interventi e’ coordinata e vigilata dal
Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica, di seguito
denominato “Dipartimento”, che controlla, monitora e valuta gli
obiettivi raggiunti anche mediante forme di cooperazione con le
amministrazioni statali, centrali e periferiche, regionali e locali e
in raccordo con i Nuclei di valutazione delle amministrazioni statali
e delle Regioni, assicurando, altresi’, il necessario supporto
tecnico e operativo senza nuovi o maggiori oneri nell’ambito delle
competenze istituzionali. Le amministrazioni interessate effettuano i
controlli necessari al fine di garantire la correttezza e la
regolarita’ della spesa e partecipano al sistema di monitoraggio
unitario di cui al Quadro Strategico Nazionale 2007/2013 previsto, a
legislazione vigente, presso la Ragioneria Generale dello Stato
secondo le procedure vigenti e, ove previsto, al sistema di
monitoraggio del Dipartimento, senza nuovi o maggiori oneri per la
finanza pubblica. I sistemi informativi garantiscono la
tracciabilita’ dei flussi finanziari comunitari e nazionali fino alla
realizzazione materiale dell’intervento anche ai sensi della legge n.
196 del 2009, assicurando, sulla base di apposite intese, l’accesso a
tali informazioni da parte della Camera dei deputati, del Senato
della Repubblica e della Corte dei conti.
6. In caso di inerzia o inadempimento delle amministrazioni
pubbliche responsabili degli interventi individuati ai sensi del
presente decreto, anche con riferimento al mancato rispetto delle
scadenze del cronoprogramma e, comunque, ove si renda necessario al
fine di evitare il disimpegno automatico dei fondi erogati
dall’Unione europea, il Governo, al fine di assicurare la
competitivita’, la coesione e l’unita’ economica del Paese, esercita
il potere sostitutivo ai sensi dell’articolo 120, comma secondo,
della Costituzione secondo le modalita’ procedurali individuate
dall’articolo 8 della legge 5 giugno 2003, n. 131, e dagli articoli 5
e 11 della legge n. 400 del 1988 e dalle vigenti disposizioni in
materia di interventi sostitutivi finalizzati all’esecuzione di opere
e di investimenti nel caso di inadempienza di amministrazioni statali
ovvero di quanto previsto dai contratti istituzionali di sviluppo e
dalle concessioni nel caso di inadempienza dei concessionari di
servizi pubblici, anche attraverso la nomina di un commissario
straordinario, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica,
il quale cura tutte le attivita’ di competenza delle amministrazioni
pubbliche occorrenti all’autorizzazione e all’effettiva realizzazione
degli interventi programmati, nel limite delle risorse allo scopo
finalizzate.

