MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 23 dicembre 2008 | Geometra.info

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 23 dicembre 2008

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 23 dicembre 2008 - Programmi concernenti la rivitalizzazione economica e sociale delle citta' e delle zone adiacenti in crisi, per promuovere uno sviluppo urbano sostenibile. URBAN - ITALIA. (GU n. 11 del 15-1-2009 )

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 23 dicembre 2008

Programmi concernenti la rivitalizzazione economica e sociale delle
citta’ e delle zone adiacenti in crisi, per promuovere uno sviluppo
urbano sostenibile. URBAN – ITALIA.

IL DIRETTORE GENERALE
per la programmazione – infrastrutture

Visti gli articoli 8, 10 e 11 del decreto del Presidente della
Repubblica n. 367 del 20 aprile 1994, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 136 del 13 giugno 1994, e la relativa circolare
attuativa del Ministero del tesoro n. 77 del 28 dicembre 1995, i
quali stabiliscono che la durata della contabilita’ speciale e’ in
funzione della durata dell’Accordo e del tempo necessario
all’attuazione del programma;
Visto l’art. 54 del decreto legislativo n. 112 del 31 marzo 1998,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 92 del 21 aprile 1998, sul
conferimento delle funzioni e dei compiti amministrativi dello Stato
alle regioni e agli enti locali in attuazione del Capo I della legge
n. 59 del 15 marzo 1997, che, tra le funzioni mantenute allo Stato,
individua la «promozione di programmi innovativi in ambito urbano che
implichino un intervento coordinato da parte di diverse
amministrazioni dello Stato, di intesa con la conferenza unificata»;
Visto il regolamento comunitario n. 1260 del 21 giugno 1999,
recante disposizioni generali sui fondi strutturali, nei quali
rientra il Programma di iniziativa comunitaria Urban II;
Vista la comunicazione agli Stati membri della Commissione europea
n. 2000/C141/04 del 28 aprile 2000, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Comunita’ europea, serie C 141/8 del 19 maggio 2000,
recante gli orientamenti relativi all’iniziativa comunitaria
concernente la rivitalizzazione economica e sociale delle citta’ e
delle zone adiacenti in crisi, per promuovere uno sviluppo urbano
sostenibile, concretizzatasi con il Programma di iniziativa
comunitaria Urban II;
Visto l’art. 145, comma 86, della legge del 23 dicembre 2000, n.
388, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2000,
recante disposizione per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato che a titolo di concorso per l’attuazione dei
progetti collocati nella graduatoria dei programmi di iniziativa
comunitaria URBAN II, di cui al decreto del Ministro dei lavori
pubblici del 19 luglio 2000, pubblicato nel supplemento ordinario
alla Gazzetta Ufficiale n. 214 del 13 settembre 2000, concede ai
primi venti progetti non ammessi al finanziamento comunitario un
contributo fino 10 miliardi di lire (5,16 Meuro) per una spesa
complessiva massima di 100 miliardi di lire (51,65 Meuro) annue;
Visto il decreto del Ministro dei lavori pubblici n. 415 dell’11
aprile 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 164 del 17 luglio
2001, con il quale e’ stata approvata la graduatoria relativa ai
Programmi di iniziativa comunitaria Urban II;
Visto il decreto interministeriale del 27 maggio 2002, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 213 dell’11 settembre 2002, con il quale
sono state definite le procedure e le modalita’ attuative del
Programma ed, in particolare, l’art. 3 del predetto decreto nel quale
si definisce il periodo di eleggibilita’ delle spese dal 17 luglio
2001;
Visto il resoconto della riunione tecnica, tenutasi il 22 novembre
2002, tra il Ministero dell’economia e delle finanze e il Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti, inerente la determinazione
delle procedure finanziarie e operative per l’attuazione del
Programma Urban Italia;
Visto il decreto del 7 agosto 2003 con il quale, tra l’altro, sono
stati approvati i programmi stralcio presentati dalle seguenti
Amministrazioni comunali: Aversa (Caserta), Bagheria (Palermo),
Bitonto (Bari), Brindisi, Caltagirone (Catania), Campobasso,
Catanzaro, Cava de’ Tirreni (Salerno), Cinisello Balsamo (Milano),
Ercolano (Napoli), Livorno, Messina, Rovigo, Savona, Seregno
(Milano), Settimo Torinese (Torino), Trapani, Trieste, Venaria Reale
(Torino), Venezia;
Visto l’art. 2, comma 1, lettera c) del sopra citato decreto del 7
agosto 2003, il quale dispone che le Amministrazioni comunali sono
tenute a spendere, entro il 31 dicembre 2006, il totale delle risorse
messe a disposizione a valere sulla legge n. 388/2000, nonche’ tutte
