MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI | Geometra.info

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - DECRETO 18 aprile 2003: Trasporto marittimo di merci pericolose allo stato liquido o allo stato di gas liquefatti poste in contenitori cisterna e veicoli cisterna stradali o ferroviari. (GU n. 110 del 14-5-2003)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

DECRETO 18 aprile 2003

Trasporto marittimo di merci pericolose allo stato liquido o allo
stato di gas liquefatti poste in contenitori cisterna e veicoli
cisterna stradali o ferroviari.

IL COMANDANTE GENERALE
del Corpo delle capitanerie di porto

Visto l’art. 3 della legge 28 gennaio 1994, n. 84: «Riordino della
legislazione in materia portuale» cosi’ come modificato dalla legge
23 dicembre 1996, n. 647, che attribuisce la competenza in materia di
sicurezza della navigazione, al Comando Generale del Corpo delle
capitanerie di porto;
Vista la legge 5 giugno 1962, n. 616, sulla sicurezza della
navigazione e della vita umana in mare, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale n. 163 del 5 luglio 1962;
Visto il decreto Presidente della Repubblica 26 marzo 2001, n. 177
recante «Regolamento di organizzazione del Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti» e, in particolare, l’art. 8 relativo
alle attribuzioni del comando generale del Corpo delle capitanerie di
porto;
Visto l’art. 4 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165
recante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze
delle amministrazioni pubbliche» che ha sostituito l’art. 3 del
decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29;
Viste le «Norme per l’imbarco, il trasporto per mare e lo sbarco di
contenitori cisterna contenenti merci pericolose allo stato liquido
oppure allo stato di gas liquefatti» contenute nella circolare n.
310474/MP datata 1° agosto 1974, come modificate;
Viste le «Norme per l’imbarco, il trasporto per mare e lo sbarco di
contenitori cisterna contenenti merci pericolose allo stato liquido
oppure allo stato di gas liquefatti» contenute nella circolare n.
310476/MP datata 1° agosto 1974, come modificate;
Vista la convenzione internazionale per la salvaguardia della Vita
Umana in Mare 1974 (SOLAS), ratificata con legge 23 maggio 1980, n.
313 e successivi emendamenti entrati in vigore con procedura
automatica ai sensi dell’art. 8 della convenzione stessa;
Tenuto conto che le norme di cui al cap. VII della citata
convenzione del 1974, come emendata, fanno rinvio, per gli aspetti
tecnici, alle disposizioni contenute nel codice internazionale
marittimo delle merci pericolose (I.M.D.G. Code), adottato
dall’organizzazione marittima internazionale (IMO) con risoluzione
A.81 (IV) del 27 settembre 1965, come emendato e, da ultimo, con
risoluzione MSC 122 (75);
Considerata l’esigenza di uniformita’ di disciplina del trasporto
marittimo nazionale ed internazionale, sia per motivi di sicurezza
che per motivi economico – commerciali;
Ritenuto, pertanto, necessario ed urgente, in attesa di un completo
recepimento nella normativa nazionale delle disposizioni contenute
nel citato codice internazionale marittimo sulle merci pericolose
(I.M.D.G. Code), consentire il trasporto marittimo di merci
pericolose in contenitori cisterna e veicoli cisterna stradali o
ferroviari anche secondo quanto disposto da tali disposizioni
internazionali;
Decreta:

Art. 1.

Sulle navi da carico e da passeggeri, nazionali e straniere, in
alternativa a quanto prescritto nella normativa nazionale in
premessa, e’ ammesso l’imbarco, il trasporto, lo sbarco e il
trasbordo di contenitori cisterna e veicoli cisterna stradali o
ferroviari rispondenti alla normativa dell’I.M.D.G. Code, contenenti
le merci pericolose allo stato liquido oppure allo stato di gas
liquefatti elencate nel predetto codice o classificate ai sensi dello
stesso.

Art. 2.

Sulle navi da carico e da passeggeri, nazionali e straniere, in
alternativa a quanto prescritto nella normativa nazionale in
premessa, lo stivaggio e la segregazione dei contenitori cisterna e
dei veicoli cisterna stradali e ferroviari sopracitati puo’ avvenire
in conformita’ alla normativa dell’I.M.D.G. Code.
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 18 aprile 2003

Il comandante generale: Sicurezza

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Geometra.info