Note all’art. 6:
– Il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (Codice
dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e
forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e
2004/18/CE) e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, 2
maggio 2006, n. 100.
– Si riporta il testo dell’art. 125 del decreto
legislativo 2 luglio 2010, n. 104 (Attuazione dell’articolo
44 della legge 18 giugno 2009, n. 69, recante delega al
governo per il riordino del processo amministrativo.):
«Art. 125. Ulteriori disposizioni processuali per le
controversie relative a infrastrutture strategiche
1. Nei giudizi che riguardano le procedure di
progettazione, approvazione, e realizzazione delle
infrastrutture e degli insediamenti produttivi e relative
attivita’ di espropriazione, occupazione e asservimento, di
cui alla parte II, titolo III, capo IV del decreto
legislativo 12 aprile 2006, n. 163, oltre alle disposizioni
del presente Capo, con esclusione dell’articolo 122, si
applicano le seguenti previsioni.
2. In sede di pronuncia del provvedimento cautelare, si
tiene conto delle probabili conseguenze del provvedimento
stesso per tutti gli interessi che possono essere lesi,
nonche’ del preminente interesse nazionale alla sollecita
realizzazione dell’opera, e, ai fini dell’accoglimento
della domanda cautelare, si valuta anche la irreparabilita’
del pregiudizio per il ricorrente, il cui interesse va
comunque comparato con quello del soggetto aggiudicatore
alla celere prosecuzione delle procedure.
3. Ferma restando l’applicazione degli articoli 121 e
123, al di fuori dei casi in essi contemplati la
sospensione o l’annullamento dell’affidamento non comporta
la caducazione del contratto gia’ stipulato, e il
risarcimento del danno eventualmente dovuto avviene solo
per equivalente. Si applica l’articolo 34, comma 3.
4. Le disposizioni del comma 3 si applicano anche alle
controversie relative alle procedure di cui all’articolo
140 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.».
– Si riporta il testo dell’articolo 3 della legge 13
agosto 2010, n. 136 (Piano straordinario contro le mafie,
nonche’ delega al Governo in materia di normativa
antimafia):
«Art. 3. Tracciabilita’ dei flussi finanziari
1. Per assicurare la tracciabilita’ dei flussi
finanziari finalizzata a prevenire infiltrazioni criminali,
gli appaltatori, i subappaltatori e i subcontraenti della
filiera delle imprese nonche’ i concessionari di
finanziamenti pubblici anche europei a qualsiasi titolo
interessati ai lavori, ai servizi e alle forniture pubblici
devono utilizzare uno o piu’ conti correnti bancari o
postali, accesi presso banche o presso la societa’ Poste
italiane Spa, dedicati, anche non in via esclusiva, fermo
restando quanto previsto dal comma 5, alle commesse
pubbliche. Tutti i movimenti finanziari relativi ai lavori,
ai servizi e alle forniture pubblici nonche’ alla gestione
dei finanziamenti di cui al primo periodo devono essere
registrati sui conti correnti dedicati e, salvo quanto
previsto al comma 3, devono essere effettuati
esclusivamente tramite lo strumento del bonifico bancario o
postale, ovvero con altri strumenti di incasso o di
pagamento idonei a consentire la piena tracciabilita’ delle
operazioni.
2. I pagamenti destinati a dipendenti, consulenti e
fornitori di beni e servizi rientranti tra le spese
generali nonche’ quelli destinati alla provvista di
immobilizzazioni tecniche sono eseguiti tramite conto
corrente dedicato di cui al comma 1, anche con strumenti
diversi dal bonifico bancario o postale purche’ idonei a
garantire la piena tracciabilita’ delle operazioni per
l’intero importo dovuto, anche se questo non e’ riferibile
in via esclusiva alla realizzazione degli interventi di cui
al medesimo comma 1.
3. I pagamenti in favore di enti previdenziali,
assicurativi e istituzionali, nonche’ quelli in favore di
gestori e fornitori di pubblici servizi, ovvero quelli
riguardanti tributi, possono essere eseguiti anche con
strumenti diversi dal bonifico bancario o postale, fermo
restando l’obbligo di documentazione della spesa. Per le
spese giornaliere, di importo inferiore o uguale a 1.500
euro, relative agli interventi di cui al comma 1, possono
essere utilizzati sistemi diversi dal bonifico bancario o
postale, fermi restando il divieto di impiego del contante
e l’obbligo di documentazione della spesa. L’eventuale
costituzione di un fondo cassa cui attingere per spese
giornaliere, salvo l’obbligo di rendicontazione, deve
essere effettuata tramite bonifico bancario o postale o
altro strumento di pagamento idoneo a consentire la
tracciabilita’ delle operazioni, in favore di uno o piu’
dipendenti.
4. Ove per il pagamento di spese estranee ai lavori, ai
servizi e alle forniture di cui al comma 1 sia necessario
il ricorso a somme provenienti da conti correnti dedicati
di cui al medesimo comma 1, questi ultimi possono essere
successivamente reintegrati mediante bonifico bancario o
postale, ovvero con altri strumenti di incasso o di
pagamento idonei a consentire la piena tracciabilita’ delle
operazioni.
5. Ai fini della tracciabilita’ dei flussi finanziari,
gli strumenti di pagamento devono riportare, in relazione a
ciascuna transazione posta in essere dalla stazione
appaltante e dagli altri soggetti di cui al comma 1, il
codice identificativo di gara (CIG), attribuito
dall’Autorita’ di vigilanza sui contratti pubblici di
lavori, servizi e forniture su richiesta della stazione
appaltante e, ove obbligatorio ai sensi dell’articolo 11
della legge 16 gennaio 2003, n. 3, il codice unico di
progetto (CUP). In regime transitorio, sino all’adeguamento
dei sistemi telematici delle banche e della societa’ Poste
italiane Spa, il CUP puo’ essere inserito nello spazio
destinato alla trascrizione della motivazione del
pagamento.
6. La stazione appaltante richiede il CUP alla
struttura di supporto CUP, operativa presso il Dipartimento
per la programmazione e il coordinamento della politica
economica della Presidenza del Consiglio dei ministri.
7. I soggetti di cui al comma 1 comunicano alla
stazione appaltante o all’amministrazione concedente gli
estremi identificativi dei conti correnti dedicati di cui