le quote di cofinanziamento locali, previste dall’art. 2 del D.I. 27
maggio 2002;
Visto il decreto del 3 febbraio 2004, n. 17 con il quale e’ stato
modificato il finanziamento a valere sulla legge n. 388/2000,
relativo al solo comune di Cinisello Balsamo e, di conseguenza, e’
stata modificata la quota assegnata al Ministero delle infrastrutture
e dei trasporti;
Visto l’art. 1, comma 2 del decreto 11 aprile 2006, n. 312 che,
modificando l’art. 2, comma 1, lettera c) del decreto del 7 agosto
2003, dispone che le Amministrazioni comunali sono tenute a spendere
entro il 31 dicembre 2008 il totale delle risorse messe a
disposizione a valere sulla legge n. 388/2000, nonche’ tutte le quote
di cofinanziamento locali, previste dall’art. 2 del D.I. 27 maggio
2002;
Visto l’art. 1, comma 3 del sopra citato decreto 11 aprile 2006 che
dispone che nel rispetto degli articoli 8, 10 e 11 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 367 del 20 aprile 1994, e della
relativa circolare attuativa del Ministero del tesoro n. 77 del 28
dicembre 1995, il termine stabilito per la copertura finanziaria del
Programma e per il mantenimento della contabilita’ speciale dei
singoli Comuni, e’ anch’esso prorogato al 31 dicembre 2008;
Visto il decreto-legge n. 85 del 16 maggio 2008, recante
disposizioni urgenti per l’adeguamento delle strutture di Governo, in
applicazione dell’art. 1, commi 376 e 377, della legge n. 244 del 24
dicembre 2007, convertito in legge n. 121 del 14 luglio 2008
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 164 del 15 luglio 2008;
Vista la nota del Ministero dell’economia e delle finanze n. 99423
dell’11 agosto 2008 che proroga al 30 giugno 2009 le contabilita’
speciali delle Amministrazioni comunali del Programma Urban Italia;
Vista la nota della Commissione europea n. 011651 del 3 dicembre
2008 che prevede, alla luce del particolare periodo di crisi che i
paesi europei si trovano ad affrontare, la possibilita’ di prorogare
al 30 giugno 2009 il termine dell’ammissibilita’ della spesa per i
Programmi comunitari in conformita’ degli articoli 30.2 e 14.2 del
regolamento (CE) 1260/1999;
Vista la nota del Ministero dello sviluppo economico n. 26748 del 9
dicembre 2008 relativa all’attivazione delle procedure, da parte
delle Autorita’ di gestione dei Programmi comunitari, per la proroga
al 30 giugno 2009 del termine di ammissibilita’ della spesa;
Considerato che per il Programma comunitario Urban II Italia
2000-2006 sono state attivate le procedure per la proroga al 30
giugno 2009 del termine dell’ammissibilita’ delle spese secondo
quanto disposto dalla sopraccitata nota;
Considerato che il Programma Urban Italia e’ funzionalmente
correlato al Programma di iniziativa comunitaria Urban II Italia
2000-2006;
Considerato che le risorse assegnate dall’art. 145, comma 86, della
legge n. 388/2000, pari ad euro 103.291.379,81, sono state iscritte
sul capitolo 7493 (ex 8620) dello stato di previsione della spesa del
Ministero dell’economia e delle finanze «Fondo di rotazione per le
politiche comunitarie»;
Considerato che le suddette risorse della legge n. 388/2000 sono
state interamente impegnate per la realizzazione del Programma Urban
Italia;
Considerato che le Amministrazioni comunali del Programma Urban
Italia hanno espresso la volonta’ di ottenere la proroga al 30 giugno
2009 del termine dell’ammissibilita’ delle spese;
Ritenuto opportuno agevolare le Amministrazioni comunali coinvolte
nel Programma Urban Italia soprattutto in ragione delle difficolta’
che i Programmi operativi si trovano ad affrontare nel completo
utilizzo delle risorse disponibili in conseguenza della attuale crisi
finanziaria, che colpisce l’economia reale;

Decreta:

Art. 1.

Per le finalita’ e le necessita’ riportate in premessa, si dispone
quanto segue:
il termine per la conclusione del Programma Urban Italia,
stabilito nell’art. 2, comma 1, lettera c) del decreto del 7 agosto
2003 e s.m.i., e’ prorogato al 30 giugno 2009;
nel rispetto degli articoli 8, 10 e 11 del decreto del Presidente
della Repubblica del 20 aprile 1994, n. 367, e della relativa
circolare attuativa del Ministero del tesoro del 28 dicembre 1995, n.
77, il termine stabilito per la copertura finanziaria del Programma e
per il mantenimento della contabilita’ speciale dei singoli Comuni,
e’ anch’esso prorogato al 30 giugno 2009.

Art. 2.

La proroga di cui al precedente art. 1 non comporta, a carico del
bilancio dello Stato, alcun incremento di spesa rispetto all’importo
totale previsto dall’autorizzazione di spesa di cui all’art. 145,
comma 86, della legge n. 388/2000.
Roma, 23 dicembre 2008
Il direttore generale: Nola

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 23 dicembre 2008

Geometra.info