MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 29 dicembre 2010 | Geometra.info

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 29 dicembre 2010

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 29 dicembre 2010 - Norme attuative dell'articolo 11 del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 35, concernente l'attuazione della direttiva 2008/68/CE, relativa al trasporto interno di merci pericolose. (11A02767) - (GU n. 53 del 5-3-2011 )

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 29 dicembre 2010

Norme attuative dell’articolo 11 del decreto legislativo 27 gennaio
2010, n. 35, concernente l’attuazione della direttiva 2008/68/CE,
relativa al trasporto interno di merci pericolose. (11A02767)

IL CAPO DEL DIPARTIMENTO
per i trasporti, della navigazione e dei sistemi informativi e
statistici

Visto il decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 35, concernente
l’attuazione della direttiva 2008/68/CE, relativa al trasporto
interno di merci pericolose;
Visto in particolare l’art. 11, comma 10, con il quale si dispone
che con provvedimento del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti sono dettate le disposizioni applicative relative agli
esami dei consulenti per il trasporto di merci pericolose, con
particolare riferimento a quelli relativi ai consulenti di imprese
specializzate nel trasporto di determinati tipi di merci pericolose,
ai sensi del capitolo 1.8 dell’ADR, del RID e dell’ADN;
Visto altresi’ l’art. 11, comma 11, con il quale si dispone che con
provvedimento del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e’
individuato il numero e la composizione delle commissioni di esame,
nonche’ i requisiti e le modalita’ di nomina dei relativi componenti
e la durata della nomina stessa;
Visto il decreto ministeriale 6 giugno 2000 «Norme attuative del
decreto legislativo 4 febbraio 2000, n. 40, concernente i consulenti
alla sicurezza per trasporto di merci pericolose su strada, per
ferrovia o per via navigabile»;
Ritenuto di dover dare attuazione al disposto del decreto
legislativo 27 gennaio 2010, n. 35;

Decreta:

Art. 1

Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si intende per:
a) ADR: l’accordo europeo relativo al trasporto internazionale
delle merci pericolose su strada, concluso a Ginevra il 30 settembre
1957, e successive modificazioni;
b) RID: il regolamento relativo al trasporto internazionale delle
merci pericolose per ferrovia, che figura come appendice C alla
convenzione sul trasporto internazionale per ferrovia (COTIF),
conclusa a Vilnius il 3 giugno 1999, e successive modificazioni;
c) ADN: l’accordo europeo relativo al trasporto internazionale
delle merci pericolose per vie navigabili interne, concluso a
Ginevra» il 26 maggio 2000, e successive modificazioni;
d) «esame»: l’esame di cui alla sezione 1.8.3 dell’allegato A del
ARD/RID/ADN;
e) «commissione d’esame» la commissione di cui all’art. 11, coma
11, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 35.

Art. 2

Individuazione delle autorita’ competenti

1. I certificati di formazione professionale, di cui al punto
1.8.3.7 dell’ADR/RID/ADN, sono rilasciati, entro trenta giorni dalla
conclusione della sessione di esame, dagli uffici del dipartimento
per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici
sedi di commissioni di esame.

Art. 3

Qualificazione del consulenti

l. Non devono sostenere l’esame relativo alla specializzazione
delle merci individuate con i numeri UN 1202, 1203 e 1223, 3475, ed
il carburante per aviazione classificato ai n. ONU 1268 o 1863 coloro
che sono gia’ titolari di certificato di formazione professionale
relativo alle merci delle classi 3, 4.1, 4.2, 4.3, 5.1, 5.2, 6.1,
6.2, 8 e 9.