al medesimo comma 1 entro sette giorni dalla loro
accensione o, nel caso di conti correnti gia’ esistenti,
dalla loro prima utilizzazione in operazioni finanziarie
relative ad una commessa pubblica, nonche’, nello stesso
termine, le generalita’ e il codice fiscale delle persone
delegate ad operare su di essi. Gli stessi soggetti
provvedono, altresi’, a comunicare ogni modifica relativa
ai dati trasmessi.
8. La stazione appaltante, nei contratti sottoscritti
con gli appaltatori relativi ai lavori, ai servizi e alle
forniture di cui al comma 1, inserisce, a pena di nullita’
assoluta, un’apposita clausola con la quale essi assumono
gli obblighi di tracciabilita’ dei flussi finanziari di cui
alla presente legge. L’appaltatore, il subappaltatore o il
subcontraente che ha notizia dell’inadempimento della
propria controparte agli obblighi di tracciabilita’
finanziaria di cui al presente articolo ne da’ immediata
comunicazione alla stazione appaltante e alla
prefettura-ufficio territoriale del Governo della provincia
ove ha sede la stazione appaltante o l’amministrazione
concedente.
9. La stazione appaltante verifica che nei contratti
sottoscritti con i subappaltatori e i subcontraenti della
filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate ai
lavori, ai servizi e alle forniture di cui al comma 1 sia
inserita, a pena di nullita’ assoluta, un’apposita clausola
con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di
tracciabilita’ dei flussi finanziari di cui alla presente
legge.
9-bis. Il mancato utilizzo del bonifico bancario o
postale ovvero degli altri strumenti idonei a consentire la
piena tracciabilita’ delle operazioni costituisce causa di
risoluzione del contratto.».
– Si riporta il testo dell’articolo 30 della citata
legge n. 196 del 2009:
«Art. 30. Leggi di spesa pluriennale e a carattere
permanente
1. Le leggi pluriennali di spesa in conto capitale
quantificano la spesa complessiva, l’onere per competenza
relativo al primo anno di applicazione, nonche’ le quote di
competenza attribuite a ciascuno degli anni considerati nel
bilancio pluriennale; la legge di stabilita’ puo’
annualmente rimodulare le quote previste per ciascuno degli
anni considerati nel bilancio pluriennale, nei limiti
dell’autorizzazione complessiva ai sensi dell’articolo 11,
comma 3, lettera e).
2. Le amministrazioni pubbliche possono stipulare
contratti o comunque assumere impegni nei limiti
dell’intera somma indicata dalle leggi di cui al comma 1
ovvero nei limiti indicati nella legge di stabilita’. I
relativi pagamenti devono, comunque, essere contenuti nei
limiti delle autorizzazioni annuali di bilancio.
3. Le leggi di spesa che autorizzano l’iscrizione in
bilancio di contributi pluriennali stabiliscono anche,
qualora la natura degli interventi lo richieda, le relative
modalita’ di utilizzo, mediante:
a) autorizzazione concessa al beneficiario, a valere
sul contributo stesso, a stipulare operazioni di mutui con
istituti di credito il cui onere di ammortamento e’ posto a
carico dello Stato. In tal caso il debito si intende
assunto dallo Stato che provvede, attraverso specifica
delega del beneficiario medesimo, ad erogare il contributo
direttamente all’istituto di credito;
b) spesa ripartita da erogare al beneficiario secondo
le cadenze temporali stabilite dalla legge.
4. Nel caso si proceda all’utilizzo dei contributi
pluriennali secondo le modalita’ di cui al comma 3, lettera
a), al momento dell’attivazione dell’operazione le
amministrazioni che erogano il contributo sono tenute a
comunicare al Ministero dell’economia e delle finanze –
Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato il piano
di ammortamento del mutuo con distinta indicazione della
quota capitale e della quota interessi. Sulla base di tale
comunicazione il Ministero procede a iscrivere il
contributo tra le spese per interessi passivi e il rimborso
di passivita’ finanziarie.
5. La disposizione di cui al comma 4 si applica anche a
tutti i contributi pluriennali iscritti in bilancio per i
quali siano gia’ state attivate alla data di entrata in
vigore della presente legge in tutto o in parte le relative
operazioni di mutuo.
6. Le leggi di spesa a carattere permanente
quantificano l’onere annuale previsto per ciascuno degli
esercizi compresi nel bilancio pluriennale. Esse indicano
inoltre l’onere a regime ovvero, nel caso in cui non si
tratti di spese obbligatorie, possono rinviare le
quantificazioni dell’onere annuo alla legge di stabilita’ a
norma dell’articolo 11, comma 3, lettera d). Nel caso in
cui l’onere a regime e’ superiore a quello indicato per il
terzo anno del triennio di riferimento, la copertura segue
il profilo temporale dell’onere.
7. Il disegno di legge di stabilita’ indica, in
apposito allegato, per ciascuna legge di spesa pluriennale
di cui all’articolo 11, comma 3, lettera e), i residui di
stanziamento in essere al 30 giugno dell’anno in corso e,
ove siano previsti versamenti in conti correnti o
contabilita’ speciali di tesoreria, le giacenze in essere
alla medesima data.
8. Il Governo e’ delegato ad adottare, entro
ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore della
presente legge, uno o piu’ decreti legislativi al fine di
garantire la razionalizzazione, la trasparenza,
l’efficienza e l’efficacia delle procedure di spesa
relative ai finanziamenti in conto capitale destinati alla
realizzazione di opere pubbliche.
9. I decreti legislativi di cui al comma 8 sono emanati
nel rispetto dei seguenti principi e criteri direttivi:
a) introduzione della valutazione nella fase di
pianificazione delle opere al fine di consentire procedure
di confronto e selezione dei progetti e definizione delle
priorita’, in coerenza, per quanto riguarda le
infrastrutture strategiche, con i criteri adottati nella
definizione del programma di cui all’articolo 1, comma 1,
della legge 21 dicembre 2001, n. 443, e successive
modificazioni;
b) predisposizione da parte del Ministero competente di
linee guida obbligatorie e standardizzate per la
valutazione degli investimenti;
c) garanzia di indipendenza e professionalita’ dei
valutatori anche attraverso l’utilizzo di competenze
