MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 18 ottobre 2010 | Geometra.info

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 18 ottobre 2010

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 18 ottobre 2010 - Riparto delle risorse del Fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione, relative all'annualita' 2010. (10A15739) - (GU n. 304 del 30-12-2010 )

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 18 ottobre 2010

Riparto delle risorse del Fondo nazionale per il sostegno all’accesso
alle abitazioni in locazione, relative all’annualita’ 2010.
(10A15739)

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO

Visto l’articolo 10 della legge 14 febbraio 1963, n. 60, che
destina i contributi di cui al comma 1, lettere b) e c), al
finanziamento di un programma costruttivo di alloggi per lavoratori;
Vista la legge 9 dicembre 1998, n. 431, concernente la disciplina
delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso
abitativo che, all’articolo 11, istituisce, presso il Ministero dei
lavori pubblici (ora Ministero delle infrastrutture e dei trasporti)
il Fondo nazionale per il sostegno all’accesso delle abitazioni in
locazioni;
Visto il decreto ministeriale 7 giugno 1999, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale – serie generale – n. 167 del 19 luglio 1999, con
il quale sono stati fissati, ai sensi dell’articolo 11, comma 4,
della legge 9 dicembre 1998, n. 431, i requisiti minimi dei
conduttori per beneficiare dei contributi integrativi a valere sulle
risorse assegnate al Fondo nazionale di sostegno per l’accesso alle
abitazioni in locazione nonche’ i criteri per la determinazione degli
stessi;
Visto, il comma 5 dell’articolo 11 della citata legge 9 dicembre
1998, n. 431, come sostituito dall’articolo 7, comma 1, del
decreto-legge 13 settembre 2004, n. 240, convertito dalla legge 12
novembre 2004, n. 269, che stabilisce, tra l’altro, che a decorrere
dal 2005 la ripartizione delle risorse assegnate al Fondo e’
effettuata dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti previa
intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato,
le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano sulla base dei
criteri fissati con apposito decreto del Ministro delle
infrastrutture e dei trasporti previa medesima intesa ed in rapporto
alla quota di risorse messe a disposizione dalle singole regioni e
province autonome;
Visto il decreto ministeriale 14 settembre 2005, prot. n. 1998/C2,
registrato alla Corte dei conti il 10 novembre 2005, reg. 9, fog.
142, con il quale in attuazione dell’ articolo 11 della citata legge
9 dicembre 1998, n. 431, come sostituito dall’articolo 7, comma 1,
del decreto-legge 13 settembre 2004, n. 240, convertito dalla legge
12 novembre 2004, n. 269, sono stati fissati, previa intesa in sede
di Conferenza Stato- Regioni del 14 luglio 2005, i criteri per la
ripartizione delle risorse assegnate al Fondo nazionale di sostegno
per l’accesso alle abitazioni in locazione di cui al comma 1
dell’articolo 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431;
Vista la legge 23 dicembre 2009, n. 191 (legge finanziaria 2010)
che attribuisce al citato Fondo per l’anno 2010 la dotazione di euro
143.825.863,00;
Visto il decreto-legge 1°gennaio 2010, n. 1 convertito in legge,
con modificazioni, dall’articolo 1, comma 1, della legge 5 marzo
2010, n. 30 ed in particolare l’articolo 10, comma 1, lettera b) la
cui applicazione ha comportato una riduzione di euro 1.402.412, 00
della suddetta disponibilita’;
Visto l’articolo 1, comma 5, del decreto-legge 5 agosto 2010, n.
125 convertito, con modificazioni, con legge 1° ottobre 2010, 163 la
cui applicazione ha comportato una ulteriore riduzione di euro
1.154.910,06 della suddetta disponibilita’;
Considerato, pertanto, che la dotazione complessiva del Fondo
nazionale per il sostegno all’accesso delle abitazioni in locazioni
ammonta, per l’annualita’ 2010, complessivamente ad euro
141.268.540,94;
Visti inoltre i commi da 106 a 126 dell’articolo 2 della richiamata
legge n. 191/2009 concernenti la revisione dell’ordinamento
finanziario delle province autonome di Trento e di Bolzano;
Visti in particolare il comma 109 della citata legge 191/2009 con
il quale sono stati abrogati, a decorrere dal 1° gennaio 2010, gli
articoli 5 e 6 della legge 30 novembre 1989, n. 386, ed il comma 126
della detta legge 191/2009 che dispone che le maggiori entrate e le
minore spese derivanti dall’attuazione dei commi da 105 a 125
affluiscono al fondo di cui al comma 250 della medesima legge;
Visto il decreto ministeriale 13 novembre 2009 prot. n. 12965,
registrato alla Corte dei conti – Ufficio di controllo atti Ministeri
delle infrastrutture ed assetto del territorio- in data 25 novembre
2009, registro 9, foglio n. 271, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
– serie generale – dell’11 dicembre 2009, n. 288, con il quale e’
stato effettuato il riparto delle risorse assegnate al Fondo
nazionale relativamente all’annualita’ 2009;
Visto il decreto ministeriale 14 maggio 2009, n. 403, registrato
alla Corte dei conti – Ufficio di controllo atti Ministeri delle
infrastrutture ed assetto del territorio- in data 8 luglio 2009, reg.
6, foglio 311, con il quale il Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti ha conferito, tra l’altro, al Sottosegretario di Stato,
Sen. Mario Mantovani, la delega all’esercizio delle funzioni inerenti
le materie della Direzione generale per le politiche abitative;
Considerato che nell’intesa del 29 ottobre 2009 espressa dalla
Conferenza permanente sopracitata in occasione del riparto 2009 e’
stato richiesto al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti di
verificare gli scostamenti che si sarebbero riscontrati sul riparto
2009 nel caso in cui non fossero stati presi in considerazione i dati
relativi alle risorse aggiuntive messe a disposizione dai comuni
della regione Veneto con riferimento all’anno 2007 e di compensare
tali scostamenti sull’annualita’ 2010;
Considerato che a seguito delle verifiche effettuate lo scostamento
verificato nel riparto dell’annualita’ 2009 a favore della regione
Veneto e’ risultato pari ad euro 589.812,50 e che pertanto occorre
portare tale importo in compensazione nel riparto 2010;
Visti gli esiti della riunione tecnica svoltasi il 30 settembre
2010 nel corso della quale le Regioni hanno comunicato di aderire
alla richiesta della Regione Veneto volta alla riformulazione della
proposta di ripartizione delle risorse senza l’applicazione della
compensazione sancita nella Seduta della Conferenza del 29 ottobre
2009 e il Ministero delle infrastrutture si e’ impegnato a
trasmettere un nuovo schema di decreto che tenga conto di quanto
deciso dalle Regioni in sede politica, assicurando alla Regione
Molise di avviare l’esame per la revisione dei criteri di riparto;
Vista l’intesa espressa sulla proposta di ripartizione effettuata
dal Ministro delle infrastrutture e dei trasporti dalla Conferenza
permanente per i rapporti fra lo Stato, le regioni e le province
autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 7 ottobre 2010 con la
quale e’ stato deciso, tra l’altro, di non procedere alla
compensazione nei confronti della Regione Veneto come precedentemente
stabilito nell’intesa del 29 ottobre 2009;
Considerato che le somme relative al riparto dell’annualita’ 2010
riferibili alle Province autonome di Trento e Bolzano affluiscono, ai
sensi dei commi 109 e 126 della richiamata legge 23 dicembre 2009, n.
191 al Fondo di cui al comma 250 della medesima legge;