Art. 4

Commissioni di esame

1. I direttori generali territoriali in relazione alle esigenze
della Direzione generale di competenza istituiscono una o piu’
commissioni di esame per il conseguimento del certificato di
formazione professionale di consulente per la sicurezza del trasporto
fissandone la/e sede/i.
2. Ciascuna commissione e’ presieduta da un funzionario del
dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi
e statistici, con qualifica non inferiore a dirigente; per tale
funzione sono previsti uno o piu’ supplenti.
3. Le commissioni sono inoltre composte da due membri esperti nel
trasporto delle merci pericolose. Tali membri sono scelti tra
funzionari tecnici del dipartimento per i trasporti, la navigazione
ed i sistemi informativi e statistici di cui all’art. 17 della legge
1° dicembre 1986, n. 870. Per ciascun membro titolare sono previsti
uno o piu’ supplenti.
4. I membri delle commissioni operanti presso le direzioni generali
territoriali sono nominati don provvedimento del competente direttore
generale.
5. Per i candidati che intendono conseguire il certificato di
formazione professionale anche per la modalita’ del trasporto per le
vie navigabili interne e’ istituita presso la Direzione generale per
la motorizzazione una commissione di esame presieduta da un
funzionario del dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i
sistemi informativi e statistici, con qualifica non inferiore a
dirigente, composta da un membro esperto nel trasporto di merci
pericolose su strada, un membro esperto nel trasporto di merci
pericolose su ferrovia ed un membro esperto nel trasporto di merci
pericolose per le vie navigabili. Tali membri scelti tra i funzionari
tecnici dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi
informativi e statistici sono designati, unitamente ai loro uno o
piu’ supplenti, rispettivamente dal direttore generale per la
motorizzazione, dal direttore generale per il trasporto ferroviario e
dal direttore generale per il trasporto marittimo e per le vie
d’acqua interne.
6. Le funzioni di segretario sono assolte da funzionari ed
impiegati del dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i
sistemi informativi e statistici di qualifica non inferiore alla
sesta e sono di volta in volta nominati dai presidenti delle
commissioni per ciascuna sessione. Le funzioni di segretario della
commissione istituita presso la Direzione generale per la
motorizzazione sono affidate al funzionario della divisione 3 della
Direzione generale per la motorizzazione incaricato della istruzione
delle richieste di esame.
7. I membri della commissione rimangono in carica per cinque anni.
8. Non possono far parte delle commissioni persone per le quali
sussistano motivi di incompatibilita’ ai sensi degli articoli 51 e 52
del codice di procedura civile.
9. Le sedi e la composizione delle commissioni ed ogni loro
variazione devono essere comunicati alla Direzione generale per la
motorizzazione – divisione 3 – per darne pubblicita’ sul sito del
dipartimento.

Art. 5

Coordinamento delle commissioni

l. La commissione istituita presso la direzione generale per la
motorizzazione di cui all’art. 4, comma 5, svolge attivita’ di
indirizzo e aggiornamento per le commissioni istituite nelle
direzioni generali territoriali.

Art. 6

Procedure e modalita’ dell’esame

1. L’esame si svolge in forma scritta.
2. La prova scritta adattata al modo/ai modi di trasporto per il
quale/i quali il certificato viene rilasciato e’ costituita da due
parti secondo le indicazioni riportate al punto 1.8.3.12.4
dell’ADR/RID/ADN.
3. Le procedure e le modalita’ di svolgimento dell’esame sono
indicate nell’allegato I al presente decreto.
4. Le commissioni, di cui all’art. 4, commi l e 5, fissano almeno
due sessioni nel corso di ciascun anno: una da tenersi nel mese di
maggio, e l’altra da tenersi nel mese di novembre; le date di tali
sessioni vengono stabilite da ciascun presidente di commissione.
5. I presidenti di commissione, in maniera autonoma, indicono
sessioni straordinarie, qualora nella propria circoscrizione almeno
trenta candidati abbiano presentato domanda di esame.
6. Qualora in una delle sessioni fisse di cui al precedente comma
4, a causa di un elevato numero di richieste non sia possibile da
sottoporre ad esame tutti i candidati prenotati,il presidente indice
una o piu’ sessioni straordinarie da tenersi entro trenta giorni
dalla precedente, anche in deroga al limite stabilito al precedente
comma 5.
7. Il rinnovo del certificato di formazione professionale verte sul
superamento di un esame limitato ai soli questionari con le stesse
procedure previste per il primo rilascio.
8. Sia il rilascio che il rinnovo del certificato di formazione
puo’ essere richiesto ad una qualsiasi commissione di esame.
Roma, 29 dicembre 2010

Il capo del dipartimento: Fumero

Allegato I

Parte di provvedimento in formato grafico

APPENDICE A

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DECRETO 29 dicembre 2010

Geometra.info