interne agli organismi di valutazione esistenti, con il
ricorso a competenze esterne solo qualora manchino adeguate
professionalita’ e per valutazioni particolarmente
complesse;
d) potenziamento e sistematicita’ della valutazione ex
post sull’efficacia e sull’utilita’ degli interventi
infrastrutturali, rendendo pubblici gli scostamenti
rispetto alle valutazioni ex ante;
e) separazione del finanziamento dei progetti da quello
delle opere attraverso la costituzione di due appositi
fondi. Al «fondo progetti» si accede a seguito dell’esito
positivo della procedura di valutazione tecnico-economica
degli studi di fattibilita’; al «fondo opere» si accede
solo dopo il completamento della progettazione definitiva;
f) adozione di regole trasparenti per le informazioni
relative al finanziamento e ai costi delle opere;
previsione dell’invio di relazioni annuali in formato
telematico alle Camere e procedure di monitoraggio sullo
stato di attuazione delle opere e dei singoli interventi
con particolare riferimento ai costi complessivi sostenuti
e ai risultati ottenuti relativamente all’effettivo stato
di realizzazione delle opere;
g) previsione di un sistema di verifica per l’utilizzo
dei finanziamenti nei tempi previsti con automatico
definanziamento in caso di mancato avvio delle opere entro
i termini stabiliti.
10. Gli schemi dei decreti legislativi di cui al comma
8 sono trasmessi alla Camera dei deputati e al Senato della
Repubblica affinche’ su di essi sia espresso il parere
delle Commissioni parlamentari competenti per materia e per
i profili finanziari entro sessanta giorni dalla
trasmissione. Decorso tale termine, i decreti possono
essere comunque adottati.
11. Per i tre esercizi finanziari successivi a quello
in corso alla data di entrata in vigore della presente
legge, su proposta adeguatamente motivata dei Ministri
competenti, che illustri lo stato di attuazione dei
programmi di spesa e i relativi tempi di realizzazione, il
Ministro dell’economia e delle finanze, previa valutazione
delle cause che ne determinano la necessita’ e al fine di
evitare l’insorgenza di possibili contenziosi con
conseguenti oneri, puo’ prorogare di un ulteriore anno i
termini di conservazione dei residui passivi relativi a
spese in conto capitale ».
– Per il testo dell’art. 120, comma secondo, della
Costituzione, si veda nelle note alle premesse.
– Si riporta il testo dell’art. 8 della legge 5 giugno
2003, n. 131 (Disposizioni per l’adeguamento
dell’ordinamento della Repubblica alla L.Cost. 18 ottobre
2001, n. 3):
«Art. 8. Attuazione dell’articolo 120 della
Costituzione sul potere sostitutivo
1. Nei casi e per le finalita’ previsti dall’articolo
120, secondo comma, della Costituzione, il Presidente del
Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro competente
per materia, anche su iniziativa delle Regioni o degli enti
locali, assegna all’ente interessato un congruo termine per
adottare i provvedimenti dovuti o necessari; decorso
inutilmente tale termine, il Consiglio dei ministri,
sentito l’organo interessato, su proposta del Ministro
competente o del Presidente del Consiglio dei ministri,
adotta i provvedimenti necessari, anche normativi, ovvero
nomina un apposito commissario. Alla riunione del Consiglio
dei ministri partecipa il Presidente della Giunta regionale
della Regione interessata al provvedimento.
2. Qualora l’esercizio del potere sostitutivo si renda
necessario al fine di porre rimedio alla violazione della
normativa comunitaria, gli atti ed i provvedimenti di cui
al comma 1 sono adottati su proposta del Presidente del
Consiglio dei ministri o del Ministro per le politiche
comunitarie e del Ministro competente per materia.
L’articolo 11 della legge 9 marzo 1989, n. 86, e’ abrogato.
3. Fatte salve le competenze delle Regioni a statuto
speciale, qualora l’esercizio dei poteri sostitutivi
riguardi Comuni, Province o Citta’ metropolitane, la nomina
del commissario deve tenere conto dei principi di
sussidiarieta’ e di leale collaborazione. Il commissario
provvede, sentito il Consiglio delle autonomie locali
qualora tale organo sia stato istituito.
4. Nei casi di assoluta urgenza, qualora l’intervento
sostitutivo non sia procrastinabile senza mettere in
pericolo le finalita’ tutelate dall’articolo 120 della
Costituzione, il Consiglio dei ministri, su proposta del
Ministro competente, anche su iniziativa delle Regioni o
degli enti locali, adotta i provvedimenti necessari, che
sono immediatamente comunicati alla Conferenza
Stato-Regioni o alla Conferenza Stato-Citta’ e autonomie
locali, allargata ai rappresentanti delle Comunita’
montane, che possono chiederne il riesame.
5. I provvedimenti sostitutivi devono essere
proporzionati alle finalita’ perseguite.
6. Il Governo puo’ promuovere la stipula di intese in
sede di Conferenza Stato-Regioni o di Conferenza unificata,
dirette a favorire l’armonizzazione delle rispettive
legislazioni o il raggiungimento di posizioni unitarie o il
conseguimento di obiettivi comuni; in tale caso e’ esclusa
l’applicazione dei commi 3 e 4 dell’articolo 3 del decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281. Nelle materie di cui
all’articolo 117, terzo e quarto comma, della Costituzione
non possono essere adottati gli atti di indirizzo e di
coordinamento di cui all’articolo 8 della legge 15 marzo
1997, n. 59, e all’articolo 4 del decreto legislativo 31
marzo 1998, n. 112».
– Si riporta il testo degli articoli 5 e 11 della legge
23 agosto 1988, n. 400, (Disciplina dell’attivita’ di
Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei
Ministri):
«Art 5. Attribuzioni del Presidente del Consiglio dei
Ministri
1. Il Presidente del Consiglio dei ministri a nome del
Governo:
a) comunica alle Camere la composizione del Governo e
ogni mutamento in essa intervenuto;
b) chiede la fiducia sulle dichiarazioni di cui alla
lettera a) del comma 3 dell’articolo 2 e pone, direttamente
o a mezzo di un ministro espressamente delegato, la
questione di fiducia;
c) sottopone al Presidente della Repubblica le leggi
per la promulgazione; in seguito alla deliberazione del
Consiglio dei ministri, i disegni di legge per la
presentazione alle Camere e, per l’emanazione, i testi dei