Decreta:

1. La disponibilita’ del Fondo nazionale di sostegno per l’accesso
alle abitazioni in locazione di cui all’articolo 11 della legge 9
dicembre 1998, n. 431, pari per l’annualita’ 2010 ad euro
141.268.540,94 e’ ripartita tra le regioni e le province autonome di
Trento e Bolzano secondo l’allegata tabella che forma parte
integrante del presente decreto.
2. Ai sensi dei commi 109 e 126 dell’articolo 2, della legge 23
dicembre 2009, n. 191, l’importo complessivo di euro 3.017.101,84, di
cui euro 1.507.271,93 riferito alla provincia autonoma di Trento e di
euro 1.509.829,91 riferito alla provincia autonoma di Bolzano, e’
versato all’entrata del bilancio dello Stato per affluire sul fondo
di cui al comma 250 della medesima legge 191/2009.
3. Le regioni e le province autonome ripartiscono le quote di
propria spettanza a norma del comma 7 del predetto articolo 11 della
legge 9 dicembre 1998, n. 431 come integrato dall’articolo 1, comma
2, della legge 8 febbraio 2001, n. 21.
4. I comuni, sulla base delle risorse loro assegnate e nel rispetto
dei requisiti minimi stabiliti dal decreto del Ministro dei lavori
pubblici del 7 giugno 1999, definiscono la graduatoria tra i soggetti
in possesso dei predetti requisiti.
5. Ai fini dei successivi riparti, le comunicazioni delle regioni e
province autonome al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti –
Direzione generale per le politiche abitative, concernenti l’entita’
dei fondi aggiuntivi iscritti nei bilanci regionali per l’annualita’
cui si riferisce il riparto e di quelli degli enti locali riferiti
all’anno precedente iscritti in bilancio, gia’ indicati al comma 6
del decreto ministeriale 14 settembre 2005, dovranno pervenire al
Ministero entro e non oltre il 30 marzo di ciascun anno. Le
comunicazioni pervenute oltre tale data non saranno prese in
considerazione ai fini dei riparti di che trattasi.
6. Ai sensi del punto 7 del decreto ministeriale 14 settembre 2005,
prot. n. 1998/C2, registrato alla Corte dei conti il 10 novembre
2005, reg. 9, fog. 142, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 281
del 2 dicembre 2005, le risorse statali non ripartite dalle singole
regioni e province autonome entro un anno dall’erogazione saranno
decurtate dalla quota di spettanza dell’anno successivo. A tal fine
le regioni e province autonome comunicano al Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti, entro il termine di cui sopra, il
provvedimento di riparto in favore dei comuni.
7. Per quanto indicato nelle premesse il punto 4 del decreto
ministeriale 13 novembre 2009 prot. n. 12965, registrato alla Corte
dei conti – Ufficio di controllo atti Ministeri delle infrastrutture
ed assetto del territorio- in data 25 novembre 2009, registro 9,
foglio n. 271, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – serie generale –
dell’11 dicembre 2009, n. 288, e’ abrogato.
Il presente decreto, sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 18 ottobre 2010

Il Sottosegretario di Stato: Mantovani

Registrato alla Corte dei conti il 17 novembre 2010
Ufficio controllo atti Ministeri delle infrastrutture ed assetto del
territorio, registro n. 9, foglio n. 397

Allegato

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 18 ottobre 2010

Geometra.info