decreti aventi valore o forza di legge, dei regolamenti
governativi e degli altri atti indicati dalle leggi;
d) controfirma gli atti di promulgazione delle leggi
nonche’ ogni atto per il quale e’ intervenuta deliberazione
del Consiglio dei ministri, gli atti che hanno valore o
forza di legge e, insieme con il ministro proponente, gli
altri atti indicati dalla legge;
e) presenta alle Camere i disegni di legge di
iniziativa governativa e, anche attraverso il ministro
espressamente delegato, esercita le facolta’ del Governo di
cui all’articolo 72 della Costituzione;
f) esercita le attribuzioni di cui alla legge 11 marzo
1953, n. 87, e promuove gli adempimenti di competenza
governativa conseguenti alle decisioni della Corte
costituzionale. Riferisce inoltre periodicamente al
Consiglio dei ministri, e ne da’ comunicazione alle Camere,
sullo stato del contenzioso costituzionale, illustrando le
linee seguite nelle determinazioni relative agli interventi
nei giudizi dinanzi alla Corte costituzionale. Segnala
altresi’, anche su proposta dei ministri competenti, i
settori della legislazione nei quali, in relazione alle
questioni di legittimita’ costituzionale pendenti, sia
utile valutare l’opportunita’ di iniziative legislative del
Governo.
2. Il Presidente del Consiglio dei ministri, ai sensi
dell’articolo 95, primo comma, della Costituzione:
a) indirizza ai ministri le direttive politiche ed
amministrative in attuazione delle deliberazioni del
Consiglio dei ministri nonche’ quelle connesse alla propria
responsabilita’ di direzione della politica generale del
Governo;
b) coordina e promuove l’attivita’ dei ministri in
ordine agli atti che riguardano la politica generale del
Governo;
c) puo’ sospendere l’adozione di atti da parte dei
ministri competenti in ordine a questioni politiche e
amministrative, sottoponendoli al Consiglio dei ministri
nella riunione immediatamente successiva;
c-bis) puo’ deferire al Consiglio dei Ministri, ai fini
di una complessiva valutazione ed armonizzazione degli
interessi pubblici coinvolti, la decisione di questioni
sulle quali siano emerse valutazioni contrastanti tra
amministrazioni a diverso titolo competenti in ordine alla
definizione di atti e provvedimenti;
d) concorda con i ministri interessati le pubbliche
dichiarazioni che essi intendano rendere ogni qualvolta,
eccedendo la normale responsabilita’ ministeriale, possano
impegnare la politica generale del Governo;
e) adotta le direttive per assicurare l’imparzialita’,
il buon andamento e l’efficienza degli uffici pubblici e
promuove le verifiche necessarie; in casi di particolare
rilevanza puo’ richiedere al ministro competente relazioni
e verifiche amministrative;
f) promuove l’azione dei ministri per assicurare che le
aziende e gli enti pubblici svolgano la loro attivita’
secondo gli obiettivi indicati dalle leggi che ne
definiscono l’autonomia e in coerenza con i conseguenti
indirizzi politici e amministrativi del Governo;
g) esercita le attribuzioni conferitegli dalla legge in
materia di servizi di sicurezza e di segreto di Stato;
h) puo’ disporre, con proprio decreto, l’istituzione di
particolari Comitati di ministri, con il compito di
esaminare in via preliminare questioni di comune
competenza, di esprimere parere su direttive dell’attivita’
del Governo e su problemi di rilevante importanza da
sottoporre al Consiglio dei ministri, eventualmente
avvalendosi anche di esperti non appartenenti alla pubblica
amministrazione;
i) puo’ disporre la costituzione di gruppi di studio e
di lavoro composti in modo da assicurare la presenza di
tutte le competenze dicasteriali interessate ed
eventualmente di esperti anche non appartenenti alla
pubblica amministrazione.
3. Il Presidente del Consiglio dei ministri,
direttamente o conferendone delega ad un ministro:
a) promuove e coordina l’azione del Governo relativa
alle politiche comunitarie e assicura la coerenza e la
tempestivita’ dell’azione di Governo e della pubblica
amministrazione nell’attuazione delle politiche
comunitarie, riferendone periodicamente alle Camere;
promuove gli adempimenti di competenza governativa
conseguenti alle pronunce della Corte di giustizia delle
Comunita’ europee; cura la tempestiva comunicazione alle
Camere dei procedimenti normativi in corso nelle Comunita’
europee, informando il Parlamento delle iniziative e
posizioni assunte dal Governo nelle specifiche materie;
a-bis) promuove gli adempimenti di competenza
governativa conseguenti alle pronunce della Corte europea
dei diritti dell’uomo emanate nei confronti dello Stato
italiano; comunica tempestivamente alle Camere le medesime
pronunce ai fini dell’esame da parte delle competenti
Commissioni parlamentari permanenti e presenta annualmente
al Parlamento una relazione sullo stato di esecuzione delle
suddette pronunce;
b) promuove e coordina l’azione del Governo per quanto
attiene ai rapporti con le regioni e le province autonome
di Trento e di Bolzano e sovraintende all’attivita’ dei
commissari del Governo.
4. Il Presidente del Consiglio dei ministri esercita le
altre attribuzioni conferitegli dalla legge.»;
«Art. 11. Commissari straordinari del Governo
1. Al fine di realizzare specifici obiettivi
determinati in relazione a programmi o indirizzi deliberati
dal Parlamento o dal Consiglio dei ministri o per
particolari e temporanee esigenze di coordinamento
operativo tra amministrazioni statali, puo’ procedersi alla
nomina di commissari straordinari del Governo, ferme
restando le attribuzioni dei Ministeri, fissate per legge.
2. La nomina e’ disposta con decreto del Presidente
della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio
dei ministri, previa deliberazione del Consiglio dei
ministri. Con il medesimo decreto sono determinati i
compiti del commissario e le dotazioni di mezzi e di
personale. L’incarico e’ conferito per il tempo indicato
nel decreto di nomina, salvo proroga o revoca. Del
conferimento dell’incarico e’ data immediata comunicazione
al Parlamento e notizia nella Gazzetta Ufficiale.
3. Sull’attivita’ del commissario straordinario
riferisce al Parlamento il Presidente del Consiglio dei
ministri o un ministro da lui delegato».

Art. 7

Relazione annuale

1. La Relazione di sintesi sugli interventi realizzati nelle aree
sottoutilizzate e sui risultati conseguiti, di cui all’articolo 10,
comma 7, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, fornisce elementi
informativi di dettaglio in merito all’attuazione delle disposizioni
di cui al presente decreto ed e’ trasmessa dal Ministro delegato,
contestualmente alla presentazione alle Camere, alla Conferenza
unificata.

Note all’art. 7:
– Per il testo dell’ art. 10, comma 7, della citata
legge n. 196 del 2009, si veda nelle note all’articolo 5.

Art. 8

Disposizioni transitorie e finali

1. In sede di prima attuazione dell’articolo 16 della legge 5
maggio 2009, n. 42, restano comunque ferme le disposizioni vigenti
che disciplinano i contributi speciali e gli interventi diretti dello
Stato in favore dei territori confinanti con le Regioni a statuto
speciale, dei territori montani e delle isole minori, nonche’ gli
altri contributi e interventi diretti dello Stato comunque
riconducibili all’articolo 119, quinto comma, della Costituzione, che
perseguono finalita’ diverse da quelle indicate all’articolo 1. Con
uno o piu’ decreti legislativi adottati ai sensi della legge 5 maggio
2009, n. 42 sono introdotte ulteriori disposizioni attuative
dell’articolo 16 della citata legge con riferimento ai predetti
contributi e interventi.
2. In attuazione del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78,
convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, le
attribuzioni riconducibili all’esercizio delle funzioni di indirizzo
politico-amministrativo in materia di politica di coesione economica,
sociale e territoriale si intendono riferite al Ministro delegato.
3. Fino alla conclusione della fase transitoria di cui agli
articoli 20 e 21 della legge 5 maggio 2009, n. 42, il Ministro
delegato riferisce alla Commissione parlamentare per l’attuazione del
federalismo fiscale sulla realizzazione degli interventi previsti dal
presente decreto.
Il presente decreto, munito del Sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.

Dato a Roma, addi’ 31 maggio 2011

NAPOLITANO

Berlusconi, Presidente del
Consiglio dei Ministri

Tremonti, Ministro dell’economia e
delle finanze

Bossi, Ministro per le riforme per
il federalismo

Calderoli, Ministro per la
semplificazione normativa

Fitto, Ministro per i rapporti con
le regioni e per la coesione
territoriale

Romani, Ministro dello sviluppo
economico

Maroni, Ministro dell’interno

Brunetta, Ministro per la pubblica
amministrazione e l’innovazione

Visto, il Guardasigilli: Alfano

Note all’art. 8:
– Per il testo dell’art. 16 della citata legge n. 42
del 2009, si veda nelle note alle premesse.
– Per i riferimenti al decreto-legge n. 78 del 2010, si
veda nelle note alle premesse.
– Si riporta il testo degli articoli 20 e 21 della
citata legge n. 42 del 2009:
«Art. 20. Principi e criteri direttivi concernenti
norme transitorie per le regioni
1. I decreti legislativi di cui all’articolo 2 recano
una disciplina transitoria per le regioni, nel rispetto dei
seguenti principi e criteri direttivi:
a) i criteri di computo delle quote del fondo
perequativo di cui all’articolo 9 si applicano a regime
dopo l’esaurimento di una fase di transizione diretta a
garantire il passaggio graduale dai valori dei
trasferimenti rilevati nelle singole regioni come media nel
triennio 2006-2008, al netto delle risorse erogate in via
straordinaria, ai valori determinati con i criteri dello
stesso articolo 9;
b) l’utilizzo dei criteri definiti dall’articolo 9
avviene a partire dall’effettiva determinazione del
contenuto finanziario dei livelli essenziali delle
prestazioni, mediante un processo di convergenza dalla
spesa storica al fabbisogno standard in un periodo di
cinque anni;
c) per le materie diverse da quelle di cui all’articolo
117, secondo comma, lettera m), della Costituzione, il
sistema di finanziamento deve divergere progressivamente
dal criterio della spesa storica a favore delle capacita’
fiscali per abitante in cinque anni. Nel caso in cui, in
sede di attuazione dei decreti legislativi, emergano
situazioni oggettive di significativa e giustificata
insostenibilita’ per alcune regioni, lo Stato puo’
attivare, previa intesa in sede di Conferenza permanente
per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano, meccanismi correttivi di
natura compensativa di durata pari al periodo transitorio
di cui alla presente lettera;
d) i meccanismi compensativi di cui alla lettera c)
vengono attivati in presenza di un organico piano di
riorganizzazione dell’ente, coordinato con il Piano per il
conseguimento degli obiettivi di convergenza di cui
all’articolo 18;
e) specificazione del termine da cui decorre il periodo
di cinque anni di cui alle lettere b) e c);
f) garanzia per le regioni, durante la fase
transitoria, della copertura del differenziale certificato,
ove positivo, tra i dati previsionali e l’effettivo gettito
dei tributi di cui all’articolo 8, comma 1, lettera g);
g) acquisizione al bilancio dello Stato, durante la
fase transitoria, del differenziale certificato, ove
negativo, tra i dati previsionali e l’effettivo gettito dei
tributi di cui all’articolo 8, comma 1, lettera g);
h) garanzia che la somma del gettito delle nuove
entrate regionali di cui all’articolo 10, comma 1, lettere
b) e c), sia, per il complesso delle regioni di cui al
medesimo articolo, non inferiore al valore degli
stanziamenti di cui al comma 1, lettera a), del medesimo
articolo 10 e che si effettui una verifica, concordata in
sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato,
le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,
dell’adeguatezza e della congruita’ delle risorse
finanziarie delle funzioni gia’ trasferite.
2. La legge statale disciplina la determinazione dei
livelli essenziali di assistenza e dei livelli essenziali
delle prestazioni. Fino a loro nuova determinazione in
virtu’ della legge statale si considerano i livelli
essenziali di assistenza e i livelli essenziali delle
prestazioni gia’ fissati in base alla legislazione
statale»;
«Art. 21. Norme transitorie per gli enti locali
1. In sede di prima applicazione, i decreti legislativi
di cui all’articolo 2 recano norme transitorie per gli enti
locali, secondo i seguenti principi e criteri direttivi:
a) nel processo di attuazione dell’articolo 118 della
Costituzione, al finanziamento delle ulteriori funzioni
amministrative nelle materie di competenza legislativa
dello Stato o delle regioni, nonche’ agli oneri derivanti
dall’eventuale ridefinizione dei contenuti delle funzioni
svolte dagli stessi alla data di entrata in vigore dei
medesimi decreti legislativi, provvedono lo Stato o le
regioni, determinando contestualmente adeguate forme di
copertura finanziaria coerenti con i principi della
presente legge;
b) garanzia che la somma del gettito delle nuove
entrate di comuni e province in base alla presente legge
sia, per il complesso dei comuni ed il complesso delle
province, corrispondente al valore dei trasferimenti di cui
all’articolo 11, comma 1, lettera e), e che si effettui una
verifica di congruita’ in sede di Conferenza unificata;
c) considerazione, nel processo di determinazione del
fabbisogno standard, dell’esigenza di riequilibrio delle
risorse in favore degli enti locali sottodotati in termini
di trasferimenti erariali ai sensi della normativa vigente
rispetto a quelli sovradotati;
d) determinazione dei fondi perequativi di comuni e
province in misura uguale, per ciascun livello di governo,
alla differenza fra i trasferimenti statali soppressi ai
sensi dell’articolo 11, comma 1, lettera e), destinati al
finanziamento delle spese di comuni e province, esclusi i
contributi di cui all’articolo 16, e le maggiori entrate
spettanti in luogo di tali trasferimenti ai comuni ed alle
province, ai sensi dell’articolo 12, tenendo conto dei
principi previsti dall’articolo 2, comma 2, lettera m),
numeri 1) e 2), relativamente al superamento del criterio
della spesa storica;
e) sono definite regole, tempi e modalita’ della fase
transitoria in modo da garantire il superamento del
criterio della spesa storica in un periodo di cinque anni,
per le spese riconducibili all’esercizio delle funzioni
fondamentali e per le altre spese. Fino alla data di
entrata in vigore delle disposizioni concernenti
l’individuazione delle funzioni fondamentali degli enti
locali:
1) il fabbisogno delle funzioni di comuni e province e’
finanziato considerando l’80 per cento delle spese come
fondamentali ed il 20 per cento di esse come non
fondamentali, ai sensi del comma 2;
2) per comuni e province l’80 per cento delle spese di
cui al numero 1) e’ finanziato dalle entrate derivanti
dall’autonomia finanziaria, comprese le compartecipazioni a
tributi erariali, e dal fondo perequativo; il 20 per cento
delle spese di cui al numero 1) e’ finanziato dalle entrate
derivanti dall’autonomia finanziaria, ivi comprese le
compartecipazioni a tributi regionali, e dal fondo
perequativo;
3) ai fini del numero 2) si prende a riferimento
l’ultimo bilancio certificato a rendiconto, alla data di
predisposizione degli schemi di decreto legislativo di cui
all’articolo 2;
f) specificazione del termine da cui decorre il periodo
di cinque anni di cui alla lettera e).
2. Ai soli fini dell’attuazione della presente legge, e
in particolare della determinazione dell’entita’ e del
riparto dei fondi perequativi degli enti locali in base al
fabbisogno standard o alla capacita’ fiscale di cui agli
articoli 11 e 13, in sede di prima applicazione, nei
decreti legislativi di cui all’articolo 2 sono
provvisoriamente considerate ai sensi del presente
articolo, ai fini del finanziamento integrale sulla base
del fabbisogno standard, le funzioni individuate e
quantificate dalle corrispondenti voci di spesa, sulla base
dell’articolazione in funzioni e relativi servizi prevista
dal regolamento di cui al decreto del Presidente della
Repubblica 31 gennaio 1996, n. 194.
3. Per i comuni, le funzioni, e i relativi servizi, da
considerare ai fini del comma 2 sono provvisoriamente
individuate nelle seguenti:
a) funzioni generali di amministrazione, di gestione e
di controllo, nella misura complessiva del 70 per cento
delle spese come certificate dall’ultimo conto del bilancio
disponibile alla data di entrata in vigore della presente
legge;
b) funzioni di polizia locale;
c) funzioni di istruzione pubblica, ivi compresi i
servizi per gli asili nido e quelli di assistenza
scolastica e refezione, nonche’ l’edilizia scolastica;
d) funzioni nel campo della viabilita’ e dei trasporti;
e) funzioni riguardanti la gestione del territorio e
dell’ambiente, fatta eccezione per il servizio di edilizia
residenziale pubblica e locale e piani di edilizia nonche’
per il servizio idrico integrato;
f) funzioni del settore sociale.
4. Per le province, le funzioni, e i relativi servizi,
da considerare ai fini del comma 2 sono provvisoriamente
individuate nelle seguenti:
a) funzioni generali di amministrazione, di gestione e
di controllo, nella misura complessiva del 70 per cento
delle spese come certificate dall’ultimo conto del bilancio
disponibile alla data di entrata in vigore della presente
legge;
b) funzioni di istruzione pubblica, ivi compresa
l’edilizia scolastica;
c) funzioni nel campo dei trasporti;
d) funzioni riguardanti la gestione del territorio;
e) funzioni nel campo della tutela ambientale;
f) funzioni nel campo dello sviluppo economico relative
ai servizi del mercato del lavoro.
5. I decreti legislativi di cui all’articolo 2
disciplinano la possibilita’ che l’elenco delle funzioni di
cui ai commi 3 e 4 sia adeguato attraverso accordi tra
Stato, regioni, province e comuni, da concludere in sede di
Conferenza unificata.».

DECRETO LEGISLATIVO 31 maggio 2011, n. 88 – Disposizioni in materia di risorse aggiuntive ed interventi speciali per la rimozione di squilibri economici e sociali, a norma dell’articolo 16 della legge 5 maggio 2009, n. 42. (11G0130) – (GU n. 143 del 22-6-2011

Geometra.info